Cronaca

Condannato per maltrattamenti e lesioni ma non c'è l'aggravante

Era accusato di maltrattamenti, aggravati dall'aver percosso la compagna incinta e lesioni per aver accoltellato la suocera. La compagna, invece, non era incita. E' stato condannato in abbreviato

CRONACA – Era stato arrestato lo scorso marzo, con le pesanti accuse di maltrattamenti aggravati, lesioni, resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale. Finto a processo con il rito abbreviato, in aula, davanti al giudice per le indagini preliminari, è stato condannato alla pena di 2 anni e 8 mesi di carcere (il pubblico ministero aveva chiesto la condanna a 3 anni e 8 mesi). Cade, tuttavia, l'aggravante, costituita dal fatto che la compagna percossa con calci e pugni, in realtà non era incinta. Ciò non toglie, secondo l'accusa, la gravità delle azioni, per le quali Antonio Lambra, 35 anni, è stato pertanto condannato.
L'imputato e la compagna, 33enne (nel frattempo deceduta per cause naturali) si erano conosciuti via internet. Avevano vissuto insieme per un breve periodo poi, forse a causa di difficoltà economiche, erano andati a vivere con la mamma di lei, sessantenne, in una abitazione in via Righi.
I carabinieri erano intervenuti nel marzo del 2018 quando, a causa di una lite furibonda, la madre era stata colpita con un coltello alla spalla.
Gli inquirenti avevano ricostruito un quadro domestico fatto di violenze e privazioni. Dalle indagini era infatti emerso come Lambra tenesse praticamente “segregate” le due donne, impedendo loro di avere contatti all'esterno di una realtà quotidiana di dolore e degrado.
Aveva fatto inorridire, in particolare, il dettaglio dei maltrattamenti verso la compagna che pareva essere in attesa di un figlio, al quinto mese di gestazione. Solo ad arresto avvenuto, è emerso che la donna, in realtà, non era incinta. Perchè aveva detto di esserlo? Era una menzogna? aveva fatto analisi mediche? Una spiegazione che, probabilmente, non verrà più data perchè la donna nel frattempo è deceduta per cause che non sono legate al rapporto con Lambra.
Resta, comunque, l'impianto accusatorio delle lesioni alla suocera, restano le parole e i gesti di oltraggio e resistenza ai pubblici ufficiali, quando fecero scattare le manette, resta la violenza in un constesto di difficoltà quotidiane.
La difesa di Lambra, assunta dall'avvocato Daniela Sogliani, attende le motivazioni del giudice per valutare un ricorso. 
11/10/2018







blog comments powered by Disqus


Droga nell'alloggio del carcere, agente a giudizio

Alessandria | A seguito del ritrovamento di cocaina nell'alloggio di un agente di polizia penitenziaria ad Alessandria, le indagini hanno coinvolto un altro agente considerato il “fornitore”. Ma le indagini sono ancora in corso

Dalla scuola di Polizia 164 nuovi agenti diplomati

Alessandria | Sono 164 gli allievi della scuola di polizia di Stato di Alessandria che hanno prestato giuramento di fedeltà alla Repubblica, a conclusione del 200° corso. Una festa che ha toccato anche la città di Alessandria dove erano presenti tre postazioni della polizia

Denunciate per aver 'assunto' una badante irregolare

Sezzadio | Per alcuni mesi ha seguito l'anziana madre, poi è stata cacciata. Senza soldi, senza casa e senza documenti validi, la 41enne ucraina è stata notata dai carabinieri. Per le ex datrici di lavoro non è finita bene

Atti sessuali in cambio di videogiochi, condannato a 7 anni e mezzo di carcere

Cronaca | Era accusato di aver abusato di un minore: l'uomo avrebbe chiesto al bambino prestazioni sessuali in cambio del permesso per giocare ad un videogioco. Condannato dal tribunale a 7 anni e mezzo di carcere. La difesa: “non è vero, ricorreremo in appello”

Travolse una donna facendo retromarcia: andrà a processo

Ovada | L'accusa è omicidio stradale per il cittadino residente a Belforte che lo scorso febbraio causò l'incidente di viale Stazione in cui perse la vita una casalinga di 67 anni