Casale Monferrato

Coltiva cannabis in camera da letto, ma i vicini... fiutano l'attività

Quando i poliziotti sono entrati in casa hanno trovato una serra verticale in piena regola e 1,8 chili di marijuana già pronta. Nei guai la coppia che aveva deciso di darsi al 'giardinaggio'...

CASALE MONFERRATO - Quando decidi di coltivare cannabis nel tuo appartamento, ma ti dimentichi di aerare i locali, così i vicini chiamano la Polizia. E' accaduto ad un 23enne, A.X. denunciato per detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Difficile, infatti, nascondere quello che aveva messo in piedi in camera da letto.

Il giovane con la convivente di 28 anni aveva costruito una serra indoor, senza considerare il forte odore caratteristico. Che ha allarmato i vicini. In casa i poliziotti hanno trovato la serra realizzata con un telaio in alluminio e rivestimento in tessuto, completa di reattore per regolazione della luce alogena, di termostato di refrigerazione, di tre termometri per la rilevazione del calore, di un filtro di aspirazione con un canale per l’espulsione dell’aria.

All’interno della serra c’erano quattro piante di canapa indiana, in avanzato stato di coltivazione, dell’altezza di circa 120 cm. ognuna, interrate in vasi, nonché altri due recipienti pronti alla predisposizione di ulteriori innesti.

In casa è stato poi trovato 1 chilo e 800 grammi di marijuana. 
11/10/2018







blog comments powered by Disqus


Lercaro: nominato un direttore sanitario

Ovada | Ha preso servizio ieri, dovrà dettare le linee di assistenza per gli attuali 97 ospiti della casa di riposo. Il Comissario straordinario Sfondrini: "Ci sono difficoltà ma la struttura rimane imprescindibile per l'Ovadese"

Un milione dal Gal Borba per strade, torri e chiese: i piccoli paesi si rifanno il trucco

Ovada  | Otto su ventinove dei progetti presentati al Gruppo Autonomo Locale riguardano l’Ovadese. Il più alto in graduatoria è quello di Carpeneto, che recupererà i lavatoi del centro.

Muliere: "Non mi tiro indietro, ma sulla mia candidatura decide la coalizione"

Novi Ligure | "I cittadini novesi hanno un sindaco onesto". Il giorno dopo l'avviso di conclusione delle indagini su Rimborsopoli bis il sindaco Muliere non si tira indietro ma dice: "Sulla ricandidatura deciderà la coalizione"

Rapina alle poste di Acqui, bottino da 3.500 euro

Cronaca | Rapina a mano armata giovedì pomeriggio all'ufficio postale di Acqui Terme, in via Trucco. Ha atteso in coda il suo turno e, una volta avvicinatosi allo sportello, ha estratto un coltello

Rimborsopoli bis, l'inchiesta non cambia i piani di Muliere: sì alla ricandidatura

Novi Ligure | L'inchiesta "Rimbosopoli bis" non cambia i piani del sindaco Rocchino Muliere, che sarà alla guida della coalizione di centrosinistra alle elezioni amministrative del 26 maggio. Nell'opposizione prevale la linea garantista