Società

YouAid missione compiuta: consegnato lo scuolabus ai bambini di Lumuli

L'associazione YouAid, fondata dal tortonese Michele Tranquilli, ha raggiunto un altro piccolo grande traguardo: l'acquisto di uno scuolabus per i bambini della Tanzania che frequentano la scuola del villaggio di Lumuli. L'idea era nata durante un seminario ad Alessandria, con gli alunni degli istituti alessandrini e tortonesi

SOCIETA' - “Ce l'abbiamo fatta”. La gioia contagiosa di Michele Tranquilli esplode in un video di otto minuti, postato sulla pagina Facebook di YouAid, girato a bordo dello scuolabus acquistato grazie ad uno dei progetti dell'associazione e consegnato di persona alla scuola del villaggio di Lumuli, in Tanzania. “I bambini di Lumuli e dei villaggi vicini hanno finalmente il loro scuolabus! E’ stato un percorso lungo e tortuoso, ma ce l’abbiamo fatta!” scrive Michele.
Inarrestabile la sua carica che lo ha portato nel 2008 a fondare, insieme a Agnese Cecchini e Marisa Fossa un'associazione "diffusa", o meglio, un metodo di collaborazione condiviso per portare a termine piccoli e grandi progetti solidali.
Dopo aver costruito (nel vero senso della parola) tre scuole, un ospedale e una piccola fabbrica in Tanzania, per aiutare le popolazioni del luogo, attraverso raccolte fondi e fornendo personale tecnico per realizzare le strutture, nel 2014 YouAid ha promosso un seminario con gli alunni di istituti superiori alessandrine e tortonesi. L'obiettivo era quello di individuare un modo per aiutare circa 50 bambini in Tanzania a raggiungere la scuola, ma anche quello di ragionare insieme sul concetto di “aiuto” e “solidarietà”. Trovato l'obiettivo, ci si è attivati per raccogliere i fondi e realizzarlo.

“I fondi raccolti dal basso per questo progetto sono stati 6.000 euro – racconta Michele - Un ottimo risultato, ma non sufficiente per raggiungere l’obiettivo".

Per questo motivo YouAid ha preso parte ad un progetto più ampio intitolato “Scuola per tutti: inclusione scolastica in Tanzania”, di cui è capofila l’Associazione amica IBO Italia.

Il progetto è stato finanziato dai fondi dell’Otto per Mille della Chiesa Valdese, che ha reso possibile lo stanziamento di 5mila euro per l’acquisto del mezzo. 

“Sul nuovo scuolabus ci sarà il nome della scuola di Lumuli, TupoPamoja, che in swahili significa 'Siamo Insieme'. Perchè è così che abbiamo realizzato la scuola. Ed è ancora così che, anche questa volta, siamo riusciti a realizzare questo sogno. Insieme!”, dice ancora Michele.
Nei giorni scorsi il pulmino è stato ritirato e consegnato, dopo un viaggio durato circa 10 ore, a Lumuli.
31/08/2017







blog comments powered by Disqus


Doppia operazione a cuore fermo: salvate la mamma e la sua bambina

Alessandria | L’intervento multidisciplinare ha permesso di operare la donna ai polmoni mentre si eseguiva il cesareo. L’ottima riuscita di un’operazione così complessa è stata possibile grazie al lavoro in team multidisciplinare con cui i professionisti hanno saputo e potuto affrontare la situazione estremamente grave e critica

'MaBim': la culla che consente alla mamma di abbracciare il neonato

Alessandria | La prima culla con queste caratteristiche consegnata in Italia in un ospedale. Il progetto è dell'architetto Mitzi Bollani

La forza della musica per aiutare l'integrazione

Alessandria | La musica veicolo di dialogo, per andare oltre la solitudine: è il progetto organizzato dall'associazione Cambalache, insieme al Conservatorio di Alessandria

Dsa e sintesi vocale, uno strumento compensativo per lo studente

Alessandria | Gli studenti del Disit dell'Università del Piemonte Orientale hanno partecipato ad un incontro in cui è stato presentato un panorama sui software di sintesi vocale gratuiti attualmente disponibili per Pc Windows e dispositivi mobili Apple

Rivolgimento fetale: una capriola nella pancia

Alessandria | Nel reparto di Ostetricia e Ginecologia dell’Azienda Ospedaliera una procedura collaudata che viene proposta alle donne che presentano il bambino podalico. Si tratta di una manovra esterna, eseguita manualmente, che ha lo scopo di far girare il feto a testa in giù e permettere di conseguenza un parto naturale