Gavi

Fidanzato geloso chiama il 112: "Hanno rapito la mia ragazza"

E' successo a Gavi: un fidanzato forse troppo geloso ha chiamato i carabinieri dicendo che la propria ragazza era stata rapita, sequestrata e segregata in casa. Ma in realtà lei era in compagnia di un amico

GAVI – È stato denunciato per procurato allarme il 23enne di Gavi che ha chiamato i carabinieri per denunciare il rapimento della propria ragazza. Il giovane, di origini rumene, ha chiamato il 112 dicendo che la propria la fidanzata era stata sequestrata in casa da un uomo. Parlando con l'operatore dei carabinieri, il 23enne aveva riferito che la sua giovane fidanzata era stata rapita, sequestrata e segregata in casa.

Peccato che non fosse vero nulla: la ragazza si trovava in compagnia di un amico e ora il fidanzato forse troppo geloso dovrà rispondere di procurato allarme. I carabinieri infatti l'hanno denunciato a piede libero.
6/10/2018







blog comments powered by Disqus


Morto l'operaio caduto nel pozzo, sciopero in tutti i cantieri

Voltaggio | [AGGIORNAMENTO: l'operaio è deceduto, sciopero in tutti i cantieri] Un operaio di 57 anni anni è rimasto gravemente ferito questa mattina in un incidente sul lavoro a Voltaggio. E' caduto in un pozzo nel cantiere del Terzo Valico

Accusato di tentato omicidio, la procura chiede 13 anni di carcere

Cronaca | La procura ha chiesto la pena di 13 anni di reclusione per il serravallese accusato di tentato omicidio per la sparatoria avvenuta lo scorso aprile a Novi, in via Rattazzi in cui era rimasto ferito un uomo di origine albanese. I due si erano conosciuti in carcere. Per la difesa si tratta invece di lesioni aggravate

Recuperato il presepe rubato, le 27 statuine tornano nel duomo di Valenza

Cronaca | Sono state recuperate le 27 statuine che componevano il presepe allestito nel duomo di Valenza. Le indagini dei carabinieri hanno portato a denunciare un uomo di 57 anni

Numerosi estintori abbandonati dietro al cimitero

Alessandria | Una segnalazione e nella mattinata di venerdì 7 dicembre il sopralluogo da parte della Polizia Municipale, dell'assessore all'ambiente Paolo Borasio e dell'Arpa: nell'area dietro al cimitero cittadino decine e decine di estintori abbandonati