Alessandria

Cissaca: già pagati gran parte dei creditori

Grazie ai soldi arrivati dalla transazione con Palazzo Rosso il Consorzio ha potuto saldare gran parte dei debiti con fornitori e cooperative che prestano servizi e che da anni aspettavano di essere pagati. Intanto sta per essere finalmente avviato il progetto di Hounsing Sociale a San Michele

ALESSANDRIA - E' probabilmente una vera e propria boccata d'ossigeno, un "regalo" di Natale quantomai gradito e importante che consentirà a fornitori e cooperative di tornare a respirare dopo anni di apnea: stiamo parlando dell'attività intensa con cui il Cissaca, ricevuti dal Comune 6,5 milioni di euro per chiudere la situazione debitoria di Palazzo Rosso, sta pagando tutti i creditori con cui aveva ancora debiti in sospeso. 

"Entro un paio di mesi al massimo contiamo di aver saldato tutti i rapporti pregressi - racconta Mauro Buzzi, presidente del Consorzio per i servizi socio assistenziali - gran parte dei soldi arrivati dal Comune sono già stati spesi proprio per pagare i fornitori e con gli altri stiamo trovando accordi. Ovviamente, non avendo ricevuto dal Comune il 100% di quanto dovuto, stiamo chiedendo qualche sacrificio anche ai nostri fornitori, in particolare rispetto agli interessi maturati rispetto ai nostri debiti, ma possiamo dire con sollievo per tutti che gli accordi si stanno trovando". 

Si chiude così un periodo nerissimo, durato anni, in cui a rischio sono stati gli stessi servizi erogati dal Consorzio, oltre che le realtà che al Cissaca garantiscono forniture, e che in più di un caso sono state costrette a pagare gravissime conseguenze per i mancati versamenti di Palazzo Rosso e le conseguenti ripercussioni finanziarie. 

Da Palazzo Rosso intanto, proprio in questi giorni, sono stati deliberati ulteriori 42 mila e 500 euro che serviranno per comprare arredi, stoviglie e complementi per rendere finalmente abitabili i mini appartamenti dedicati all'Housing Sociale a San Michele, progetto che, dopo mille peripezie, pare finalmente pronto per divenire operativo, e che già dai prossimi mesi potrebbe ospitare i primi inquilini. 

11/12/2017







blog comments powered by Disqus


Uwa che non chiede l'elemosina in città

Alessandria | In silenzio, da qualche giorno, c'è un uomo che pulisce gratuitamente le strade dall'erba e lavora per migliorare l'aspetto della città. Si chiama Owa Onaiwu, cerca un lavoro, e nel frattempo chiede se potete aiutarlo donandogli scope, ramazze e sacchetti.

Nonostante tutto, Alessandria fiorisce [FIORI E SOLE]

#alessandriabella | Una galleria fotografica speciale e un grande augurio primaverile per tutti i cittadini di Alessandria. In bocca al lupo, #alessandriabella

Donati fegato, reni e cornee. L'Ospedale: “grazie alle generosità dei famigliari”

Alessandria | Due donne di 69 anni sono decedute in Ospedale. Valeria Bonato, coordinatore ospedaliero delle donazioni e prelievi di organi e tessuti: “la Rianimazione segue il donatore con una attenzione e una sensibilità che permettono di raggiungere questi risultati, oltre che una profonda umanità nei confronti dei parenti”

“Polmoni sotto zero”: inaugurata una apparecchiatura di ultimissima generazione

Alessandria | Grazie ai benefattori e alla solidarietà del mondo dello sport il reparto di Malattie dell’Apparato Respiratorio dell’Ospedale è ora dotato di “Ebercryo 2”, utilizzata per la criobiopsia polmonare transbronchiale, una metodica diffusa in pochi centri pneumologici in Italia e nel mondo

Eccezionale intervento all’esofago su un neonato di due giorni

Alessandria | Il bambino è stato operato dallo staff di Chirurgia Pediatrica diretta da Alessio Pini Prato: ora in buone condizioni ed è stato dimesso. L'Ospedale Infantile tra i centri considerati all’avanguardia nel settore della chirurgia mini invasiva neonatale