Casale Monferrato

Commemorazione dell'Eccidio della Banda Tom: l'appello dell'Anpi

Il presidente dell'Anpi di Casale Monferrato Gabriele Farello: “Si stanno moltiplicando organizzazioni neofasciste. Sindaci, Amministratori, Istituzioni, il 20 gennaio colmiamo il Teatro Municipale e la Cittadella di fasce tricolore: affermiamo un’altra visione delle realtà che metta al centro il valore della persona, della vita, della solidarietà, dell’uguaglianza, della democrazia”

CASALE MONFERRATO – Nel 73° anniversario dell'eccidio della Banda Tom, sabato 20 gennaio si terrà la commemorazione ufficiale. “Si stanno moltiplicando nel nostro Paese e nel nostro contesto, organizzazioni neofasciste presenti in modo crescente nella realtà sociale e sul web. Esse diffondono una rappresentazione settaria della Patria e del tricolore caratterizzata da discriminazione, odio per le diversità, razzismo e xenofobia - ricorda Gabriele Farello, presidente dell'Anpi di Casale Monferrato - Tutto questo a ottant’anni da uno dei provvedimenti più odiosi del fascismo: la promulgazione delle leggi razziali”.

Farello fa un appello ai sindaci, agli amministratori pubblici e alle istituzioni: “partecipate alla commemorazione dell’eccidio della Banda Tom, una celebrazione rinnovata, ricca di musica e animazione giovanile. Colmiamo il Teatro Municipale e la Cittadella di fasce tricolore: affermiamo un’altra visione delle realtà che metta al centro il valore della persona, della vita, della solidarietà, dell’uguaglianza, della democrazia come fondamento della nostra società. Valori scritti chiaramente nella nostra Costituzione che il 1° gennaio 2018 ha compiuto settant’anni. Valori che appartengono a tutti: indistintamente dall’area politica di appartenenza”.

Questo il programma della giornata
ore 9,30 Palazzo S. Giorgio - sede municipale: riunione delle autorità civili, militari, religiose, scolastiche
ore 9,45 corteo per via Mameli, via Liutprando, piazza mons. Angrisani
ore 10 Cattedrale di Sant’Evasio: Messa di suffragio
ore 10,30 ricostituzione del corteo per via Duomo, piazza Mazzini, via Saffi
ore 10,45 Teatro Municipale: interventi di Titti Palazzetti, sindaco di Casale Monferrato, e di Germano Carpenedo presidente Comitato Unitario Antifascista. Intervento musicale degli allievi del corso musicale della scuola media Trevigi e della Colibrì band dell’istituto Balbo con la partecipazione di Paolo Bonfanti. Verranno eseguite Hallelujah e The Partisan di Leonard Cohen e Tredici degli Yo Yo Mundi. Proprio la presenza del degli studenti delle scuole sul palco rappresenta la principale novità del programma della commemorazione. Orazione ufficiale tenuta da Fabrizio Meni, storico e docente all'istituto Balbo.

Al termine della cerimonia trasferimento alla Cittadella, ricostituzione del corteo e deposizione delle corone alle lapidi dei 13 caduti della Banda Tom e del partigiano Gaetano Molo.
La Banda Tom è stata una brigata partigiana comandata da Antonio Olearo (detto Tom, medaglia d’oro al valor militare), attiva in Monferrato durante la Resistenza. Dopo essere stati catturati il 14 gennaio 1945 a Casorzo, Antonio Olearo detto Tom, 24 anni, di Ozzano Monferrato, Giuseppe Augino, 22 anni, di Enna, Alessio Boccalatte, 20 anni, partigiano della Brigata Garibaldi Piacibello, Aldo Cantarello, 19 anni, di San Michele Alessandria, Luigi Cassina detto Ginetto o Tarzan, 25 anni, di Casale Monferrato, Giovanni Cavoli detto Dinamite, 34 anni, di Solero, Albert Harbyohire Harry (ufficiale della RAF), 31 anni, Giuseppe Maugeri, 23 anni, di Siracusa, Remo Peracchio, 21 anni, di Montemagno, Boris Portieri, 17 anni, di Genova, Giuseppe Raschio, 21 anni, di San Michele Alessandria, Luigi Santambrogio detto Gigi, 17 anni, di Casale Monferrato e Carlo Serretta detto Scugnizzo, 17 anni, partigiano della Brigata Garibaldi Piacibello, vennero incatenati, obbligati a marciare seminudi e scalzi, interrogati crudelmente e, dopo il trasporto a Casale Monferrato, condotti alla Cittadella dove furono trucidati il 15 gennaio e dove i loro corpi rimasero due giorni insepolti nella neve.
11/01/2018







blog comments powered by Disqus


Capitale italiana della Cultura 2020: Casale tra le "magnifiche dieci"

Casale Monferrato |  Agrigento, Bitonto, Macerata, Merano, Nuoro, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Treviso. E anche Casale Monferrato, unica città piemontese che è rimasta in lizza tra le finaliste per diventare Capitale italiana della Cultura 2020. L’assegnazione del titolo di "Capitale italiana della cultura 2020" si terrà a Roma, il 16 febbraio, alla presenza del ministro Dario Franceschini

Solidità dell'economia industriale: valori positivi e in crescita con l'export a fare da padrone

Economia  | Indagine Congiunturale Trimestrale di Confindustria Alessandria con previsioni gennaio-marzo 2018: "gli imprenditori esprimono attese tutte positive, dall’occupazione alla produzione, dagli ordini totali ed export alla propensione ad investire, dall’utilizzo degli impianti alla redditività, riaffermando la tendenza in atto nel 2017". Buzzi: "“Accompagnamo le imprese nel nuovo percorso di crescita”

Anno ricco di soddisfazioni per il CUSPO Rugby

Sport | Il 2017 è stato un anno molto proficuo per il rugby alessandrino, grazie all'apertura della CUSPO Rugby Academy e al grande lavoro di staff che sta facendo crescere la pratica rugbysica nel Piemonte Orientale

Gomma Plastica: la Federazione risponde "attaccando". Sindacati: "Pronti per nuovo sciopero"

Economia e Lavoro | Manifestazione a Milano partecipata dalla provincia alessandrina. Ma allo sciopero la Federazione ribatte: "contrariamente a quanto dichiarato dalle organizzazioni sindacali, l’art.70 del CCNL Gomma Plastica non prevede alcuna verifica sugli scostamenti inflattivi. E se fosse stato al contrario, a favore dei lavoratori?". Dai sindacati: "noi vogliamo solo l'esame congiunto, un confronto". E si prepara un nuovo sciopero

Siena lotta ma alla fine si arrende: la Junior continua a dettare legge

Basket - Serie A2 | Senza Blizzard la Novipiù sbanca il Palaestra dopo una gara ruvidissima: 69-71 il finale, firmato da Sanders (20 e tripla decisiva)