Cronaca

Attivisti No Tav indagati per gli scontri a Radimero

Una cinquantina di attivisti hanno ricevuto nei giorni scorsi un avviso di garanzia per gli scontri al cantiere di Radimero per la manifestazione dell'aprile 2014. Si attendono altri avvisi per le manifestazioni successive? Ecco come avevamo raccontato noi quella giornata di protesta

CRONACA – Due verità si confronteranno probabilmente davanti al tribunale di Alessandria: quella della procura di Alessandria, con il pubblico ministero (arrivato da Torino) Andrea Paladino e quella dei No Tav, difesi dall'avvocato Laura Tartarini.
L'inchiesta per i presunti reati di resistenza, danneggiamento e lesioni in concorso non è ancora terminata. Oltre ai fatti contestati per la manifestazione dell'aprile 2014, la prima in cui salì la tensione e furono lanciati lacrimogeni da parte delle forze dell'ordine, potrebbero aggiungersi, secondo quanto riportato da alcuni quotidiani, altri episodi, a Libarna e a Pozzolo, nonché il tentativo di occupazione della sala consiliare di Novi Ligure durante una seduta dedicata al tema.
In tutto, stando a quanto riferiscono i quotidiani La Stampa e Il Secolo XIX (stesso articolo a firma di Massimo Numa), sarebbero circa 150 gli indagati, tutti attivisti di età compresa tra i 27 e i 73 anni, compreso l'attivista che fu colpito alla testa. Negli scontri rimasero contusi anche alcuni agenti delle forze dell'ordine, in tenuta anti sommossa, che si fecero refertare le contusioni dal pronto soccorso.
Quel giorno c'era anche Alessandrianews. Qui potete leggere quanto fu scritto all'epoca.
I No Tav forniscono la loro versione, sostenendo che a ricevere l'avviso di garanzia sarebbero state anche persone che non erano presenti alla manifestazione. Qui il link

L'inchiesta, ad ogni modo, è alle prime battute. Dopo la conclusione delle indagini ci dovrebbe essere comunque un udienza preliminare in cui il giudice potrà rinviare a giudizio o archiviare.
14/02/2018







blog comments powered by Disqus


Fermata la banda dei falsi carabinieri

Cronaca | Quattro arresti, l'ultimo mercoledì scorso, da parte di Carabinieri e Polizia. In manette è finita una banda che si presentava alle vittime come appartenenti all'Arma, esibendo falsi tesserini. L'ultimo arresto è stato fatto a Cesano Boscone, nel milanese

Ottocento metri cubi di terra inquinata: "evento distruttivo di proporzioni straordinarie"

Cronaca | La Corte d'Assise d'Appello di Torino ribadisce, nelle motivazioni alla sentenza di condanna di tre dirigenti Ausimont e Solvay, come l'inquinamento fu causato da "una enorme massa di residui di lavorazione". Solvay annuncia il ricorso in Cassazione e intanto sta risarcendo le parti civili. La bonifica, dagli atti del processo, terminerà nel 2029

Concorso truccato, nove indagati chiedono il rito abbreviato

Novi Ligure | Hanno chiesto il rito abbreviato nove degli undici indagati nell'ambito dell'inchiesta sul presunto concorso truccato a Rivieracqua, municipalizzata di Imperia. Tra di loro, anche un docente universitario di Novi Ligure

Uomo investito in via Gramsci trasportato a Novi in codice giallo

Ovada | Incidente mentre stava attraversando verso il supermercato Coop in prossimità. Sul posto Polizia Municipale e personale medico del 118

Si attardano a smurare la cassaforte, presi in quattro

Casale Monferrato | Quattro giovani ladri sono stati colti con le mani nel sacco, o meglio, tra i calcinacci. Si erano introdotti in un locale in ristrutturazione per un colpo che credevano facile. E invece