Società

YouAid missione compiuta: consegnato lo scuolabus ai bambini di Lumuli

L'associazione YouAid, fondata dal tortonese Michele Tranquilli, ha raggiunto un altro piccolo grande traguardo: l'acquisto di uno scuolabus per i bambini della Tanzania che frequentano la scuola del villaggio di Lumuli. L'idea era nata durante un seminario ad Alessandria, con gli alunni degli istituti alessandrini e tortonesi

SOCIETA' - “Ce l'abbiamo fatta”. La gioia contagiosa di Michele Tranquilli esplode in un video di otto minuti, postato sulla pagina Facebook di YouAid, girato a bordo dello scuolabus acquistato grazie ad uno dei progetti dell'associazione e consegnato di persona alla scuola del villaggio di Lumuli, in Tanzania. “I bambini di Lumuli e dei villaggi vicini hanno finalmente il loro scuolabus! E’ stato un percorso lungo e tortuoso, ma ce l’abbiamo fatta!” scrive Michele.
Inarrestabile la sua carica che lo ha portato nel 2008 a fondare, insieme a Agnese Cecchini e Marisa Fossa un'associazione "diffusa", o meglio, un metodo di collaborazione condiviso per portare a termine piccoli e grandi progetti solidali.
Dopo aver costruito (nel vero senso della parola) tre scuole, un ospedale e una piccola fabbrica in Tanzania, per aiutare le popolazioni del luogo, attraverso raccolte fondi e fornendo personale tecnico per realizzare le strutture, nel 2014 YouAid ha promosso un seminario con gli alunni di istituti superiori alessandrine e tortonesi. L'obiettivo era quello di individuare un modo per aiutare circa 50 bambini in Tanzania a raggiungere la scuola, ma anche quello di ragionare insieme sul concetto di “aiuto” e “solidarietà”. Trovato l'obiettivo, ci si è attivati per raccogliere i fondi e realizzarlo.

“I fondi raccolti dal basso per questo progetto sono stati 6.000 euro – racconta Michele - Un ottimo risultato, ma non sufficiente per raggiungere l’obiettivo".

Per questo motivo YouAid ha preso parte ad un progetto più ampio intitolato “Scuola per tutti: inclusione scolastica in Tanzania”, di cui è capofila l’Associazione amica IBO Italia.

Il progetto è stato finanziato dai fondi dell’Otto per Mille della Chiesa Valdese, che ha reso possibile lo stanziamento di 5mila euro per l’acquisto del mezzo. 

“Sul nuovo scuolabus ci sarà il nome della scuola di Lumuli, TupoPamoja, che in swahili significa 'Siamo Insieme'. Perchè è così che abbiamo realizzato la scuola. Ed è ancora così che, anche questa volta, siamo riusciti a realizzare questo sogno. Insieme!”, dice ancora Michele.
Nei giorni scorsi il pulmino è stato ritirato e consegnato, dopo un viaggio durato circa 10 ore, a Lumuli.
31/08/2017







blog comments powered by Disqus


La mia Cittadella: aneddoti, foto e curiosità da un cicerone

Alessandria | Tanti alessandrini possono raccontare di avere un rapporto speciale con una parte della città, che finisce per sfociare, nei casi più fortunati, in un vero e proprio amore. E' forse il caso di Sergio, volontario e cicerone del Fai, che ci porta a scoprire alcuni aspetti della fortezza che dimostrano quanto possa essere viva e affascinante

Un pianoforte all'ospedale per musica in corsia: chiunque può suonarlo

Alessandria | La famiglia Taulino ha donato un pianoforte in ricordo del figlio Alessandro. E' a disposizione di musicisti e amatori che vogliano allietare i degenti e chi aspetta in sala d'attesa

Spesa Donata al supermercato

Alessandria | Analogamente al Caffè Sospeso, in occasione delle festività natalizie, chiunque volesse donare la spesa a famiglie in difficoltà, può farlo direttamente al Carrefour Express con l'applicazione di un 10% di sconto

L'Istituto Saluzzo-Plana 'adotta' il complesso monumentale della chiesa di San Francesco

Alessandria | Il progetto, ispirato a un gestito particolarmente rivoluzionario compiuto nel 1500 dal papa Leone X, ha l'obiettivo di condurre i ragazzi in un percorso di formazione innovativo che porterà alla valorizzazione dell'ex Ospedale Militare, in partnership con il Comune, ben lieto di accogliere e sostenere questa iniziativa

In vacanza ad Amsterdam tre alessandrini salvano un passante

Alessandria | Al primo giorno da turisti in Olanda i tre infermieri alessandrini si sono trovati di fronte ad una scena di ordinaria (per loro) emergenza: prestati i primi soccorsi ad un uomo in arresto cardiaco, hanno ricevuto i ringraziamenti inaspettati della polizia locale