Slow Food

Le migliori osterie secondo Slow Food, tre Chiocciole in provincia

Sono prevalentemente sulle colline del Monferrato e sugli Appennini i migliori locali 'rustici' segnalati dalla guida del mangiare lento, alla riscoperta delle tradizioni. Ecco quelli della provincia di Alessandria divisi per categorie (vino, formaggi, olio)

SLOW FOOD - Sono 151 su un totale di 1617 i locali piemontesi segnalati nella guida alle Osterie d'Italia 2019 appena pubblicata per i tipi di Slow Food Editore, tra questi 27 Chiocciole (i locali particolarmente in sintonia con la filosofia Slow Food), 36 Formaggi, 64Bottiglie e, novità di quest'anno, 9 esercizi segnalati per la particolare attenzione all'olio extravergine d'oliva, sia in cucina che in sala.
 
Giunto alla 29esima edizione, il sussidiario del mangiarbere all'italiana è il solo a raccontare un lavoro troppo spesso sottovalutato, quello delle cuoche e degli osti italiani con la diversità, l'originalità e la capacità di interpretare la cucina secondo la loro personalità.

Nella guida spiccano un bel po’ di locali della provincia di Alessandria, tra cui quello premiato come ‘novità’, anche se la storia dei Cacciatori di Cartosio ha 200 anni. È il nuovo corso di Massimo e Federica Milano che ha portato all'attribuzione della chiocciola.

È tornata anche la bottiglia, come icona del perfetto abbinamento a tavola. Tra i principi che hanno guidato l'attribuzione l'abbinamento con i vini del proprio territorio; la personalizzazione della carta dei vini secondo il proprio gusto e un lavoro di ricerca personale; meglio poche referenze ben scelte piuttosto che centinaia poco curate e banali; il rapporto qualità prezzo che si deve ritrovare anche per le etichette e così come l'attenzione all'ambiente.

Ecco le Chiocciole nostrane:
Locanda dell'Olmo Bosco Marengo, Il Moro Capriata d'Orba, Cacciatori Cartosio.

I migliori formaggi
Il Nuovo Parisio Acqui Terme, Locanda dell'Olmo Bosco Marengo, Il Moro Capriata d´Orba, Vallenostra Mongiardino Ligure, Corona San Sebastiano Curone

Le Bottiglie
Il Nuovo Parisio Acqui Terme, Locanda dell'Olmo Bosco Marengo, Belvedere 1919 Cantalupo Ligure, Il Moro Capriata d´Orba, Cacciatori Cartosio, Amarotto Casale Monferrato, Da Fausto Cavatore, La Genzianella Fabbrica Curone, Da Giuseppe Montemarzino, Il Banco Novi Ligure, Corona San Sebastiano Curone, Visconti Voltaggio.
 
E per finire… Le osterie attente all'olio extravergine d'oliva 
Il Nuovo Parisio Acqui Terme, Il Moro Capriata d´Orba
7/10/2018







blog comments powered by Disqus


Nel ricordo di Luigino Fassino, la Bertram vince il primo derby al PalaOltrepo contro Casale

Basket - Serie A2 | Alla Novipiù non basta un secondo tempo di grande carattere: Tortona conquista la vittoria e la dedica a Luigino Fassino, scomparso nella notte tra sabato e domenica

Concorso infermieri: "tutti possono partecipare. E' un diritto inalienabile"

Lavoro | E' la Cisl Funzione Pubblica Alessandria e Asti a mettere i "puntini sulle i" dopo aver ricevuto diverse segnalazioni di infermieri, quasi tutti già impiegati nel settore privato-socioassistenziale-cooperative, per sapere se è corretto che il proprio datore di lavoro ostacoli la partecipazione al concorso pubblico indetto a Casale Monferrato il 2 marzo. " la partecipazione a un concorso è un diritto inalienabile di cui nessuno può privarli"

Quei buoni consigli

Società | Simona era stata aggredita dall'ex compagno che, dopo averla picchiata, ha tentato di darle fuoco. E' accaduto non lontano da qui, a Vercelli. Una vicenda che ha colpito, così come i commenti, postati anche sul nostro giornale on line: “si però è anche colpa delle donne... vanno in giro vestite come prostitute...”

Bertram e Novipiù, al PalaOltrepo un derby che sa di riscatto...per entrambe

Basket - Serie A2 | I bianconeri tornano a giocare tra le mura amiche dopo il k.o. di Rieti arrivato però solo al supplementare, i rossoblu scendono sul parquet del PalaOltrepo dopo il nulla di fatto con la Virtus Roma. Palla a due domenica 17 alle 18

Ticket sui farmaci: dal 1° marzo in Piemonte non si pagherà più

Piemonte | La giunta regionale ha deciso di cancellare la quota fissa di compartecipazione farmaceutica a carico dei cittadini in vigore dal 2002. Chiamparino e Saitta: "Cancelliamo una tassa sulla salute"