Alessandria

Alessandria ultima in Piemonte per raccolta differenziata

I dati sono impietosi: il bacino alessandrino è il peggiore di tutta la regione in fatto di differenziazione dei rifiuti, ben lontana dagli obiettivi che lo stesso Piemonte si è prefissato. "Adeguatevi al piano regionale", ammonisce l'assessore Valmaggia

 ALESSANDRIA - Alessandria ricicla poco, meno della media regionale e meno di altre città della stessa dimensione.

I dati diffusi dalla Regione Piemonte dovrebbero quindi far pensare – o meglio ripensare – sulla gestione dei rifiuti e sulle modalità di raccolta.

La raccolta differenziata in Piemonte si attesta al 59, 6% del totale: l’anno precedente era al 55,2% (secondo il vecchio metodo di conteggio che non comprendevano alcune tipologie di rifiuti differenziabili).

L’obiettivo del raggiungimento del 65% previsto dal piano regionale rifiuti viene superato da tutte le realtà provinciali, ad esclusione dei consorzi del bacino alessandrino e di parte di quelli del torinese.

La provincia, di media con i tre consorzi rifiuti, ha differenziato il 53,6%, dei rifiuti, ma è proprio l’area alessandrina la peggiore. Il Consorzio Alessandrino (Alessandria, Valenza e altri 30 Comuni limitrofi) ha differenziato poco più della metà, il 50,3%.
Ogni abitante produce oltre 500 kg di spazzatura, in media, quando il target del Piemonte, entro il 2020 sia quello di 455 Kg per abitante.
Molto meglio il Consorzio Casalese Rifiuti che ha raggiunto l’obiettivo del 61,8% di differenziata. Il Consorzio Servizio Rifiuti del Novese, Tortonese, Acquese e Ovadese (CSR) è al 53,6%. “Occorre che queste aree mettano in campo un lavoro importante di adeguamento agli obiettivi del piano regionale rifiuti”, bacchetta l’assessore all’ambiente Alberto Valmaggia. Le province di Asti e Novara ‘regnano’, con oltre il 70% di differenziata. 

La provincia di Alessandria si ‘concola’ con una buon recupero di RAEE, i rifiuti elettronici. A livello provinciale, le migliori performance sono registrate da Torino, con oltre 1.734 tonnellate raccolte e gestite nel 2017. A seguire: Novara (circa 1.011 t), Cuneo (circa 865 t), Alessandria (circa 502 t), Vercelli (circa 352 t), Asti (circa 322 t) e Verbania (circa 294 t). Chiude la classifica la provincia di Biella con circa 107 tonnellate di rifiuti tecnologici gestite nel 2017.Il Piemonte è la quarta regione più virtuosa dell’area del Nord Italia con oltre 5.000 tonnellate di RAEE domestici gestite (6,9% del totale) ed è al settimo posto a livello nazionale, seguito dalla Puglia che supera le 3.500 tonnellate.
30/09/2018







blog comments powered by Disqus


La scommessa dei Parchi alessandrini: ambiente e turismo diventano leve per il territorio

Economia | La nuova legge regionale ha ampliato i confini e le competenze dei due enti parco dell'alessandrino, il parco del Po Piemontese e l'ente Aree Protette dell'Appennino. Si tratta di opportunità di crescita e di lavoro che il territorio dovrà saper cogliere

A Casale Monferrato e Valenza corso di formazione per assistenti familiari

Lavoro | L'Acli di Alessandria, organizza due corsi gratuiti, “Da badante a professionista della cura domiciliare”, per promuovere professionalità e competenze nei servizi di cura

Ultmia amara per la Novipiù che cade a Biella. Ora testa a Verona per i play off

Basket - Serie A2 | Casale parte bene, ma nel terzo quarto Biella si ritrova: un ultimo quarto sul filo dell'equilibrio porta poi la vittoria all'Edilnol 66-65. Ai Playoff c'è Verona

I lavoratori all’estero e il modello 730

Lavoro | Le persone italiane che attualmente lavorano all’estero dove devono presentare la domanda? In Italia o nello stato in cui lavorano?

Malore improvviso, muore un uomo di 75 anni

Cronaca | È successo la notte scorsa in un locale di Casale Monferrato