Cronaca

Processo d'Appello del polo chimico, la procura chiede pene fino a 17 anni

Al processo d'Appello a Torino contro dirigenti ed amministratori del Polo Chimico di Spinetta Marengo per inquinamento la procura chiede pene da 15 a 17 anni per gli otto imputati

CRONACA – Non c'era il pubblico ministero Riccardo Ghio, trasferito a Genova, ieri a Torino all'udienza presso la corte d'Assise d'Appello dove è in corso il processo a carico di otto dirigenti ed amministratori di Ausimont e Solvay per inquinamento doloso delle acque. A tenere l'ultima parte della requisitoria finale è infatti stata il procuratore generale Maria Nuccio. La richiesta di pena è stata comunque pesante, confermando di fatto quelle che furono le richieste di Ghio in primo grado. Chiede che gli imputati vengano condannati a pene che vanno da 15 a 17 anni e, nello specifico: 17 anni per gli amministratori Carlo Cogliati, Bernard De Laguiche, e per Pierre Jacques Joris; 16 anni per Giorgio Carimati, 15 anni per Francesco Boncoraglio, Luigi Guarracino e Giorgio Canti. Non procedibilità per Tommasi, per il quale il reato è prescritto.

Secondo l'accusa i dirigenti erano a conoscenza delle perdite negli impianti che hanno contaminato l'acqua con una ventina di sostanze tossiche e nocive. Ne erano a conoscenza ma lo hanno tenuto nascosto agli enti di controllo e non hanno fatto nulla per impedire che l'acqua contaminata inquinasse la falda, la terza per importanza del Piemonte. Il caso scoppiò nel 2008, con la cosiddetta “emergenza cromo”: analisi condotte da una ditta proprietaria di un terreno confinante con lo stabilimento mise in luce lo stato di contaminazione, che probabilmente risaliva agli anni sessanta e successivi. Ciò non toglie che, sempre secondo l'accusa, i dirigenti che si sono succeduti alla guida delle aziende, fossero a conoscenza del “meccanismo di inquinamento”. C'è, secondo la procura generale, un dolo diretto.
Gli avvocati di parte civile, che hanno parlato subito dopo, hanno a loro volta sottolineato l'inerzia non solo delle aziende ma anche quella degli enti nel porre fine all'inquinamento. Le prime denunce di Wwf e Legambiente, tra le parti civili, risalgono infatti agli anni Ottanta.
Lo studio condotto dal professor Ennio Cadum, consulente in primo grado, dimostrerebbe come tra gli abitanti del sobborgo di Spinetta c'è una maggiore incidenza di neoplasie tumorali rispetto al resto del territorio. Una consapevolezza che i residenti e i lavoratori della fabbrica hanno intuito e che ha portato stati di ansia e di preoccupazione.

La prossima udienza è fissata per il 21 marzo. Parleranno gli avvocati per i responsabili civili, poi toccherà agli avvocati di difesa dei primi tre imputati.
8/03/2018







blog comments powered by Disqus


Niente 'Coccole' per quindici giorni, la polizia chiude il bar

Alessandria | Gli abitanti della zona si erano incominciati a preoccupare per le frequentazioni poco raccomandabili. Così la Questura ha deciso di sospendere la licenza, nella speranza che torni un po' di apparente tranquillità

Chiuse le indagini sulla presunta terrorista di Garbagna

Cronaca | A quasi un anno di distanza, la procura distrettuale antimafia di Torino ha concluso le indagini sull'inchiesta che ha portato in carcere Lara Bombonati, fermata a Garbagna mentre era in visita dalla famiglia

Amante scagionato dall'accusa di violenza

Cronaca | Da amanti a “nemici” in un'aula di tribunale. Bisognerà attendere le pubblicazioni delle motivazioni della sentenza per capire pienamente cosa abbia spinto il giudice del tribunale di Alessandria ad assolvere dall'accusa di violenza un quarantenne di Novi, portato in tribunale dalla donna con la quale aveva avuto una relazione

Attenzione ai falsi tecnici: come tutelarsi dalle truffe

Valenza | E' l'azienda multiservizi valenzana, AMV SpA, a mettere in guardia i cittadini da truffe ai loro danni perpetrati da “finti” tecnici del servizio Acquedotto. L’invito è quello di diffidare da chiunque si presenti come presunto incaricato dall’azienda, visto che tutti gli operatori di AMV devono concordare sempre telefonicamente eventuali interventi tecnici, sono muniti di cartellino e e comunque non possono riscuotere direttamente pagamenti

Vigile del fuoco sotto processo, viene assolto con formula piena

Cronaca | Assolto un vigile del fuoco di 34 anni, in servizio ad Alessandria nel 2012. Era accusato di aver prelevato con la carta di credito del collega la somma di 160 euro