Basket - Coppa Italia di A2

Coppa Italia di A2: Derthona asfalta Trieste, Casale cade con Ravenna

I tortonesi schiantano di venticinque punti l'ex capolista del girone Est, la Junior imprecisa al tiro cede con una Ravenna cinica e concreta

JESI - Dura solo dieci minuti il regolare dominio della testa di serie Trieste su Tortona: il 10-23 del secondo periodo spezza ogni sogno per i giuliani, la cui prestazione è stata definita dallo stesso tecnico Dalmasson “imbarazzante”. Dalla palla a due vinta, Trieste allunga grazie a Cittadini e Cavaliero fino al 13-8, poi la luce si spegne di colpo, entra il pezzo pregiato del mercato del Derthona Alibegovic e la partita cambia volto: un assist per Spanghero e cinque punti in proprio ricuciono lo strappo e permettono ai ragazzi di Pansa di rientrare fino al -2 della sirena e poi di allungare ad inizio secondo periodo. Trieste crolla mentalmente e fisicamente, Tortona preme sull’acceleratore e piano piano allunga: all’intervallo lungo è 29-40, ma è già un buon risultato perchè ad un certo punto il vantaggio bianconero aveva toccato i +14.

La musica non cambia nel terzo parziale nonostante l’ultimo sussulto di Trieste che nel finale avrebbe fra le mani la palla di un possibile -5 e in un amen si ritrova schiacciata da un parziale di 8-0 Tortona firmato anche da uno strepitoso Johnson - che a fine gara verrà premiato vestito da pistolero come miglior marcatore del match - chiudendo così 48-61. L’ultimo quarto vede Tortona continuare a passeggiare su Trieste che sembra impotente: Sorokas e Johnson firmano il +17, poi la partita si ferma per una decina di minuti perchè il tabellone segnapunti impazzisce e Pansa ne approfitta per dare un paio di dritte ai suoi ragazzi. Il vantaggio degli alessandrini però è troppo perchè anche questa pausa inattesa possa scalfire la solidità mentale del gruppo, e l’ultimo quarto scorre placido e tranquillo fino al 66-91 finale: Tortona strappa il primo biglietto per le semifinali dove oggi alle 18 incontra Biella che si è sbarazzata con qualche patema di Udine.


ALMA TRIESTE - BERTRAM DERTHONA 66-91

(19-17; 29-40; 48-61)

Alma Trieste: Janelidze 4, Schina 2, Cavaliero 14, Cittadini 4, Deangeli 2, Loschi 8, Bowers 6, Prandin 2, Coronica 2, Da Ros 5, Fernandez 2, Green 15 All. Dalmasson
Bertram Derthona: Quaglia 2, Cremaschi, Johnson 24, Alibegovic 15, Apuzzo, Stefanelli 6, Garri 9, Sorokas 17, Spanghero 9, Radonjic 2, Gergati 7 All. Pansa



Non sono fortunati come i loro “cugini” tortonesi i tifosi di Casale: anche per loro code incredibili nella neve, autostrada intasata e scelta di passare per la dorsale tirrenica che non si rivela più fortunata; in più, la tristezza di vedere la Junior perdere cedendo proprio in quegli ultimi due quarti dopo che per buona parte della gara la partita era rimasta in bilico. Il primo allungo è per Ravenna che dopo 5’ è avanti di sei punti: Ramondino chiama timeout, i suoi rispondono e pareggiano la gara costringendo alla pausa questa volta Martino. Al rientro in campo Ravenna infila un nuovo minibreak che le consente di chiudere il quarto avanti 19-25. L’inizio dei secondi dieci minuti è però favorevole alla Junior che con un parziale di 9-2 mette il naso avanti recuperata da un centro di Sgorbati; alle ottime percentuali di Ravenna al tiro fa da contraltare la grande produzione dei rossoblu ed all’intervallo lungo le squadre sono divise solo da un punto sul 36-37.

Nel terzo quarto si incomincia a vedere un po’ di stanchezza fra le fila casalesi, tanto che Ravenna strappa subito un +5 che poi mantiene fra alti e bassi per dieci minuti trascinata da Rice e Giachetti: alla sirena è 49-52, un gap colmabile per Casale. Nonostante due triple consecutive di Blizzard portino il distacco solo a -1 sul 59-60, la Junior non riesce mai a trovare la continuità necessaria per impensierire gli avversari, che di contro cercano e trovano canestri facili continuando a muovere il punteggio fino ad arrivare alla doppia cifra di vantaggio quando Grant appoggia a canestro a poco più di 30” dal termine; i due punti recuperati da lì permettono a Casale di salvare almeno l’onore, ma in semifinale nel derby regionale con la Fortitudo che ha battuto Trapani nella gara serale ci va Ravenna.

NOVIPIU’ CASALE - ORASI’ RAVENNA 67-75
(19-25, 36-37, 49-52)

Novipiù Casale: Denegri 3, Tomassini 13, Valentini 2, Blizzard 9, Martinoni 6, Severini 7, Cattapan 4, Bellan 1, Sanders 8, Marcius 14. N.e.: Ielmini, Banchero. All.: Ramondino
OraSì Ravenna: Montano 5, Sgorbati 4, Giachetti 17, Chiumenti, Raschi 3, Esposito 2, Masciadri 7, Vitale 2, Rice 19, Grant 16. All.: Martino

 
3/03/2018
Fabrizio Merlo - sport@alessandrianews.it







blog comments powered by Disqus


Martinoni-Novipiù, insieme per altri due anni!

Basket - Serie A2 | La prima conferma in vista della prossima stagione è una di quelle più attese: Niccolò Martinoni vestirà la canotta della Junior per altri due anni

Aperto per Cultura

Casale Monferrato | Sabato 23 giugno teatro, musica, pittura, danza, valorizzazione dei monumenti cittadini insieme all’enogastronomia più tipica. Negozi e cortili diventano palcoscenici, balconi e terrazzi si tramutano in spazi per la musica, vie e piazze ospitano ristoranti sotto le stelle e i negozi sfitti riaprono le serrande per mostre o performance

"Pasticceri in formAzione": un’iniziativa di inclusione sociale di CrescereInsieme e Oda

Casale Monferrato | Sabato 23 giugno il momento celebrativo di un percorso realizzato da alcuni richiedenti asilo beneficiari del Progetto Sprar gestito dalla Cooperativa CrescereInsieme, all’interno di una formazione professionale di Prodotti da Forno e Pasticceria presso il Ciofs Palomino e di una sessione di diretta conoscenza di una realtà produttiva,  individuata nella Bottega dell’Oda

Monfrà Jazz Festival: arrivano i big

Casale Monferrato | Venerdì 22 giugno una serata a tutto swing, sabato 23 i giovani e LM20 e I superbig in piazza Mazzini, Domenica si cominicia con il concerto all’alba sul Po con colazionee si conclude con il quartetto del chitarrista Martino Vercesi 

Docenti precari e indennità NaSpI

Economia e Lavoro | I docenti che vogliono presentare la domanda di disoccupazione hanno a disposizione 68 giorni a partire dalla fine del contratto, ma è consigliabile inoltrare la stessa il prima possibile perché l’indennità decorre dall’8° giorno dal termine del contratto