Volpedo

“Natalino”, l'albero antispreco curato dai bambini

L’Amministrazione Comunale l'ha acquistato dai vivai Rossi di Tortona. Nei prossimi anni chiunque lo potrà addobbare con quello che desidera. Martedì 27 dicembre la presentazione del libro di Fabrizio Dellachà e foto di Viola Cappelletti, letture di poesie ed esposizioni fotografiche. Il 31 dicembre cena di Capodanno per tutti

VOLPEDO - La novità di quest’anno per le festività è rappresentata da Natalino, l’abete natalizio cento per cento produzione italiana che l’Amministrazione Comunale ha acquistato dai vivai Rossi di Tortona, aderendo, così, ad un’iniziativa a livello nazionale pubblicizzata su tutti i social network che ha lo scopo di evitare lo spreco degli alberi natalizi una volta usati e soprattutto un messaggio contro la deforestazione, una delle principali cause del dissesto idrogeologico e delle calamità naturali. Natalino sarà seguito e curato grazie agli alunni delle scuole volpedesi e diventerà il simbolo natalizio di socialità e di aggregazione di tutta la comunità del paese della Val Curone, crescendo con le speranze ed i sogni del nostro Paese e di tutti noi, sperando, come dice il sindaco Caldone, “che cresca più di lui”. In questa idea sono stati coinvolti, oltre che le scuole, tutte le associazioni di Volpedo e nei prossimi anni chiunque lo potrà addobbare con quello che più desidera.

Sarà illuminato e presentato ufficialmente, dopo la tradizionale Messa della notte di Natale, nell’atrio del Municipio vicino al caratteristico presepe al suono di musiche natalizie eseguite dai pifferai e con una calda cioccolata e vin brulè.

Martedì 27 dicembre alle 20.30 al Museo didattico Pellizza (piazza Quarto Stato) si terrà la presentazione di Schegge, il libro di Fabrizio Dellachà e foto di Viola Cappelletti, letture di poesie ed esposizioni fotografiche in occasione della tradizionale ricorrenza volpedese di S. Giovanni. Sabato 31 dicembre, al caldo dell’edificio delle scuole elementari, cena di Capodanno per tutti.
24/12/2016







blog comments powered by Disqus


Uwa che non chiede l'elemosina in città

Alessandria | In silenzio, da qualche giorno, c'è un uomo che pulisce gratuitamente le strade dall'erba e lavora per migliorare l'aspetto della città. Si chiama Owa Onaiwu, cerca un lavoro, e nel frattempo chiede se potete aiutarlo donandogli scope, ramazze e sacchetti.

Nonostante tutto, Alessandria fiorisce [FIORI E SOLE]

#alessandriabella | Una galleria fotografica speciale e un grande augurio primaverile per tutti i cittadini di Alessandria. In bocca al lupo, #alessandriabella

Donati fegato, reni e cornee. L'Ospedale: “grazie alle generosità dei famigliari”

Alessandria | Due donne di 69 anni sono decedute in Ospedale. Valeria Bonato, coordinatore ospedaliero delle donazioni e prelievi di organi e tessuti: “la Rianimazione segue il donatore con una attenzione e una sensibilità che permettono di raggiungere questi risultati, oltre che una profonda umanità nei confronti dei parenti”

“Polmoni sotto zero”: inaugurata una apparecchiatura di ultimissima generazione

Alessandria | Grazie ai benefattori e alla solidarietà del mondo dello sport il reparto di Malattie dell’Apparato Respiratorio dell’Ospedale è ora dotato di “Ebercryo 2”, utilizzata per la criobiopsia polmonare transbronchiale, una metodica diffusa in pochi centri pneumologici in Italia e nel mondo

Eccezionale intervento all’esofago su un neonato di due giorni

Alessandria | Il bambino è stato operato dallo staff di Chirurgia Pediatrica diretta da Alessio Pini Prato: ora in buone condizioni ed è stato dimesso. L'Ospedale Infantile tra i centri considerati all’avanguardia nel settore della chirurgia mini invasiva neonatale