Alessandria

Al Cristo una casa per i detenuti e le loro famiglie

Il progetto, avviato grazie al contributo della Fondazione SociAL, è stato realizzato dall'Associazione Betel Onlus: "un alloggio dove “abitare” relazioni significative con se stessi e con i propri cari e dove ripensarsi in un contesto di vita più autentico"

ALESSANDRIA - C'è uno spazio, nel quartiere Cristo, destinato ad accogliere i detenuti presenti nelle due case di reclusione alessandrine dando loro la possibilità di trascorrervi i permessi premio sia da soli che con i propri famigliari al fine di favorire la ripresa e il rafforzamento delle relazioni socio-familiari. Si chiama "Casa Betel".

Il progetto, sostenuto dalla Fondazione SociAL nell’ambito del Bando 2016, nasce da una riflessione a lungo maturata in seno all’Associazione Betel Onlus sul tema della genitorialità in carcere e degli affetti dei detenuti. "Alla necessità di offrire uno spazio per tutelare e fortificare i legami genitoriali inevitabilmente frammentati e resi precari dall’esperienza del carcere - spiegano dall'associazione - Casa Betel offre un alloggio dove “abitare” relazioni significative con se stessi e con i propri cari e dove ripensarsi in un contesto di vita più autentico".
 
"Casa Betel" è costituita da due bilocali che nei primi mesi del 2017 sono stati imbiancati, puliti e arredati con mobili ed elettrodomestici e sono, ora, adatti ad accogliere fino a 10 persone. 

"I primi sei mesi - spiegano dall'Associazione - sono stati di predisposizione e di diffusione del progetto di ospitalità. Adesso siamo pronti a ospitare i detenuti in premesso premio, i loro famigliari e gli scarcerati in attesa di esplusione o di collocazione abitativa".

Le unità abitative si trovano in una palazzina di civile abitazione e, quindi, la tipologia degli ospitati sarà sempre valutata con attenzione dall'area educativa degli istituti di detenzione. L’Associazione Ex Allievi del CNOS di Alessandria (con sede nel quartiere di Casa Betel) si è resa disponibile alla manutenzione degli immobili ed alla creazione di una rete per inserire ex detenuti in attività lavorative.
"La possibilità per un detenuto di usufruire della casa - concludono da Betel - è anche una opportunità per riproporsi al mondo del lavoro".

[Sul sito della Fondazione SociAL ulteriori informazioni sul progetto]
6/08/2017







blog comments powered by Disqus


"Il gusto della solidarietà": giovedì 6 dicembre la cena per sostenere un progetto musicale in carcere

Alessandria | A preparare la cena di beneficienza, dal menù gourmet, saranno gli stessi ospiti degli Istituti Penitenziari alessandrini, con lo scopo di raccogliere fondi per finanziare un interessante progetto dedicato alla musica in carcere, realizzato con il sostegno del Conservatorio Vivaldi e di Franco Mussida

“Natale è un po’ bambino”: da domenica 2 dicembre decine di eventi per bambini e famiglie

Alessandria | Presentato il programma per il mese di dicembre, con decine di laboratori per le fasce di età 0-4 anni, 5-7 anni e 8-11 anni, oltre a proposte dedicate a genitori e pubblico adulto in generale. Ecco nel dettaglio tutti gli appuntamenti e come parteciparvi

"Muoversi senza barriere": il Cissaca punta su sport e integrazione, insieme a tante realtà del territorio

Alessandria | Il 10 dicembre si terrà un incontro al Punto D del Cristo per presentare i primi progetti sul territorio: l'obiettivo del Cissaca è fare rete per offrire numerose occasioni alle persone con disabilità sia motoria che intellettiva per fare sport e accedere ad attività inclusive, puntando sulla forza del team e del gioco di squadra

Firmato accordo tra Cia, Coompany e Istituto penitenziario: i detenuti a scuola di agricoltura

Alessandria | L'accordo consentirà ai detenuti più meritevoli di seguire corsi professionalizzanti svolti all'interno del carcere per acquisire competenze in ambito agricolo direttamente spendibili nel mondo del lavoro una volta scontata la pena

Artiviamoci: festival delle arti recluse per scoprire due quartieri "particolari" della città

Alessandria | Dal 7 al 16 dicembre la città ospiterà il la rassegna "Artiviamoci - Le mani e le arti" dedicata alle attività svolte all'interno delle due carceri alessandrine, da poco riunite formalmente sotto un unico istituto. Dalla pittura all'arte contemporanea, dalla fotografia al teatro, ecco il programma degli eventi pensati per osservare il carcere sotto una nuova luce