Cronaca

Attivisti No Tav indagati per gli scontri a Radimero

Una cinquantina di attivisti hanno ricevuto nei giorni scorsi un avviso di garanzia per gli scontri al cantiere di Radimero per la manifestazione dell'aprile 2014. Si attendono altri avvisi per le manifestazioni successive? Ecco come avevamo raccontato noi quella giornata di protesta

CRONACA – Due verità si confronteranno probabilmente davanti al tribunale di Alessandria: quella della procura di Alessandria, con il pubblico ministero (arrivato da Torino) Andrea Paladino e quella dei No Tav, difesi dall'avvocato Laura Tartarini.
L'inchiesta per i presunti reati di resistenza, danneggiamento e lesioni in concorso non è ancora terminata. Oltre ai fatti contestati per la manifestazione dell'aprile 2014, la prima in cui salì la tensione e furono lanciati lacrimogeni da parte delle forze dell'ordine, potrebbero aggiungersi, secondo quanto riportato da alcuni quotidiani, altri episodi, a Libarna e a Pozzolo, nonché il tentativo di occupazione della sala consiliare di Novi Ligure durante una seduta dedicata al tema.
In tutto, stando a quanto riferiscono i quotidiani La Stampa e Il Secolo XIX (stesso articolo a firma di Massimo Numa), sarebbero circa 150 gli indagati, tutti attivisti di età compresa tra i 27 e i 73 anni, compreso l'attivista che fu colpito alla testa. Negli scontri rimasero contusi anche alcuni agenti delle forze dell'ordine, in tenuta anti sommossa, che si fecero refertare le contusioni dal pronto soccorso.
Quel giorno c'era anche Alessandrianews. Qui potete leggere quanto fu scritto all'epoca.
I No Tav forniscono la loro versione, sostenendo che a ricevere l'avviso di garanzia sarebbero state anche persone che non erano presenti alla manifestazione. Qui il link

L'inchiesta, ad ogni modo, è alle prime battute. Dopo la conclusione delle indagini ci dovrebbe essere comunque un udienza preliminare in cui il giudice potrà rinviare a giudizio o archiviare.
14/02/2018







blog comments powered by Disqus


Ancora una vittima per monossido: muore 57enne di Castellazzo

Castellazzo Bormida | Si chiamava Costanza Diana la 57enne trovata senza vita intorno alle 8 di giovedì 22. Le cause della morte sarebbero da attribuire al monossido di carbonio sprigionato dal braciere che la donna aveva in camera da letto

Polo Chimico, “chi ha inquinato sapeva”

Cronaca | E' ripreso con la requisitoria del pubblico ministero il processo in Appello contro i manager e amministratori del polo chimico di Spinetta Marengo per l'inquinamento della falda. Ripercorsi i fatti salienti, dai rapporti Erl all'alto piezometrico

Accusati di aver fatto fallire la ditta orafa, chiedono di patteggiare la pena

Cronaca | L'azienda orafa valenzana Coppo Luigi venne dichiarata fallita nel 2013 con un passivo di oltre cento milioni di euro. A processo sono finiti in tre. Il titolare e l'amministratore di fatto chiedono di patteggiare la pena a due anni di reclusione con la condizionale

Scuolabus si ribalta, due feriti

Cronaca | Due feriti è il bilancio di un incidente avvenuto mercoledì mattina a Spinetta, sulla circonvallazione in direzione Tortona. Si è ribaltato uno scuolabus che fortunatamente era vuoto. Rimasto ferito l'autista del pulmino e quello dell'auto

Esce di strada, motociclista perde la vita

Cronaca | Un motociclista di 42 anni di Viguzzolo esce di strada e finisce contro un terrapieno. Viaggiava su una strada vicinale, parzialmente sterrata [AGGIORNAMENTO]