Alessandria

Alta tecnologia e sinergia tra specialisti riportano un bambino a nuova vita

Al Centro Aritmologico dell’Azienda Ospedaliera diretta da Gianfranco Pistis eseguita con successo un’ablazione su un bambino di sette anni affetto da tachicardie frequenti

ALESSANDRIA - Ritornare liberamente a giocare con i suoi amici e compagni di scuola, ricominciare a vivere spensierato come dovrebbe fare ogni bambino di sette anni: questo ha significato per un piccolo paziente affetto da tachicardie frequenti l’intervento eseguito dal Centro Aritmologico della Cardiologia dell’Azienda Ospedaliera Santi Antonio e Biagio e Cesare Arrigo diretta da Gianfranco Pistis.
Il caso di questo bambino, infatti, era piuttosto complesso e difficile da controllare solamente attraverso l’utilizzo di due farmaci specifici, in quanto le alte dosi associate causavano un livello di stanchezza tale da impedire al bimbo le attività ricreative e sociali. Spiega il dottor Pistis: “La tachicardia era causata da un cortocircuito elettrico dovuto ad un problema congenito: al determinarsi di particolari condizioni, la via elettrica anomala iniziava a condurre l’impulso elettrico insieme alla via normale generando un cortocircuito e provocando così la tachicardia. Il Centro Aritmologico dell’Azienda ha deciso di intervenire effettuando un’ablazione, ossia una procedura che ha lo scopo di 'bruciare' la via anomala in un punto lungo il suo tratto, in modo che l’impulso elettrico non possa più passare e la tachicardia non possa più manifestarsi. Si tratta di un intervento molto delicato perché, oltre al fatto di non poter operare a cielo aperto, è richiesta una notevole precisione dato che la via anomala ha uno spessore di pochissimi millimetri e il cuore di un bambino è più piccolo di quello di un adulto, elemento che rende il tutto ancora più difficile”.

L’ablazione ha richiesto l’utilizzo di un elettrocatetere introdotto lungo la via femorale destra fino all’atrio destro del cuore; tuttavia, poiché la via anomala era situata nelle camere di sinistra, tra atrio e ventricolo, è stata necessaria la puntura transettale attraverso la quale si è fatto passare l’elettrocatetere dall’atrio destro all’atrio sinistro, producendo così un minuscolo foro nel setto che divide i due atrii, fino a farlo arrivare alla via anomala e bruciarla. Va sottolineato, inoltre, che l’intervento è stato eseguito con una “procedura a raggi zero”, senza l’utilizzo cioè dei raggi X, ma servendosi invece di sistemi di navigazione ad alto livello tecnologico, in linea con il progetto “Raggi zero” a cui già da qualche anno ha aderito la Cardiologia dell’Ospedale di Alessandria al fine di evitare l’esposizione di categorie sensibili, come bambini e donne in gravidanza o in età fertile, ai raggi X.

L’ablazione è stata un successo che ha permesso al bambino di sette anni di cominciare una nuova vita. Questo ottimo risultato in ambito sanitario e umano, è stato raggiunto grazie alle sofisticate tecnologie applicate, all’esperienza dei cardiologi del centro e alla sinergia con professionisti di altre specialità coinvolte nell’intervento.  Il Centro Aritmologico di Cardiologia dell’Azienda, punto di riferimento per l’intera provincia di Alessandria, effettua ogni anno circa 450 procedure tra ablazioni e impianti di defibrillatore e pacemaker nel paziente adulto, ma negli ultimi due anni ha iniziato anche l’attività di aritmologia pediatrica con l’obiettivo di dare una risposta positiva ai bambini affetti da aritmie costretti in precedenza a spostarsi in altri centri specializzati.
12/07/2017







blog comments powered by Disqus


La mia Cittadella: aneddoti, foto e curiosità da un cicerone

Alessandria | Tanti alessandrini possono raccontare di avere un rapporto speciale con una parte della città, che finisce per sfociare, nei casi più fortunati, in un vero e proprio amore. E' forse il caso di Sergio, volontario e cicerone del Fai, che ci porta a scoprire alcuni aspetti della fortezza che dimostrano quanto possa essere viva e affascinante

Un pianoforte all'ospedale per musica in corsia: chiunque può suonarlo

Alessandria | La famiglia Taulino ha donato un pianoforte in ricordo del figlio Alessandro. E' a disposizione di musicisti e amatori che vogliano allietare i degenti e chi aspetta in sala d'attesa

Spesa Donata al supermercato

Alessandria | Analogamente al Caffè Sospeso, in occasione delle festività natalizie, chiunque volesse donare la spesa a famiglie in difficoltà, può farlo direttamente al Carrefour Express con l'applicazione di un 10% di sconto

L'Istituto Saluzzo-Plana 'adotta' il complesso monumentale della chiesa di San Francesco

Alessandria | Il progetto, ispirato a un gestito particolarmente rivoluzionario compiuto nel 1500 dal papa Leone X, ha l'obiettivo di condurre i ragazzi in un percorso di formazione innovativo che porterà alla valorizzazione dell'ex Ospedale Militare, in partnership con il Comune, ben lieto di accogliere e sostenere questa iniziativa

In vacanza ad Amsterdam tre alessandrini salvano un passante

Alessandria | Al primo giorno da turisti in Olanda i tre infermieri alessandrini si sono trovati di fronte ad una scena di ordinaria (per loro) emergenza: prestati i primi soccorsi ad un uomo in arresto cardiaco, hanno ricevuto i ringraziamenti inaspettati della polizia locale