Alessandria

“Un momento… sto pensando!“: per otto bambini momenti didattici inclusivi e innovativi

Grazie ad un progetto pilota, promosso dal Centro Down e sostenuto dalla Fondazione SociAL, otto bambini con disabilità intellettiva e le rispettive classi hanno partecipato a momenti didattici inclusivi e formativi utilizzando metodologie didattiche come il Metodo Feuerstein, la Pedagogia della Mediazione, il Cooperative Learning...

ALESSANDRIA -  Un progetto, pilota per la provincia di Alessandria, che si è impegnato ad applicare una metodologia scientificamente valida per favorire l’integrazione sociale dei bambini con disabilità intellettiva al fine di evitare vissuti di isolamento ed emarginazione e permettere ambienti didattici maggiormente inclusivi, oltre che attività extrascolastiche stimolanti. In questo consiste “Un momento…sto pensando!“, progetto promosso dall’Associazione Centro Down di Alessandria e finanziato dalla Fondazione SociAL nell’ambito del Bando 2016.

"Il lavoro svolto in classe - spiegano dall'Associazione Centro Down - si è concentrato sull’utilizzo del metodo Feuerenstein, che si fonda sul concetto della “Modificabilità Cognitiva Strutturale” (M.C.S.) secondo cui gli esseri umani possono subire dei cambiamenti in base ad un intervento affettivo-educativo da parte di altri esseri umani, e sulla metodologia del Cooperative Learning, che coinvolge gli studenti nel lavoro di gruppo per raggiungere un fine comune". 
Al metodo Feuerstein sono state affiancate altre metodologie didattiche innovative come la Pedagogia della Mediazione, il Cooperative Learning e gli strumenti di osservazione e valutazione delle abilità e delle potenzialità cognitive, relazionali e comportamentali. 
Hanno beneficiato del progetto 8 bambini , tra cui 5 con Sindorme di Down, 2 con ritardo cognitivo e 1 con Disturbo dello Spettro autistico, che frequentano le scuole del territorio di Alessandria. 

"L’intervento - continuano gli operatori che hanno seguito le attività del progetto - ha avuto come scopo l’incremento delle capacità cognitive, (capacità di categorizzazione, di costruire delle sequenze logiche e individuazione di analogie), e delle capacità sociali dei bambini che avevano già instaurato un buon rapporto con i compagni di classe e nelle classi in cui era già stato costruito un buon clima collaborativo. È stata inoltre favorita la generalizzazione degli apprendimenti esportando le attività proposte all’interno della classe tramite un incontro settimanale di attività presso il Centro Down, durante il quale ogni alunno con difficoltà, ha potuto confrontarsi con gli altri e potenziare le abilità e le competenze sperimentate in classe".

Le ricadute delle attività proposte si osservano anche sulle famiglie dei beneficiari che partecipano al progetto, oltre che sui docenti e nelle classi frequentate dai bambini con disabilità.

[Sul sito della Fondazione SociAL ulteriori informazioni relative al progetto]
8/08/2017







blog comments powered by Disqus


"Il gusto della solidarietà": giovedì 6 dicembre la cena per sostenere un progetto musicale in carcere

Alessandria | A preparare la cena di beneficienza, dal menù gourmet, saranno gli stessi ospiti degli Istituti Penitenziari alessandrini, con lo scopo di raccogliere fondi per finanziare un interessante progetto dedicato alla musica in carcere, realizzato con il sostegno del Conservatorio Vivaldi e di Franco Mussida

“Natale è un po’ bambino”: da domenica 2 dicembre decine di eventi per bambini e famiglie

Alessandria | Presentato il programma per il mese di dicembre, con decine di laboratori per le fasce di età 0-4 anni, 5-7 anni e 8-11 anni, oltre a proposte dedicate a genitori e pubblico adulto in generale. Ecco nel dettaglio tutti gli appuntamenti e come parteciparvi

"Muoversi senza barriere": il Cissaca punta su sport e integrazione, insieme a tante realtà del territorio

Alessandria | Il 10 dicembre si terrà un incontro al Punto D del Cristo per presentare i primi progetti sul territorio: l'obiettivo del Cissaca è fare rete per offrire numerose occasioni alle persone con disabilità sia motoria che intellettiva per fare sport e accedere ad attività inclusive, puntando sulla forza del team e del gioco di squadra

Firmato accordo tra Cia, Coompany e Istituto penitenziario: i detenuti a scuola di agricoltura

Alessandria | L'accordo consentirà ai detenuti più meritevoli di seguire corsi professionalizzanti svolti all'interno del carcere per acquisire competenze in ambito agricolo direttamente spendibili nel mondo del lavoro una volta scontata la pena

Artiviamoci: festival delle arti recluse per scoprire due quartieri "particolari" della città

Alessandria | Dal 7 al 16 dicembre la città ospiterà il la rassegna "Artiviamoci - Le mani e le arti" dedicata alle attività svolte all'interno delle due carceri alessandrine, da poco riunite formalmente sotto un unico istituto. Dalla pittura all'arte contemporanea, dalla fotografia al teatro, ecco il programma degli eventi pensati per osservare il carcere sotto una nuova luce