Ovada

Via Gramsci: no (per ora) alla chiusura ai mezzi pesanti

Le ultime rilevazioni hanno evidenziato un calo delle vibrazioni sul muraglione danneggiato a fianco dello Stura. Saranno installati nuovi sensori per monitorare la situazione

 OVADA - L’ipotesi più nefasta è scongiurata. Almeno per ora. Il traffico dei mezzi pesanti non sarà deviato tra corso Martiri della Libertà e via lung’Orba. La notizia arriva dell’ennesimo vertice dell’altro giorno tra il capo dell’ufficio tecnico, Guido Chiappone, e lo staff dello studio Foglino di Ricaldone. Sulla scrivania c’erano i dati raccolti nelle ultime due settimane con il traffico convogliato su un’unica corsia di marcia. “Le vibrazioni – spiega il sindaco Paolo Lantero – sul muraglione a sostegno della strada sono effettivamente diminuite. Significa che la soluzione adottata funziona. Proveremo in ogni modo a non deviare la circolazione”. La prima relazione consegnata dallo studio di geologi aveva rivelato quanto danneggiato sia il manufatto di sostegno a via Gramsci, nel tratto teatro del piccolo cedimento dello scorso anno. Da qui la necessità di allontanare il traffico il più possibile in attesa di individuare un modo per intervenire. D’altro canto spostare i mezzi pesanti in centro città significherebbe ulteriori nuovi disagi. Nell’immediato saranno installati altri sensori in grado di registrare ogni minima variazione. Questa mattina Lantero sarà ad Alessandria, all’ex Genio Civile per chiedere alla Regione che faccia la sua parte. La strada è strategica, collega l’A26 con le aree artigianali tra Tagliolo, Silvano e Capriata. E d’altronde la spesa per il ripristino già di per sé inquadra l’intervento che sarà il più ingente degli ultimi trent’anni. La stima provvisoria parla di un milione d’euro. Nel bilancio di previsione in discussione la prossima settimana sarà inserita la cifra necessaria per la progettazione.
11/02/2019







blog comments powered by Disqus


Moglie e amici portavano avanti l'attività del "boss"

Cronaca | I retroscena dell'arresto della moglie di Domenico Dattola e del gruppo di collaboratori. Per convincere i debitori a saldare il "dovuto" usavano anche manganelli. Resta sotto sequestro la pizzeria "Bandiera"

Inchiesta Monopoli, finisce in carcere anche la moglie di Dattola

Novi Ligure | Altre due persone sono finite in carcere nell'ambito dell'inchiesta Monopoli, che a dicembre dello scorso anno aveva portato all'arresto del 48enne di Novi Ligure Domenico Dattola. Nei guai anche un 21enne di Ovada

Concussione, indagato l'ex presidente del Tribunale

Alessandria | Sciaccaluga sentito dai magistrati di Milano. Omissione di atti d'ufficio per il Pm Bosco?

Smog e “finta primavera”: in tilt le colture, e ad Alessandria torna lo stop fino agli 'euro 4'

Provincia | Preoccupano le temperature minime di 2,2 gradi superiori alla media. Ad Alessandria, da martedì 19 fino a giovedì 21 stop ai diesel fino a euro 4

Piazza XX settembre: si apre il cantiere per il restyling

Ovada  | Si tratta del primo passo per l'inizio dei lavori che - come annunciato nelle scorse settimane - cambieranno il volto della zona. L'intervento avrà un costo di 420 mila euro, di cui 124 mila provenienti dalla Regione