Cronaca

Attivisti No Tav indagati per gli scontri a Radimero

Una cinquantina di attivisti hanno ricevuto nei giorni scorsi un avviso di garanzia per gli scontri al cantiere di Radimero per la manifestazione dell'aprile 2014. Si attendono altri avvisi per le manifestazioni successive? Ecco come avevamo raccontato noi quella giornata di protesta

CRONACA – Due verità si confronteranno probabilmente davanti al tribunale di Alessandria: quella della procura di Alessandria, con il pubblico ministero (arrivato da Torino) Andrea Paladino e quella dei No Tav, difesi dall'avvocato Laura Tartarini.
L'inchiesta per i presunti reati di resistenza, danneggiamento e lesioni in concorso non è ancora terminata. Oltre ai fatti contestati per la manifestazione dell'aprile 2014, la prima in cui salì la tensione e furono lanciati lacrimogeni da parte delle forze dell'ordine, potrebbero aggiungersi, secondo quanto riportato da alcuni quotidiani, altri episodi, a Libarna e a Pozzolo, nonché il tentativo di occupazione della sala consiliare di Novi Ligure durante una seduta dedicata al tema.
In tutto, stando a quanto riferiscono i quotidiani La Stampa e Il Secolo XIX (stesso articolo a firma di Massimo Numa), sarebbero circa 150 gli indagati, tutti attivisti di età compresa tra i 27 e i 73 anni, compreso l'attivista che fu colpito alla testa. Negli scontri rimasero contusi anche alcuni agenti delle forze dell'ordine, in tenuta anti sommossa, che si fecero refertare le contusioni dal pronto soccorso.
Quel giorno c'era anche Alessandrianews. Qui potete leggere quanto fu scritto all'epoca.
I No Tav forniscono la loro versione, sostenendo che a ricevere l'avviso di garanzia sarebbero state anche persone che non erano presenti alla manifestazione. Qui il link

L'inchiesta, ad ogni modo, è alle prime battute. Dopo la conclusione delle indagini ci dovrebbe essere comunque un udienza preliminare in cui il giudice potrà rinviare a giudizio o archiviare.
14/02/2018







blog comments powered by Disqus


"Preghiamo affinché non ci siano più vittime dovute all'incuria dell'uomo"

Cronaca | Tutta la comunità di Arquata si è stretta attorno al dolore delle famiglie di Alessandro Robotti e Giovanna Bottaro, la coppia rimasta vittima nel crollo del ponte Morandi a Genova. Il parroco: "non siamo in Chiesa per accusare o individuare le responsabilità della tragedia, ma per pregare"

Fiamme nella discarica di Castelceriolo

Cronaca | Aggiornamento: incendio sotto controllo. Arpa: "nessuna criticità" Un incendio è divampato nella serata di venerdì 17 nell'impianto di rifiuti di Castelceriolo. Le fiamme sono sotto controllo ma i vigili del fuoco, insieme al personale Arpa, sono ancora al lavoro

"Era come essere di nuovo in guerra"

Cronaca | Il racconto di Pasqualina, sfollata dalla zona rossa di Genova dopo il crollo del ponte Morandi ed ora ospite della figlia ad Arquata dove stamattina si celebrano i funerali di Alessandro e Giovanna

Poliziotti eroi a pochi minuti dalla tragedia

Ovada | Gli agenti Marco Gastaldi e Antonio Fiore hanno operato sul viadotto dell'A10 a pochi minuti dal crollo di martedì scorso. L'elogio della Questura di Alessandria

Crollo del ponte Morandi: futuro incerto sulla Acqui - Genova

Ovada | La linea è tuttora bloccata dai blocchi di cemento precipitati. I viaggiatori costretti a utilizzare tre mezzi. "Cosa succederà a settembre quando si tornerà a pieno regime?"