Novi Ligure

Droga, la ex caserma come luogo di scambio: arrestato un pusher

I carabinieri hanno messo le manette ai polsi a un 31enne che usava una vecchia cassetta del gas posta sul perimetro esterno della ex caserma Giorgi di Novi Ligure come luogo di scambio delle dosi. Arrestato anche un 25enne coinvolto nell'operazione antidroga Stelvio

NOVI LIGURE – Come luogo per lo scambio utilizzava una vecchia cassetta per i contatori del gas, lungo il perimetro esterno della ex caserma Giorgi, a Novi Ligure. Il continuo via vai però ha insospettito i carabinieri e i residenti della zona. Con l’accusa di spaccio di sostanze stupefacenti è così finito in manette un marocchino, arrestato dal nucleo operativo e radiomobile dell’Arma.

Safoine Kamal El Idrissi [a sinistra nella foto], 31 anni, residente a Novi, era già noto ai militari che lo avevano tratto in arresto poco tempo. El Idrissi era stato notato nei pressi della vecchia caserma in via Stefano Canzio, dove, come anche segnalato da alcuni privati cittadini, si verificava da qualche tempo uno strano via vai di giovani.

Dopo una serie di controlli, i carabinieri hanno notato che il trentunenne arrivava in scooter e occultava qualcosa all’interno di una cassetta del gas: si trattava di cocaina, che poi veniva prelevata dai tossicodipendenti. Uno dei “clienti” è stato fermato e ascoltato dagli uomini dell’Arma e ha ha ammesso di essersi recato dove il cittadino marocchino gli aveva indicato e di avere effettivamente acquistato da lui la droga.

I militari hanno quindi tratto in arresto El Idrissi che, condotto in caserma, è stato trovato in possesso di numerose banconote di diverso taglio, per un totale di 220 euro, poste sotto sequestro perché ritenute guadagno dell’attività illecita. L’uomo, processato sabato per direttissima, si trova attualmente in carcere ad Alessandria, in attesa di essere sottoposto agli arresti domiciliari con l’applicazione del braccialetto elettronico.

Un secondo marocchino – Imad Dahane, 25 anni [a destra nella foto] – è stato tradotto in carcere su ordine del tribunale di Alessandria. L’uomo era stato indagato dai carabinieri di Novi per detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti nell’ambito di un’articolata indagine, denominata “Stelvio”, che aveva portato, a ottobre e a dicembre del 2016, al rinvenimento di grossi quantitativi di droga. Le indagini dei militari hanno fatto sì che il giudice gli comminasse la misura della custodia cautelare in carcere per il pericolo di reiterazione del reato.
11/09/2017







blog comments powered by Disqus


Spacca la vetrina per qualche bottiglia e 30 euro

Cronaca | Ha spaccato la vetrina di un negozio, quella del kebab di piazza Marconi, per qualche bottiglia di birra e 30euro in contanti. L'autore della spaccata è stato fermato ed arrestato dagli agenti della Polizia di Alessandria, nel giro di pochi minuti

Uccise la moglie a coltellate, per il perito è “seminfermo” ma andrà a giudizio

Alessandria | La perizia psichiatrica ha stabilito la seminfermità mentale per Carmelo Reitano, il pensionato di 73 anni che lo scorso settembre uccise la moglie a coltellate. Andrà in giudizio con rito abbreviato a gennaio. I dati del Ministero della Giustizia indicano un femminicidio ogni due giorni

Ex vigile condannato a tre mesi per aver abbassato una multa

Cronaca | Ha patteggiato la pena di tre mesi di carcere, con la condizionale l'ex vigile di Gavi accusato di abuso d'ufficio e falso per aver abbassato la multa a due ragazzini in motorino. Nel frattempo il vigile si è dimesso dal suo incarico. Non ha mai spiegato i motivi che l'hanno spinto ad abbassare la sanzione, ma ha negato di aver voluto favorire qualcuno

Scuderi, attesa per la data dei funerali

Ovada | Fissata per domani, salvo imprevisti, l'autopsia sul corpo dell'uomo scomparso domenica scorsa nel tragico incidente a bordo del suo ultraleggero

I No Tav: "Giù le mani dalla Benedicta"

Bosio | Mentre il commissario di governo per il Terzo Valico Iolanda Romano organizza la ciclocamminata nelle terre interessate all'opera, i No Tav rispondono con la manifestazione "Giù le mani dalla Benedicta" il 1° ottobre