Casale Monferrato

“Il Duce lava più bianco”: Tagliabue narra la propaganda politica

Una lunga carrellata di poster destinati ai muri delle nostre città descriveranno quasi cento anni di cambiamenti sociali e istituzionali attraverso lo stile e il linguaggio della comunicazione politica. Venerdì 23 marzo appuntamento alla Biblioteca Civica con Corrado Tagliabue

CASALE MONFERRATO - Venerdì 23 marzo alle 21, nella Sala Multimediale della Biblioteca Civica Giovanni Canna avrà luogo l’incontro Il Duce lava più bianco, inserito nel palinsesto di eventi LiberAzioni a cura dell’Anpi. Relatore dell’appuntamento, a ingresso libero, sarà Corrado Tagliabue, professionista della comunicazione ideatore di molte campagne pubblicitarie ed elettorali.

I manifesti di propaganda politica, dal Ventennio in poi, raccontano la storia della nostra vita e sono mutati nella loro grafica e nei loro messaggi così come sono cambiati gli italiani stessi. Una lunga carrellata di poster destinati ai muri delle nostre città descriveranno quasi cento anni di cambiamenti sociali e istituzionali attraverso lo stile e il linguaggio della comunicazione politica. Dalle tavole disegnate come le copertine della Domenica del Corriere, alla grafica futurista, fino alle foto dei giganteschi volti dei candidati, quello che oggi è definito “outdoor advertising” ha subito forti cambiamenti facendo leva inizialmente sulla retorica di regime, passando al disincanto del presente. Cento e più manifesti per leggere la storia d'Italia davanti al tabellone delle affissioni, con un'analisi sulle recenti elezioni politiche.

Corrado Tagliabue
, professionista della comunicazione, copywriting, giornalismo, è ideatore di campagne pubblicitarie e slogan elettorali. Ha seguito l'ideazione di brand e prodotti per grandi aziende e piccole realtà, occupandosi in particolare di pubblicità per prodotti etici, aziende non profit e istituzioni. Per il settore della pubblica amministrazione segue il lancio di servizi, informazione (house organ), campagne informative e di sensibilizzazione. Già sindaco di San Salvatore Monferrato per dieci anni, ne è ora vice e assessore. Dal 2014 è altresì consigliere della Provincia di Alessandria. Nell’ambito del proprio mandato comunale, cura la comunicazione esterna dell'ente ed  è ideatore del progetto editoriale "San Salvatore in Album", la collezione di figurine con i volti dei cittadini del suo paese, iniziativa che ha ottenuto premi e riconoscimenti, assumendo rilevanza nazionale.
20/03/2018







blog comments powered by Disqus


Ferragosto tra castelli, musei e mostre

Cultura | Con Castelli Aperti visite ad Acqui Terme, Volpedo, Casale Monferrato, Bistagno, Trisobbio e Rocca Grimalda. Aperture straordinarie a Marengo, alla Gambarina di Alessandria, al Museo dei Campionissimi a Novi Ligure, al Forte di Gavi e alla Pinacoteca di Voltaggio. Ad Acqui Terme l'antologica su Lucio Fontana

Titti Palazzetti scrive a Trump: “l'utilizzo dell'amianto sia bandito”

Casale Monferrato | Il sindaco: “Ci indigna profondamente sapere che un Paese come gli Stati Uniti continui a permettere l'importazione e l'utilizzo di amianto”

“Manca personale, risposte insufficienti anche dalla nuova direzione”

Provincia | Il sindacato Fials torna a denunciare la “cronica carenza di personale”, che dura ormai da due anni ma che, nel periodo estivo, è ancora più evidente. Sono un centinaio le figure mancanti, soprattutto negli ospedali di Casale e Novi Ligure. Ma l'azienda assumerà da settembre solo 9 infermieri a tempo determinato

Dall'alessandrino la petizione "Si Vax" contro l'autocertificazione dell'obbligo vaccinale

Terruggia | Tutto parte da un paese del casalese, Terruggia: è la famiglia di Viola ad aver fatto partire una petizione che ha portato ad una raccolta che ha superato in pochi giorni le 200 mila firme. La petizione Si Vax lanciata da Roberta Amatelli, insieme a un gruppo di altre mamme di bambini immunodepressi a seguito di un trapianto di fegato vuole portare la questione dell'autocertificazione dell'obbligo vaccinale a livello nazionale

Vendemmia minacciata da caprioli e cinghiali: “siamo sempre alle solite e nulla è stato risolto”

Provincia | Le associazioni degli agricoltori lanciano ancora una volta l'allarme per le culture danneggiate dalla fauna selvatica: "danni rilevanti, ormai molti agricoltori non procedono nemmeno più alla richiesta dei danni"