Alessandria

Alessandria ultima in Piemonte per raccolta differenziata

I dati sono impietosi: il bacino alessandrino è il peggiore di tutta la regione in fatto di differenziazione dei rifiuti, ben lontana dagli obiettivi che lo stesso Piemonte si è prefissato. "Adeguatevi al piano regionale", ammonisce l'assessore Valmaggia

 ALESSANDRIA - Alessandria ricicla poco, meno della media regionale e meno di altre città della stessa dimensione.

I dati diffusi dalla Regione Piemonte dovrebbero quindi far pensare – o meglio ripensare – sulla gestione dei rifiuti e sulle modalità di raccolta.

La raccolta differenziata in Piemonte si attesta al 59, 6% del totale: l’anno precedente era al 55,2% (secondo il vecchio metodo di conteggio che non comprendevano alcune tipologie di rifiuti differenziabili).

L’obiettivo del raggiungimento del 65% previsto dal piano regionale rifiuti viene superato da tutte le realtà provinciali, ad esclusione dei consorzi del bacino alessandrino e di parte di quelli del torinese.

La provincia, di media con i tre consorzi rifiuti, ha differenziato il 53,6%, dei rifiuti, ma è proprio l’area alessandrina la peggiore. Il Consorzio Alessandrino (Alessandria, Valenza e altri 30 Comuni limitrofi) ha differenziato poco più della metà, il 50,3%.
Ogni abitante produce oltre 500 kg di spazzatura, in media, quando il target del Piemonte, entro il 2020 sia quello di 455 Kg per abitante.
Molto meglio il Consorzio Casalese Rifiuti che ha raggiunto l’obiettivo del 61,8% di differenziata. Il Consorzio Servizio Rifiuti del Novese, Tortonese, Acquese e Ovadese (CSR) è al 53,6%. “Occorre che queste aree mettano in campo un lavoro importante di adeguamento agli obiettivi del piano regionale rifiuti”, bacchetta l’assessore all’ambiente Alberto Valmaggia. Le province di Asti e Novara ‘regnano’, con oltre il 70% di differenziata. 

La provincia di Alessandria si ‘concola’ con una buon recupero di RAEE, i rifiuti elettronici. A livello provinciale, le migliori performance sono registrate da Torino, con oltre 1.734 tonnellate raccolte e gestite nel 2017. A seguire: Novara (circa 1.011 t), Cuneo (circa 865 t), Alessandria (circa 502 t), Vercelli (circa 352 t), Asti (circa 322 t) e Verbania (circa 294 t). Chiude la classifica la provincia di Biella con circa 107 tonnellate di rifiuti tecnologici gestite nel 2017.Il Piemonte è la quarta regione più virtuosa dell’area del Nord Italia con oltre 5.000 tonnellate di RAEE domestici gestite (6,9% del totale) ed è al settimo posto a livello nazionale, seguito dalla Puglia che supera le 3.500 tonnellate.
30/09/2018







blog comments powered by Disqus


Confindustria: vince il pessimismo all'ombra della crisi

Economia | La prima indagine congiunturale 2019 di Confindustria apre l'anno all'insegna del pessimismo. Si teme un calo di ordinativi, compensati solo in parte dall'export. Stabili investimenti ed occupazione. Su Penigotti: "auspichiamo una svolta positiva anche se la proprietà ha dimostrato rigidità"

Sequestrati 4 mila piatti di carta in una scuola di Casale

Cronaca | I carabinieri del Nas hanno sequestrato circa 4 mila piatti di carta in una scuola media di Casale, a seguito della segnalazione di una madre. Il sequestro risale a circa un mese fa. Il Comune: "non abbiamo responsabilità e non siamo stati informati" [AGGIORNAMENTO]

Il Decreto Sicurezza "spacca" gli Enti Locali: la Regione pensa al ricorso, i Comuni si dividono

Sicurezza | La legge voluta dal ministro Salvini mostra i primi effetti, producendo schieramenti fra favorevoli e contrari. I sindaci dei centri zona si dichiarano tutti pronti ad applicare la normativa, ma c'è chi lotta per volerla cambiare.

“La Biblioteca dà i numeri” con quattro conferenze sulla matematica

Casale Monferrato | Si parlerà di “numeri” con una particolare attenzione all’uso che della matematica facciamo, a volte quasi senza accorgercene, nella vita di tutti i giorni. Primo incontro il 23 gennaio con “Dentro e fuori l'Informatica: impressioni di viaggio di uno che c'è stato”

“La tua idea d’impresa”: workshop sul business plan per gli studenti degli istituti superiori in gara

Scuola | Gli studenti elaboreranno e presenteranno progetti d’impresa innovativi, che saranno pubblicati e poi votati on line sulla piattaforma www.latuaideadimpresa.it. L'evento si concluderà ad aprile