Alessandria

Progetto Giovani: 8 richiedenti asilo raccontano l’immigrazione ai ragazzi

L'interessante iniziativa si è svolta grazie all'associazione Cambalache e ha coinvolto circa 80 ragazzi partecipanti al corso per giovani di Cultura e Sviluppo: "un'esperienza estremamente arricchente e di grande impatto. Questo è davvero il miglior modo per abbattere i pregiudizi"

ALESSANDRIA - I richiedenti asilo vivono in città, anche ad Alessandria. Qual è il modo migliore per conoscerli se non incontrarli e ascoltare le loro storie?

I ragazzi e le ragazze lo sanno ed è per questo che alcuni giorni fa hanno riempito la sala dell’Associazione Cultura e Sviluppo di Alessandria per partecipare all’incontro organizzato nell’ambito del Progetto Giovani.
Da un lato, circa 80 giovani alessandrini che non si accontentano di conoscere l’immigrazione attraverso le immagini dei telegiornali, gli articoli dei quotidiani o gli stereotipi che proliferano sui Social Network. Dall’altro, 8 richiedenti asilo e titolari di protezione internazionale dei progetti SPRAR e CAS di APS Cambalache.

Sono stati creati due percorsi di 4 tappe. Ad ogni tappa i ragazzi hanno potuto incontrare i richiedenti asilo che, a piccoli gruppi, hanno portato la loro testimonianza.
I primi passi sono stati mossi nei paesi d’origine dei migranti, attraverso i loro racconti sui contesti sociali e politici che li hanno spinti a cercare rifugio altrove. Un altrove raggiunto con mille sacrifici, affrontando un viaggio pericoloso e difficile.
Nella terza tappa di questo percorso i partecipanti hanno potuto riflettere sul tema dell’integrazione in Italia, ascoltando un altro punto di vista: quello di chi arriva e ha delle aspettative, dei sogni, degli obiettivi che cerca di raggiungere un tassello alla volta con il lavoro, lo studio, il volontariato.
Fatiche che, a volte, vengono spazzate via dalle difficoltà burocratiche per ottenere un permesso, dalla lentezza del sistema che genera ansia e preoccupazione.

Storie di vita completamente diverse, ma sensazioni e paure simili. In fondo, tra coetanei ci si capisce. Ci si capisce anche meglio se ci si guarda in faccia, se si costruiscono più spesso occasioni per stare insieme.
Come Associazione vorremmo raccogliere l’esigenza espressa dai giovani alessandrini presenti all’incontro. L’apertura e la curiosità manifestate durante la serata sono una ricchezza per noi, per la città e per i nuovi cittadini che la abitano.
APS Cambalache promuove alcune occasioni di incontro e svago, come le lezioni di apididattica all’apiario urbano al Forte Acqui o le serate di “Indovina chi viene a cena?”, a cui tutti i ragazzi che abbiamo conosciuto sono invitati. Ma la porta della nostra sede in Piazza Monserrato è sempre aperta a nuove idee e proposte che possano coinvolgere la cittadinanza!
28/01/2017
Associazione Cambalache - redazione@alessandrianews.it







blog comments powered by Disqus


Uwa che non chiede l'elemosina in città

Alessandria | In silenzio, da qualche giorno, c'è un uomo che pulisce gratuitamente le strade dall'erba e lavora per migliorare l'aspetto della città. Si chiama Owa Onaiwu, cerca un lavoro, e nel frattempo chiede se potete aiutarlo donandogli scope, ramazze e sacchetti.

Nonostante tutto, Alessandria fiorisce [FIORI E SOLE]

#alessandriabella | Una galleria fotografica speciale e un grande augurio primaverile per tutti i cittadini di Alessandria. In bocca al lupo, #alessandriabella

Donati fegato, reni e cornee. L'Ospedale: “grazie alle generosità dei famigliari”

Alessandria | Due donne di 69 anni sono decedute in Ospedale. Valeria Bonato, coordinatore ospedaliero delle donazioni e prelievi di organi e tessuti: “la Rianimazione segue il donatore con una attenzione e una sensibilità che permettono di raggiungere questi risultati, oltre che una profonda umanità nei confronti dei parenti”

“Polmoni sotto zero”: inaugurata una apparecchiatura di ultimissima generazione

Alessandria | Grazie ai benefattori e alla solidarietà del mondo dello sport il reparto di Malattie dell’Apparato Respiratorio dell’Ospedale è ora dotato di “Ebercryo 2”, utilizzata per la criobiopsia polmonare transbronchiale, una metodica diffusa in pochi centri pneumologici in Italia e nel mondo

Eccezionale intervento all’esofago su un neonato di due giorni

Alessandria | Il bambino è stato operato dallo staff di Chirurgia Pediatrica diretta da Alessio Pini Prato: ora in buone condizioni ed è stato dimesso. L'Ospedale Infantile tra i centri considerati all’avanguardia nel settore della chirurgia mini invasiva neonatale