Alessandria

Aral: impianto "stracolmo". La soluzione: "ricavare subito un piccolo spazio nella nuova vasca di Solero"

Il quadro che emerso dall'incontro in Provincia "drammatico": impianto di Castelceriolo stracolmo. Oltre a quello che era gi stoccato, sembra che i rifiuti continuino a crescere. Tra le prime proposte per ovviare ad una nuova "emergenza rifiuti" c' quella di realizzare una "vasca nella vasca", ovvero un piccolo spazio da poter utilizzare subito (entro un mese) nella settima vasca in costruzione alla discarica di Solero

 ALESSANDRIA - L'incontro ai piani alti di Palazzo Ghilini tra il neo presidente di Aral, Angelo Marengo, la Provincia e il Comune ha confermato il “quadro drammatico” dell'impianto di Aral a Castelceriolo e in generale della filiera dei rifiuti e del loro smaltimento, come era stato rilevato solo una settimana fa da una relazione di Arpa. Oggi la grande preoccupazione, anche alla luce dell'ordinanza della Provincia che consentiva di proseguire l'attività ma con una forte riduzione del volume di rifiuti stoccati, è nell'impianto di Aral, “stracolmo” di rifiuti, con cumuli di “fos” (frazione organica) dei comuni soci del nostro territorio “fin sopra i capelli”. Oltre cioè la presenza di alcuni cumuli di rifiuti che non si potevano non prendere e stoccare lì, come quelli di Amiu Genova, la domanda vista la continua crescita sembra essere: “come mai si stanno continuando ad accumulare i rifiuti? Qualcuno continua a portarli? (anche se non dovrebbe?)”.

Così prima di arrivare ad una nuova “emergenza rifiuti” il vertice in Provincia di ieri ha cercato di studiare alcune possibili soluzioni. Tra le proposte più favorevoli c'è quella che guarda a Solero, alla nuova vasca che si sta realizzando. “All'interno di quella creare subito, cioè entro un mese al massimo, una vasca nella vasca, cioè un piccolo spazio che possa essere subito utilizzato e riempito con il sovraccarico dell'impianto di Aral” ha spiegato l'assessore Paolo Borasio. Visto che per l'intera settima vasca bisognerà attendere almeno fino a fine anno o poco prima.

Ma non è tutto. Perché non basterebbe. Per la frazione organica presente in abbondanza, in questo mese, potrebbe essere utilizzata insieme all'argilla per fare un nuovo strato sopra ai rifiuti già presenti nella discarica di Mugarone. E infine si dovrà tornare a bussare alla porta di Srt, che sembra essersi detta disponibile per prenderne ancora un po' (di frazione secca come ha fatto per tutto questo tempo), ma che nel concreto dovrà trovare l'accordo sulle quantità e sulle “modalità” di conferimento (pagate?) in una riunione che si terrà la prossima settimana.

In attesa di soluzioni repentine per scongiurare l'emergenza, il primo passo sembra essere “un atto di forza importante del nuovo CdA di Aral nell'organizzazione e gestione dell'azienda e della filiera”. Per iniziare a sistemare qualche tassello....
6/10/2018







blog comments powered by Disqus


Spar all'ex compagno di cella, condannato per tentato omicidio

Cronaca | E' stato condannato a 7 anni e 6 sei mesi di reclusione per tentato omicidio l'uomo residente a Serravalle ed autore della sparatoria avvenuto lo scorso aprile a Novi, dove rimase ferito il 43enne Roland Kola

Polstrada in festa con le parole degli ex comandanti

Ovada | Una giornata per ribadire il ruolo delle forze dell'ordine e l'impegno sulla strada di uomini e donne. Dal Comune di Ovada una targa agli agenti Marco Gastaldi e Antonio Fiore

Accusato di lesioni e stalking, condannato

Cronaca | Un uomo di 60 prese di mira due giovani donne, una delle quali non aveva accettato di avere una relazione con lui. In tribunale stato condannato

Prima di Natale aumentano i furti in casa, ecco dove

Cronaca | Controlli antifurti in gran parte della provincia: statistiche alla ma o il periodo prima di Natale coincide con un aumento dei furti in abitazione e in esercizi commerciali

Polstrada: festa per i 40anni della sezione di Ovada

Ovada | Questa mattina la celebrazione che prevede la mostra a cielo aperto dei cimeli e dei mezzi e la premiazione all'interno di Palazzo Delfino