Alessandria

Quando arriverà da noi il cocktail più buono del mondo?

Si chiama Angelot, è un cocktail che non esiste, ma in altri Paesi una ragazza può essere ordinato al bancone di un bar o in discoteca se si trova in difficoltà, sta ricevendo molestie e vuole sottrarsi da una brutta situazione. Medea: "felici di sostenere il progetto, ma non dimentichiamo che il pericolo maggiore è in ambito domestico"

ALESSANDRIA - Se vi trovate in difficoltà, se c'è qualcuno che ha preso a molestarvi nel locale in cui trovate e avete paura di una reazione violenta al vostro rifiuto, o non vi sentite sufficientemente lucide per gestire da sole la situazione, potreste semplicemente chiedere un Angelot al bancone della discoteca in cui vi trovate: voi e il personale del locale conoscete cosa succederà subito dopo la vostra richiesta, ma il vostro molestatore probabilmente no e, in ogni caso, una volta ordinato non sarete più lasciate sole.

Da quel momento infatti nei Paesi dove il sistema già funziona, come per esempio il Canada, la donna che ha fatto la richiesta viene avvicinata dal personale della sicurezza del locale, che con fare discreto la scorterà in luogo protetto, dal quale poter dar seguito a eventuali denunce. Dove non esiste l'escomatage del cockatil è presente, a volte, un nome convenzionale: in Germania e in Gran Bretagna si può chiedere di Angela, mentre in alcune città della Svizzera il nome in codice è quello di Luisa. I locali che aderiscono, sempre di più, espongono adesivi identificativi e potrebbero essere scelti in via preferenziale dalle donne proprio per la sicurezza maggiore che sono capaci di garantire. 

In Italia non esiste ancora un progetto nazionale del genere, ma di recente qualcosa capace di coinvolgere esercizi commerciali si sta muovendo sul fronte della prevenzione, per esempio con attività che mobilitano parrucchieri ed estetisti, "sentinelle" per indirizzare le donne vittima di violenza verso i centri d'aiuto specializzati.

Perché allora non introdurre il buonissimo cockatil 'Angelot' anche da noi, magari iniziando proprio da Alessandria come città sperimentale in tal senso? 

L'idea per ora raccoglie l'interesse del centro antiviolenza Medea, che sul tema commenta: "ogni iniziativa che vada nella direzione di maggiore tutela per le donne è utile e in effetti su questo fronte ci si dovrebbe attivare, facendo rete, anche perché la cronaca di riporta continuamente episodi di molestie e stupri, a danno anche di ragazze minorenni. Non dobbiamo comunque dimenticare che la maggior parte degli episodi di violenza avviene fra le mure domestiche e viene perpetrata da fidanzati, compagni o mariti". 
23/06/2018







blog comments powered by Disqus


Oculistica: in ospedale una terapia innovativa

Alessandria | Cross-linking corneale: un ragazzo di 15 anni è stato sottoposto a un intervento che ha consentito un ottimo recupero visivo

"AlterEgo": combattere la violenza sulle donne lavorando con gli uomini che le aggrediscono

Alessandria | Abbiamo incontrato l'équipe che segue, grazie a un progetto d'avanguardia, i maschi autori di violenze contro le donne per offrire loro un percorso di consapevolezza e terapia con l'obiettivo di depotenziare il fenomeno, aiutando gli uomini aggressivi a trovare strade differenti per relazionarsi con l'altro sesso. Ecco come funziona

Riparte il Progetto Giovani: sostegno per l'esame di maturità e la crescita personale

Alessandria | Da questa settimana comincerà la presentazione nelle scuole della ventiduesima edizione del corso di formazione per gli studenti di quinta superiore promosso dall'Associazione Cultura e Alessandria. Il corso è completamente gratuito e può essere fatto anche in inglese. Ecco di cosa si tratta

Pedibus: “La nuova avventura: ecologica, educativa ed economica”

Acqui Terme | Dal 1° ottobre per tutto l’anno scolastico gli studenti delle elementari potranno andare a scuola a piedi, accompagnati da genitori e volontari. Predisposte tre linee

Università del Piemonte Orientale: 1,7 milioni in più dal Ministero

Alessandria | Prima in Italia per l'incremento del Fondo di Funzionamento Ordinario: l'Upo premiata per i risultati nella ricerca, l’eccellenza dei Dipartimenti e la gestione virtuosa del “costo standard” per studente