Cronaca

Aumentano le segnalazioni di violenza sulle donne, “c'è maggiore sensibilizzazione”

Anche grazie ad iniziative come quella di ieri in piazzetta Marconi della Polizia, insieme a Medea ed ai servizi socio assistenziali cittadini, c'è un aumento delle segnalazioni da parte delle donne. Ecco come funziona il “protocollo Rosa” siglato oltre un anno fa

CRONACA – “Se ti ricatta, se ti isola, se tifa del male, se ti offende o ti umilia, non è amore”. E' il messaggio lanciato attraverso l'iniziativa della polizia di Stato, insieme all'associazione antiviolenza Medea e al consorzio di servizi sociali Cissaca ieri, in piazzetta Marconi ad Alessandria. Fa parte della campagna “Questo non è amore” che la polizia porta nelle piazze di tutta Italia.

In provincia di Alessandria da circa un anno è attivo il “protocollo rosa” tra operatori che possono entrare a contatto, ciascuno nelle propria specificità, con casi di violenza. Dagli agenti della questura, ai medici e infermieri del pronto soccorso, ai volontari del centro antioviolenza. Il prtocollo rosa è anche una serie di azioni per tutelare e proteggere le vittime di violenza, a partire dalla visita in ospedale, fino alla denuncia.
Esiste una rete virtuosa, in Provincia, in grado di “intercettare” ed aiutare quella violenza che spesso fa fatica ad emergere, perchè attuata tra le mura di casa.
La segnalazione può partire dalla sensibilità di un insegnate a scuola, o dalla visita di una donna che ricorre alle cure del pronto soccorso. Subito vengono attivate le forze dell'ordine, l'equipe di psicologi e, se ne ricorrono i presupposti, i servizi sociali.
Sono 241 i casi presi in carico dal centro Medea nell'ultimo anno; 85 quelli trattati dal Cissaca. “C'è una maggiore sensibilizzazione, grazie anche ad azioni come questa – spiega Cinzia Spriano, referente per il Cissaca – E sono in aumento anche le segnalazioni alle forze di polizia o ai servizi sociali”. Si cerca di fare fronte a quella che sembra essere sempre di più un'emergenza sociale.
“Non dimentichiamo che in Italia una donna su tre subisce violenza”, sottolinea Elena Bongiovanni di Medea.
In Provincia di Alessandria, fortunatamente, i numeri non sono così drammatici. Ma il fenomeno esiste e, fortunatamente, sempre più spesso, emerge dall'ombra.
Le vittime sono per lo più donne con figli, che non lavorano e che hanno timore a rompere la catena della violenza e dei soprusi perchè temono per la loro incolumità o quella dei figli.
“Se è necessario, si può arrivare all'allontanamento della donna, che viene ospitata in strutture protette, lontano dal raggio di azione di chi le ha usato violenza”, ricorda Spriano. A volte, può essere l'unica soluzione. "Putroppo non sono molte le strutture vicine. In caso di presenza di minori, ad esempio, si tende ad evitare l'allontanamento, per non stravolgere la vita del bambino". Altre volte, invece, è l'unica alternativa.  
La paura di non farcela, da sole, perchè senza famigliari vicini e senza lavoro, è una dei freni più potenti che agisce sulla vittima. Attraverso un percorso che vede coinvolti tutti i soggetti della rete, si può tornare a vivere.
6/02/2019







blog comments powered by Disqus


Moglie e amici portavano avanti l'attività del "boss"

Cronaca | I retroscena dell'arresto della moglie di Domenico Dattola e del gruppo di collaboratori. Per convincere i debitori a saldare il "dovuto" usavano anche manganelli. Resta sotto sequestro la pizzeria "Bandiera"

Inchiesta Monopoli, finisce in carcere anche la moglie di Dattola

Novi Ligure | Altre due persone sono finite in carcere nell'ambito dell'inchiesta Monopoli, che a dicembre dello scorso anno aveva portato all'arresto del 48enne di Novi Ligure Domenico Dattola. Nei guai anche un 21enne di Ovada

Concussione, indagato l'ex presidente del Tribunale

Alessandria | Sciaccaluga sentito dai magistrati di Milano. Omissione di atti d'ufficio per il Pm Bosco?

Smog e “finta primavera”: in tilt le colture, e ad Alessandria torna lo stop fino agli 'euro 4'

Provincia | Preoccupano le temperature minime di 2,2 gradi superiori alla media. Ad Alessandria, da martedì 19 fino a giovedì 21 stop ai diesel fino a euro 4

Piazza XX settembre: si apre il cantiere per il restyling

Ovada  | Si tratta del primo passo per l'inizio dei lavori che - come annunciato nelle scorse settimane - cambieranno il volto della zona. L'intervento avrà un costo di 420 mila euro, di cui 124 mila provenienti dalla Regione