Torino

"Codice Rosa" in ospedale per sostenere le donne vittima di violenza

La Regione alla vigilia dell'8 marzo annuncia l'attivazione negli ospedali del "Codice Rosa", protocollo di sostegno e monitoraggio per sostenere le donne vittima di violenza

TORINO - Un'équipe multiprofessionale presente in ogni pronto soccorso e in ogni presidio sanitario del Piemonte, composta da ginecologa, pediatra, ostetrica, psicologa, assistente sociale e infermiera.
E un percorso dedicato di presa in carico garantito 24 ore su 24, in grado di operare raccordandosi con i servizi sociali, inserito in una rete regionale che avrà come punto di riferimento il Centro esperto sanitario istituito presso la Città della Salute.
La Giunta Chiamparino attiva così in tutte le aziende sanitarie regionali il "codice rosa" per le donne vittime di violenza sessuale e domestica. La delibera firmata dall'assessore alla Sanità Antonio Saitta e dall'assessora alle Pari opportunità Monica Cerutti sarà approvata questa mattina, lunedì 6 marzo, durante la riunione della Giunta.

"Prende corpo, per la parte di competenza della sanità regionale, la legge di prevenzione e contrasto alla violenza di genere varata lo scorso anno – spiega l'assessore Saitta –. A questo scopo è stata ridefinita e rafforzata la rete sanitaria per la prevenzione della violenza contro le donne e per il sostegno alle vittime, sono state uniformate le procedure e migliorati i servizi. L'istituzione del codice rosa è dunque un provvedimento concreto, che come Regione siamo felici di attuare in occasione di una ricorrenza importante come l'8 marzo".

"È fondamentale che le politiche di contrasto alla violenza di genere siano strutturali e integrate. L'approvazione di questa delibera rappresenta un altro importante passo avanti nell'applicazione della legge quadro 4/2016, a cui stiamo lavorando nella costruzione del piano triennale - sottolinea l'assessora Cerutti -. In particolare, la partecipazione del Centro esperto sanitario al coordinamento regionale con i Centri Antiviolenza ci permette di definire al meglio l'accompagnamento delle donne vittime di violenza che si rivolgono ai servizi sanitari".

Il "codice rosa", oltre a mettere in azione un percorso di assistenza specifico, prevede l'esenzione dal ticket sanitario per la durata di un anno per tutte le prestazioni connesse alla presa in carico clinica e psicologica della vittima di violenza o di maltrattamento. È considerato un codice aggiuntivo al codice di gravità, visibile soltanto agli operatori sanitari. Può essere attribuito dagli stessi operatori dei Dea di I e II livello, dal servizio di emergenza 118, ma anche in tutti gli altri presidi ospedalieri che fanno parte della rete sanitaria territoriale. L'avvio della procedura comporta l'attivazione dell'équipe multiprofessionale, istituita in ogni azienda sanitaria del Piemonte e rappresentata da almeno un referente in ogni presidio ospedaliero sede di Dea o di Pronto soccorso.
6/03/2017







blog comments powered by Disqus


La mia Cittadella: aneddoti, foto e curiosità da un cicerone

Alessandria | Tanti alessandrini possono raccontare di avere un rapporto speciale con una parte della città, che finisce per sfociare, nei casi più fortunati, in un vero e proprio amore. E' forse il caso di Sergio, volontario e cicerone del Fai, che ci porta a scoprire alcuni aspetti della fortezza che dimostrano quanto possa essere viva e affascinante

Un pianoforte all'ospedale per musica in corsia: chiunque può suonarlo

Alessandria | La famiglia Taulino ha donato un pianoforte in ricordo del figlio Alessandro. E' a disposizione di musicisti e amatori che vogliano allietare i degenti e chi aspetta in sala d'attesa

Spesa Donata al supermercato

Alessandria | Analogamente al Caffè Sospeso, in occasione delle festività natalizie, chiunque volesse donare la spesa a famiglie in difficoltà, può farlo direttamente al Carrefour Express con l'applicazione di un 10% di sconto

L'Istituto Saluzzo-Plana 'adotta' il complesso monumentale della chiesa di San Francesco

Alessandria | Il progetto, ispirato a un gestito particolarmente rivoluzionario compiuto nel 1500 dal papa Leone X, ha l'obiettivo di condurre i ragazzi in un percorso di formazione innovativo che porterà alla valorizzazione dell'ex Ospedale Militare, in partnership con il Comune, ben lieto di accogliere e sostenere questa iniziativa

In vacanza ad Amsterdam tre alessandrini salvano un passante

Alessandria | Al primo giorno da turisti in Olanda i tre infermieri alessandrini si sono trovati di fronte ad una scena di ordinaria (per loro) emergenza: prestati i primi soccorsi ad un uomo in arresto cardiaco, hanno ricevuto i ringraziamenti inaspettati della polizia locale