Acqui Terme

Pedibus: riconfermato il progetto per il servizio di trasporto scolastico

Il servizio è completamente gratuito, il suo funzionamento è simile a quello dello scuolabus, i bambini vengono raccolti da operatori a fermate prestabilite e accompagnati in comitiva a scuola seguendo dei percorsi in sicurezza

ACQUI TERME - Lasciare andare i propri bambini a scuola a piedi senza rischiare nulla? Si può fare. A partire dal 1° ottobre il Comune riattiverà il Pedibus per gli alunni delle scuole primarie, una forma di trasporto scolastico a piedi. Il servizio è completamente gratuito, il suo funzionamento è simile a quello dello scuolabus, i bambini vengono raccolti da operatori a fermate prestabilite e accompagnati in comitiva a scuola seguendo dei percorsi in sicurezza.

Il progetto Pedibus è stato promosso dall’Amministrazione Comunale per favorire uno stile di vita sano e sostenibile. Questo tipo di trasporto promuove infatti una quotidiana attività fisica, favorisce l'autonomia del bambino e la sua capacità di muoversi correttamente sulla strada, incentivando al tempo stesso la socializzazione. Il servizio permette inoltre di ridurre il traffico automobilistico e l’inquinamento dell’aria in prossimità delle scuole, elemento sempre al centro delle politiche ambientali portate avanti dal Comune. Il Pedibus è un servizio giornaliero, dal lunedì al venerdì. A inizio anno scolastico verranno predisposti i percorsi, le fermate e gli orari. I bambini dovranno essere accompagnati dai genitori alle fermate più comode.

Ciascun gruppo è formato al massimo da 20 bambini, accompagnati da due operatori: un “autista” davanti e un “controllore” che chiude la fila. A tutti i bambini verrà inoltre distribuito un kit vestiario per il loro rapido riconoscimento. Il Comune attiverà per il prossimo anno due linee che copriranno diverse zone della città. Le iscrizioni degli adulti volontari sono già aperte, mentre le iscrizioni degli alunni saranno possibili a inizio anno scolastico.

“Sono molto contenta – dichiara Alessandra Terzolo, assessore alle Politiche Sociali – che il primo anno di sperimentazione sia andato a buon fine. È un progetto di educazione dei minori con diverse finalità che vive grazie alla partecipazione dei cittadini, quindi rinnovo l’invito ad aderire all’iniziativa, la quale permette ai bambini di cominciare la giornata facendo attività fisica e alla nostra città di ridurre il traffico e l’inquinamento davanti alle scuole”.

“Abbiamo creduto in questa proposta – dichiara il sindaco Lorenzo Lucchini – fin dal primo momento del nostro insediamento. Questo progetto è partito in collaborazione con il Partito Democratico, peccato che per strada si siano persi. Come si dice in questi casi: armiamoci e partite. Fortunatamente con i nostri attivisti e tantissimi volontari siamo riusciti a realizzarlo. Ringrazio personalmente tutte le persone che spontaneamente hanno aderito e hanno reso possibile questo servizio. Alcuni non hanno una relazione stretta con la scuola e sono cittadini che vogliono fare qualcosa di buono per la città. Siamo felici del loro importantissimo contributo. Noi continueremo a portarlo avanti con la speranza che possa crescere e diventare una piccola istituzione cittadina”.
26/07/2018







blog comments powered by Disqus


Emergenza abitativa, altri 16 posti per donne e mamme

Alessandria | Accordo tra Comune di Alessandria, Asl Al, Cissaca e Caritas: la struttura in spalto Marengo 37

"Agevolando" premia l’azienda Italgum Caramelle

Ozzano Monferrato | Premiata dall’associazione Agevolando l’azienda che ha contribuito alla formazione e all’avvio al lavoro di una ragazza cresciuta in una comunità di accoglienza. Si cercano nuove aziende disponibili

Da Alessandria a un viaggio intorno al mondo: seguiamo Elisa e Luca!

Alessandria  | Elisa e Luca, 23 e 26 anni, sono in viaggio per realizzare un sogno, quello di percorrere tutto il Canada, scendere lungo la costa degli Stati Uniti e arrivare in Argentina senza mai prendere aerei. Ecco il loro racconto, che potremmo seguire passo dopo passo sul nostro giornale

Ticket sui farmaci: dal 1° marzo in Piemonte non si pagherà più

Piemonte | La giunta regionale ha deciso di cancellare la quota fissa di compartecipazione farmaceutica a carico dei cittadini in vigore dal 2002. Chiamparino e Saitta: "Cancelliamo una tassa sulla salute"

Banco Farmaceutico: un progetto per il recupero dei farmaci non utilizzati e ancora validi

Provincia | Tra bilanci e prospettive, partendo da numeri eloquenti e con l'intenzione di sviluppare un progetto estremamente ambizioso