Gavi

Piante di marijuana in casa, un'intera famiglia denunciata per droga

Un'intera famiglia di Gavi - padre, madre e figlio - è stata denunciata dai carabinieri: in casa c'era piantine di marijuana oltre ad hashish e un bilancino di precisione

GAVI – I carabinieri hanno proceduto alla perquisizione dell’abitazione di una famiglia di Gavi, sul cui terrazzo qualcuno aveva notato la presenza di piantine “sospette”, ben visibili anche dall’esterno, dalle caratteristiche foglie a margine dentellato. In effetti, una volta entrati in casa, i militari hanno subito percepito l’acre odore della cannabis, rinvenendo sul terrazzo le piantine di marijuana.

Il rinvenimento all’interno dell’abitazione di ulteriore sostanza stupefacente tipo hashish e di un bilancino di precisione, ha convinto i militari che la presenza dello stupefacente non fosse limitata a un uso personale ma, in realtà, fosse propedeutica a un’attività di spaccio per così dire a “gestione familiare”, per cui a carico dei suoi occupanti (padre, madre e figlio), è scattata la denuncia in stato di libertà.
11/09/2018







blog comments powered by Disqus


Amministratore di condominio condannato per appropriazione indebita

Cronaca | Si è chiusa con una condanna la vicenda giudiziaria di un amministratore di Serravalle Scrivia, accusato di appropriazione indebita. Tra i conti del condominio stazione erano emersi ammanchi per circa 80 mila euro

Ventidue nuovi carabinieri in arrivo in Provincia

Cronaca | Ventidue militari, diplomati al 137° corso nazionale, arrivano in forza ai comandi di Alessandria, Acqui, Casale, Novi e Tortona per incrementare i servizi di controllo del territorio

Ravazzano in carcere: non era in casa durante un controllo

Alessandria | L'ex ragioniere capo del Comune, condannato per falso ideologico, svolge lavori di pubblica utilità ma in determinati orari deve rimanere in casa

Comuni riuniti: un milione di euro contro la dispersione delle acque

Belforte  | Sarà realizzata una nuova condotta di venti chilometri per sostituire quella attuale che causa gravi perdite. Progetto cofinanziato dal Ministero delle Infrastrutture. "Sarà pronta per la prossima estate"

Vuole aprire una struttura per disabili, truffata dal falso consulente

Casaleggio Boiro | Voleva aprire un agriturismo per disabili, invece è finita nella rete di un truffatore. Vittima una 55enne di Casaleggio Boiro, che non è riuscita a ottenere i finanziamenti promessi e in più ci ha rimesso di tasca sua