Cronaca

Processo d'Appello del polo chimico, la procura chiede pene fino a 17 anni

Al processo d'Appello a Torino contro dirigenti ed amministratori del Polo Chimico di Spinetta Marengo per inquinamento la procura chiede pene da 15 a 17 anni per gli otto imputati

CRONACA – Non c'era il pubblico ministero Riccardo Ghio, trasferito a Genova, ieri a Torino all'udienza presso la corte d'Assise d'Appello dove è in corso il processo a carico di otto dirigenti ed amministratori di Ausimont e Solvay per inquinamento doloso delle acque. A tenere l'ultima parte della requisitoria finale è infatti stata il procuratore generale Maria Nuccio. La richiesta di pena è stata comunque pesante, confermando di fatto quelle che furono le richieste di Ghio in primo grado. Chiede che gli imputati vengano condannati a pene che vanno da 15 a 17 anni e, nello specifico: 17 anni per gli amministratori Carlo Cogliati, Bernard De Laguiche, e per Pierre Jacques Joris; 16 anni per Giorgio Carimati, 15 anni per Francesco Boncoraglio, Luigi Guarracino e Giorgio Canti. Non procedibilità per Tommasi, per il quale il reato è prescritto.

Secondo l'accusa i dirigenti erano a conoscenza delle perdite negli impianti che hanno contaminato l'acqua con una ventina di sostanze tossiche e nocive. Ne erano a conoscenza ma lo hanno tenuto nascosto agli enti di controllo e non hanno fatto nulla per impedire che l'acqua contaminata inquinasse la falda, la terza per importanza del Piemonte. Il caso scoppiò nel 2008, con la cosiddetta “emergenza cromo”: analisi condotte da una ditta proprietaria di un terreno confinante con lo stabilimento mise in luce lo stato di contaminazione, che probabilmente risaliva agli anni sessanta e successivi. Ciò non toglie che, sempre secondo l'accusa, i dirigenti che si sono succeduti alla guida delle aziende, fossero a conoscenza del “meccanismo di inquinamento”. C'è, secondo la procura generale, un dolo diretto.
Gli avvocati di parte civile, che hanno parlato subito dopo, hanno a loro volta sottolineato l'inerzia non solo delle aziende ma anche quella degli enti nel porre fine all'inquinamento. Le prime denunce di Wwf e Legambiente, tra le parti civili, risalgono infatti agli anni Ottanta.
Lo studio condotto dal professor Ennio Cadum, consulente in primo grado, dimostrerebbe come tra gli abitanti del sobborgo di Spinetta c'è una maggiore incidenza di neoplasie tumorali rispetto al resto del territorio. Una consapevolezza che i residenti e i lavoratori della fabbrica hanno intuito e che ha portato stati di ansia e di preoccupazione.

La prossima udienza è fissata per il 21 marzo. Parleranno gli avvocati per i responsabili civili, poi toccherà agli avvocati di difesa dei primi tre imputati.
8/03/2018







blog comments powered by Disqus


Si sente male mentre sale sul treno, muore un 69enne

Arquata Scrivia | Tragedia alla stazione di Arquata Scrivia: un uomo di 69 anni č morto non appena salito sul convoglio che lo doveva portare a Genova. Inutili tutti i soccorsi

"Il chicco di grano che muore produce molto frutto": il commosso addio a Simone

Novi Ligure | Chiesa gremita a Novi Ligure per l'estremo saluto a Simone Dispensa. Centinaia i ragazzi: il loro dolore affidato agli striscioni ("Esempio di vita") e a una lettera. Fino all'ultimo il 18enne malato ha voluto pensare agli altri: le eventuali offerte in sua memoria saranno devolute alle suore missionarie

Calano le temperature, in attesa delle piogge autunnali

Meteo | Vento moderato ma fastidioso, nubi basse e clima frizzante. La settimana si presenta meno afosa, con temperature in ribasso. Ma nel fine settimana potrebbe verificarsi un rialzo termico, fino ad arrivare alle piogge di ottobre

"Se n'č andato consapevole e con grande dignitą", l'ultimo saluto a Simone

Novi Ligure | Fissati i funerali del 18enne stroncato da un tumore. Alla famiglia č arrivato il cordoglio di tutta la cittą. Tanti i ricordi degli amici affidati ai social network: "Vogliamo ricordarti come il primo giorno di scuola, spensierato e felice, con tutta la vita davanti per realizzare i tuoi progetti"

Morta la casalinga coinvolta nello scontro frontale sulla 35 bis

Pozzolo Formigaro | Troppo devastanti le ferite riportate: la 73enne casalinga di Pozzolo Formigaro coinvolta nello scontro frontale sulla statale 35 bis dei Giovi č morta in ospedale. Il marito rimane ricoverato in gravi condizioni