Provincia

Il colpo di coda dell'inverno preoccupa gli agricoltori

Preoccupazione degli agricoltori rivolta alle colture orticole, alcune già in fase di crescita, il gelo ha distrutto il 20 per cento dei raccolti, soprattutto lattughe, patate, carciofi, cavoli, verze, cicorie e broccoli

PROVINCIA - La nuova irruzione di freddo e il forte maltempo di queste ore stanno mettendo alla prova l’agricoltura alessandrina.
Lo rivela la Coldiretti provinciale. In pericolo ci sono le coltivazioni che si stanno risvegliando con l’arrivo della primavera. A subire gli effetti di questo “colpo di coda dell’inverno” che ha accompagnato l’ ondata di maltempo con abbassamento delle temperature e neve in tutta la provincia sono soprattutto coltivazioni come cavoli, verze, cicorie e broccoli, coltivati in pieno campo.
Per affrontare la caduta della neve che sta mandato in tilt il traffico su molte strade, sono stati mobilitati anche gli agricoltori della Coldiretti con trattori utilizzati come spalaneve e spandiconcime adattati per la distribuzione del sale contro il gelo.
La presenza diffusa delle imprese agricole sul territorio assicura, infatti, la possibilità di un intervento capillare a tutela dei cittadini e salvaguardia del territorio.

Ad essere maggiormente colpite potrebbero essere le coltivazioni cerealicole ma sono a rischio gli alberi da frutto, in fase di germinazione, le primizie primaverili di questa stagione ma anche le coltivazioni di fragole, pomodori, fiori e piante da vivai in serra.
La preoccupazione è rivolta alle colture orticole, alcune già in fase di crescita.
“Dai continui sbalzi termici alla neve, siamo di fronte - sostiene il presidente Coldiretti Alessandria Roberto Paravidino - ai drammatici effetti dei cambiamenti climatici che si manifestano con il moltiplicarsi di eventi estremi, sfasamenti stagionali e precipitazioni brevi ma intense e il repentino passaggio dal sereno al maltempo con vere e proprie bombe d'acqua che il terreno non riesce ad assorbire”.
Come sempre però, ciò che preoccupa di più è la sicurezza idrogeologica del territorio e “in questa situazione è fondamentale che le aziende agricole si dotino della polizza assicurativa contro i danni da maltempo – aggiunge il direttore provinciale Leandro Grazioli – per coprire i rischi connessi alle calamità naturali che purtroppo negli ultimi tempi sono sempre più frequenti. I danni ricadono pesantemente sui redditi aziendali e la polizza diventa strumento indispensabile per far fronte ai rischi”.
Il colpo di coda dell’inverno con l’arrivo di una ondata di maltempo può essere accolto "positivamente" solo per un aspetto: consente di ripristinare le scorte di acqua necessarie a sconfiggere nelle città e nelle campagne l’allarme siccità, anche se preoccupano gli effetti sulle coltivazioni che potrebbero provocare le gelate notturne.
“La caduta della neve e della pioggia per essere utile ad alimentare le riserve idriche deve però avvenire in modo costante e durare nel tempo – aggiunge il presidente Paravidino - mentre i forti temporali, soprattutto se si manifestano con precipitazioni intense, rischiano di provocare danni poiché i terreni secchi non riescono ad assorbire l’acqua che cade violentemente e tende ad allontanarsi per scorrimento. L’ondata di gelo rischia invece di provocare gravi danni nelle campagne, soprattutto dove sono già in fiore le piante di pesco e mandorlo”.



2/03/2018







blog comments powered by Disqus


Cavaliero super, è Trieste a volare in serie A

Basket | L'ultima recita della Junior, davanti a 3465 spettatori (record storico), promuove l'Alma 63-72. Finisce con l'abbraccio del pubblico ai propri giocatori la stagione della Novipiù Casale, uscita sconfitta da Gara 3 per mano dell'Alma Trieste che ha visto realizzarsi il sogno di tornare in Serie A

Gaudenzio Ferrari tra Vercelli, Novara e Varallo, una mostra “all’antica” che segue la storia

Cultura | Organizzata in senso cronologico, si tratta dell’esposizione dedicata allo straordinario pittore che oggi diremmo piemontese, architetto, plastificatore, musicista e poeta, che si dipana dalle prime prove fino alle ultime, prodotte a Milano per gli Sforza.

Basta morti sul lavoro, l'industria sciopera per quattro ore

Economia | I sindacati Cgil, Cisl e Uil hanno confermato le quattro ore di sciopero, dalle 8 alle 12, il prossimo 19 giugno, tutto il comparto dell'industria per chiedere di "fermare la strage" delle morti sul lavoro

Monfrà Jazz Festival: primo fine settimana di musica

Casale Monferrato | Dal 16 al 30 giugno oltre 40 appuntamenti e un centinaio di artisti coinvolti per una kermesse che coinvolgerà Casale e il suo territorio. Nel primo fine settimana Jazz in vigna, apertivo jazz e i Buscaglione Project a CasaleComics & Games

L’originale Consorzio "Gli Ambulanti di Forte dei Marmi" a Valenza domenica 17 giugno

Valenza | In piazza Gramsci evento-mercato di qualità con tutto il meglio del Made in Italy artigianale. I famosi ambulanti toscani tornano nell’Alessandrinoper riportare anche qui le magiche atmosfere del Mercato del Forte, sinonimo di genuinità e qualità artigianale garantita