Serravalle Scrivia

Lui non voleva che la figlia nascesse con il cesareo, ora è a processo per maltrattamenti

Prosegue in tribunale il processo a carico di un uomo di Serravalle Scrivia accusato di maltrattamenti: non voleva che la moglie partorisse con il cesareo. Da qual momento, secondo l'accusa, iniziarono le vessazioni

NOVI LIGURE – Lui non voleva che la figlia nascesse con un parto cesareo ma la situazione della partoriente sembrava peggiorare così la donna, nonostante il parere contrario del coniuge, firmò la liberatoria. La bambina nacque, all'ospedale di Novi Ligure ma, da quel momento, il rapporto tra i due coniugi iniziò a deteriorarsi, tanto che i due si separarono e lei lo accusò di maltrattamenti.

Si è svolta lunedì l'udienza a carico dell'uomo, di Serravalle Scrivia, difeso dall'avvocato Silvia Nativi. Davanti al giudice ha testimoniato la ex moglie, parte offesa. Ha raccontato di quel libro che lui le regalò subito dopo il parto: “Vendetta di sangue” di Wilburn Smith, con una dedica: “Alla mia bellissima moglie che con il suo entusiastico consenso ha permesso a un simpatico macellaio di tagliare non solo l’ennesima pancia ma questa volta anche un matrimonio. Auguri”.

L'inizio di un incubo? Le regalò anche un ciondolo, un “pezzo unico” che, secondo la donna, era stato macchiato di rosso sangue. Circostanza, questa, che sarebbe stata confutata da una perizia presentata dalla difesa. La stessa difesa avrebbe provato che lui le fece altri doni, prima della separazione, fiori per San Valentino e per la festa della donna. Ci furono anche ingiurie? Lei sostiene di si, ma non ci sarebbero testimoni. La moglie, però, aveva paura dopo il parto. Parla di atti vessatori che l'avrebbero gettata in uno stato di sconforto e ansia. Le udienze proseguiranno il 16 aprile e a giugno, saranno ascoltati altri testimoni. Poi il verdetto.
14/02/2018







blog comments powered by Disqus


Fermata la banda dei falsi carabinieri

Cronaca | Quattro arresti, l'ultimo mercoledì scorso, da parte di Carabinieri e Polizia. In manette è finita una banda che si presentava alle vittime come appartenenti all'Arma, esibendo falsi tesserini. L'ultimo arresto è stato fatto a Cesano Boscone, nel milanese

Ottocento metri cubi di terra inquinata: "evento distruttivo di proporzioni straordinarie"

Cronaca | La Corte d'Assise d'Appello di Torino ribadisce, nelle motivazioni alla sentenza di condanna di tre dirigenti Ausimont e Solvay, come l'inquinamento fu causato da "una enorme massa di residui di lavorazione". Solvay annuncia il ricorso in Cassazione e intanto sta risarcendo le parti civili. La bonifica, dagli atti del processo, terminerà nel 2029

Concorso truccato, nove indagati chiedono il rito abbreviato

Novi Ligure | Hanno chiesto il rito abbreviato nove degli undici indagati nell'ambito dell'inchiesta sul presunto concorso truccato a Rivieracqua, municipalizzata di Imperia. Tra di loro, anche un docente universitario di Novi Ligure

Uomo investito in via Gramsci trasportato a Novi in codice giallo

Ovada | Incidente mentre stava attraversando verso il supermercato Coop in prossimità. Sul posto Polizia Municipale e personale medico del 118

Si attardano a smurare la cassaforte, presi in quattro

Casale Monferrato | Quattro giovani ladri sono stati colti con le mani nel sacco, o meglio, tra i calcinacci. Si erano introdotti in un locale in ristrutturazione per un colpo che credevano facile. E invece