Novi Ligure

Droga, la ex caserma come luogo di scambio: arrestato un pusher

I carabinieri hanno messo le manette ai polsi a un 31enne che usava una vecchia cassetta del gas posta sul perimetro esterno della ex caserma Giorgi di Novi Ligure come luogo di scambio delle dosi. Arrestato anche un 25enne coinvolto nell'operazione antidroga Stelvio

NOVI LIGURE – Come luogo per lo scambio utilizzava una vecchia cassetta per i contatori del gas, lungo il perimetro esterno della ex caserma Giorgi, a Novi Ligure. Il continuo via vai però ha insospettito i carabinieri e i residenti della zona. Con l’accusa di spaccio di sostanze stupefacenti è così finito in manette un marocchino, arrestato dal nucleo operativo e radiomobile dell’Arma.

Safoine Kamal El Idrissi [a sinistra nella foto], 31 anni, residente a Novi, era già noto ai militari che lo avevano tratto in arresto poco tempo. El Idrissi era stato notato nei pressi della vecchia caserma in via Stefano Canzio, dove, come anche segnalato da alcuni privati cittadini, si verificava da qualche tempo uno strano via vai di giovani.

Dopo una serie di controlli, i carabinieri hanno notato che il trentunenne arrivava in scooter e occultava qualcosa all’interno di una cassetta del gas: si trattava di cocaina, che poi veniva prelevata dai tossicodipendenti. Uno dei “clienti” è stato fermato e ascoltato dagli uomini dell’Arma e ha ha ammesso di essersi recato dove il cittadino marocchino gli aveva indicato e di avere effettivamente acquistato da lui la droga.

I militari hanno quindi tratto in arresto El Idrissi che, condotto in caserma, è stato trovato in possesso di numerose banconote di diverso taglio, per un totale di 220 euro, poste sotto sequestro perché ritenute guadagno dell’attività illecita. L’uomo, processato sabato per direttissima, si trova attualmente in carcere ad Alessandria, in attesa di essere sottoposto agli arresti domiciliari con l’applicazione del braccialetto elettronico.

Un secondo marocchino – Imad Dahane, 25 anni [a destra nella foto] – è stato tradotto in carcere su ordine del tribunale di Alessandria. L’uomo era stato indagato dai carabinieri di Novi per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti nell’ambito di un’articolata indagine, denominata “Stelvio”, che aveva portato, a ottobre e a dicembre del 2016, al rinvenimento di grossi quantitativi di droga. Le indagini dei militari hanno fatto sì che il giudice gli comminasse la misura della custodia cautelare in carcere per il pericolo di reiterazione del reato.
11/09/2017







blog comments powered by Disqus


Botte al cassiere per scappare con la spesa rubata

Casale Monferrato | Rubano, scappano e vengono fermati su un'auto anch'essa rubata. Grazie alle testimonianze raccolte i carabinieri sono riusciti ad arrestare due persone che poco prima erano scappati con una borsa di articoli non pagati

Arrestate in Grecia due donne latitanti coinvolte nell'operazione "Blue Night"

Alessandria | Erano le ultime due pedine mancanti per chiudere l'operazione di Polizia iniziata nel 2014 e denominata “Blue Night” che aveva smantellato un'organizzazione a delinquere dedita al favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, falsificazione di documenti validi per l'espatrio e sfruttamento della prostituzione in 5 locali notturni tra Alessandria e Tortona. Due donne russe sono state arrestate dopo serrate indagini durate anni in Grecia, dove avevano aperto un B&B

Ciampini, lezioni regolari dopo l'ispezione alle aule

Novi Ligure | Lezioni nuovamente regolari all'istituto Ciampini di Novi Ligure dopo che venerdì scorso i corsi erano stati sospesi nelle aule del primo e del secondo piano sul lato di via Verdi, a causa del cedimento di un controsoffitto in una classe

Lavori urgenti, una giornata senz'acqua a Tassarolo

Tassarolo | Urgenti lavori di manutenzione: spiega così Gestione Acqua l'interruzione della fornitura di acqua potabile che interesserà tutto il territorio di Tassarolo nella giornata di dopodomani

Lotta al questuante, in campo anche i vigili volontari

Alessandria | Il responsabile del gruppo operativo ad Alessandria: "Le divise sono rassicuranti, la gente ci ferma anche per chiedere informazioni". Il servizio più 'gettonato' è quello anti accattonaggio. Tutti sono formati per il primo soccorso