Torino

"Codice Rosa" in ospedale per sostenere le donne vittima di violenza

La Regione alla vigilia dell'8 marzo annuncia l'attivazione negli ospedali del "Codice Rosa", protocollo di sostegno e monitoraggio per sostenere le donne vittima di violenza

TORINO - Un'équipe multiprofessionale presente in ogni pronto soccorso e in ogni presidio sanitario del Piemonte, composta da ginecologa, pediatra, ostetrica, psicologa, assistente sociale e infermiera.
E un percorso dedicato di presa in carico garantito 24 ore su 24, in grado di operare raccordandosi con i servizi sociali, inserito in una rete regionale che avrà come punto di riferimento il Centro esperto sanitario istituito presso la Città della Salute.
La Giunta Chiamparino attiva così in tutte le aziende sanitarie regionali il "codice rosa" per le donne vittime di violenza sessuale e domestica. La delibera firmata dall'assessore alla Sanità Antonio Saitta e dall'assessora alle Pari opportunità Monica Cerutti sarà approvata questa mattina, lunedì 6 marzo, durante la riunione della Giunta.

"Prende corpo, per la parte di competenza della sanità regionale, la legge di prevenzione e contrasto alla violenza di genere varata lo scorso anno – spiega l'assessore Saitta –. A questo scopo è stata ridefinita e rafforzata la rete sanitaria per la prevenzione della violenza contro le donne e per il sostegno alle vittime, sono state uniformate le procedure e migliorati i servizi. L'istituzione del codice rosa è dunque un provvedimento concreto, che come Regione siamo felici di attuare in occasione di una ricorrenza importante come l'8 marzo".

"È fondamentale che le politiche di contrasto alla violenza di genere siano strutturali e integrate. L'approvazione di questa delibera rappresenta un altro importante passo avanti nell'applicazione della legge quadro 4/2016, a cui stiamo lavorando nella costruzione del piano triennale - sottolinea l'assessora Cerutti -. In particolare, la partecipazione del Centro esperto sanitario al coordinamento regionale con i Centri Antiviolenza ci permette di definire al meglio l'accompagnamento delle donne vittime di violenza che si rivolgono ai servizi sanitari".

Il "codice rosa", oltre a mettere in azione un percorso di assistenza specifico, prevede l'esenzione dal ticket sanitario per la durata di un anno per tutte le prestazioni connesse alla presa in carico clinica e psicologica della vittima di violenza o di maltrattamento. È considerato un codice aggiuntivo al codice di gravità, visibile soltanto agli operatori sanitari. Può essere attribuito dagli stessi operatori dei Dea di I e II livello, dal servizio di emergenza 118, ma anche in tutti gli altri presidi ospedalieri che fanno parte della rete sanitaria territoriale. L'avvio della procedura comporta l'attivazione dell'équipe multiprofessionale, istituita in ogni azienda sanitaria del Piemonte e rappresentata da almeno un referente in ogni presidio ospedaliero sede di Dea o di Pronto soccorso.
6/03/2017







blog comments powered by Disqus


Al via stage lavorativi per richiedenti asilo e rifugiati: il futuro è fare il saldatore

Alessandria | Cambalache dà il via a un nuovo progetto di formazione e inserimento lavorativo per richiedenti asilo sul modello virtuoso di Bee My Job, ma questa volta nell’ambito saldatura

Se il carcere diventa una nave diretta in America...

Alessandria | Domenica si è tenuto presso la cappella-teatro della casa circondariale Catiello-Gaeta lo spettacolo conclusivo del laboratorio teatrale "Arte espressione del Sé", organizzato dall'associazione "La Brezza Onlus" di Torino e ispirato al monologo "900" di Baricco: il risultato è stato un lavoro emozionante, ricco di buone storie da raccontare

Cuttica saluta la festa di fine Ramadan: "noi e voi uguali". Imam: "il primo sindaco a partecipare alle nostre celebrazioni"

Alessandria | Allo stadio Cattaneo si è tenuta la grande cerimonia per la celebrazione della fine del mese di digiuno e preghiera della comunità islamica alessandrina. Ecco il video con l'intervento del sindaco e la risposta del capo religioso dei credenti musulmani che vivono in città

#Nondiamoglielavinta: Alessandria diventa la capitale della lotta al cancro

Alessandria |  Il Festival della prevenzione e innovazione in oncologia organizzato dall’Aiom fa tappa in città da sabato 16 a lunedì 18 giugno. In piazza della Libertà sarà allestito il motorhome dove i medici forniranno informazioni su prevenzione, innovazione terapeutica e ricerca

Campus Residenziale gratuito IdeALi Tu: se hai dai 18 ai 25 puoi candidarti!

Alessandria | L'occasione è ghiotta, ma riguarderà solamente 12 ragazzi e ragazze di età compresa tra i 18 e i 25 anni che avranno la possibilità di progettare le attività che animeranno lo spazio appositamente ristrutturato all'interno dei Giardini Pittaluga. Le iscrizioni devono pervenire entro il 15 giugno. Ecco tutte le informazioni per partecipare