Alessandria

Aral: impianto "stracolmo". La soluzione: "ricavare subito un piccolo spazio nella nuova vasca di Solero"

Il quadro che è emerso dall'incontro in Provincia è "drammatico": impianto di Castelceriolo stracolmo. Oltre a quello che era già stoccato, sembra che i rifiuti continuino a crescere. Tra le prime proposte per ovviare ad una nuova "emergenza rifiuti" c'è quella di realizzare una "vasca nella vasca", ovvero un piccolo spazio da poter utilizzare subito (entro un mese) nella settima vasca in costruzione alla discarica di Solero

 ALESSANDRIA - L'incontro ai piani alti di Palazzo Ghilini tra il neo presidente di Aral, Angelo Marengo, la Provincia e il Comune ha confermato il “quadro drammatico” dell'impianto di Aral a Castelceriolo e in generale della filiera dei rifiuti e del loro smaltimento, come era stato rilevato solo una settimana fa da una relazione di Arpa. Oggi la grande preoccupazione, anche alla luce dell'ordinanza della Provincia che consentiva di proseguire l'attività ma con una forte riduzione del volume di rifiuti stoccati, è nell'impianto di Aral, “stracolmo” di rifiuti, con cumuli di “fos” (frazione organica) dei comuni soci del nostro territorio “fin sopra i capelli”. Oltre cioè la presenza di alcuni cumuli di rifiuti che non si potevano non prendere e stoccare lì, come quelli di Amiu Genova, la domanda vista la continua crescita sembra essere: “come mai si stanno continuando ad accumulare i rifiuti? Qualcuno continua a portarli? (anche se non dovrebbe?)”.

Così prima di arrivare ad una nuova “emergenza rifiuti” il vertice in Provincia di ieri ha cercato di studiare alcune possibili soluzioni. Tra le proposte più favorevoli c'è quella che guarda a Solero, alla nuova vasca che si sta realizzando. “All'interno di quella creare subito, cioè entro un mese al massimo, una vasca nella vasca, cioè un piccolo spazio che possa essere subito utilizzato e riempito con il sovraccarico dell'impianto di Aral” ha spiegato l'assessore Paolo Borasio. Visto che per l'intera settima vasca bisognerà attendere almeno fino a fine anno o poco prima.

Ma non è tutto. Perché non basterebbe. Per la frazione organica presente in abbondanza, in questo mese, potrebbe essere utilizzata insieme all'argilla per fare un nuovo strato sopra ai rifiuti già presenti nella discarica di Mugarone. E infine si dovrà tornare a bussare alla porta di Srt, che sembra essersi detta disponibile per prenderne ancora un po' (di frazione secca come ha fatto per tutto questo tempo), ma che nel concreto dovrà trovare l'accordo sulle quantità e sulle “modalità” di conferimento (pagate?) in una riunione che si terrà la prossima settimana.

In attesa di soluzioni repentine per scongiurare l'emergenza, il primo passo sembra essere “un atto di forza importante del nuovo CdA di Aral nell'organizzazione e gestione dell'azienda e della filiera”. Per iniziare a sistemare qualche tassello....
6/10/2018







blog comments powered by Disqus


Non si rassegnava alla fine della relazione, ora è accusato di stalking e lesioni

Cronaca | Un 33enne è accusato di atti persecutori e lesioni nei confronti della donna con la quale aveva avuto una relazione. Per due mesi ha inviato decine di messaggi al giorno, contenenti anche minacce

Via Rocca più sicura: al via il monitoraggio della velocità

Ovada | Da qualche settimana, a Palazzo Delfino, si è deciso di estendere il progetto già attivo in via Molare – con risultati giudicati positivi – anche nella zona del Borgo, lungo la strada provinciale 185 che porta a Predosa e Alessandria.

L'ordinanza "anti deiezioni" in diretta su Radio Rai

Ovada | In diretta alla trasmissione "Seconda classe" il sindaco Paolo Lantero ha difeso le ragioni dell'obbligo di bottiglietta per i padroni. E poi un elogio di San Paolo della Croce

Dalla scuola di Polizia 164 nuovi agenti diplomati

Alessandria | Sono 164 gli allievi della scuola di polizia di Stato di Alessandria che hanno prestato giuramento di fedeltà alla Repubblica, a conclusione del 200° corso. Una festa che ha toccato anche la città di Alessandria dove erano presenti tre postazioni della polizia

Muore a Berlino un 25enne originario di Novi

Novi Ligure | Un 25enne originario di Novi Ligure è morto a Berlino lo scorso fine settimana: da qualche anno abitava in Germania dove lavorava come odontotecnico