Acqui Terme

Ad “Acqui in palcoscenico” la danza dalla Spagna

Domenica 22 luglio al Teatro Verdi appuntamento con il XXV festival internazionale di danza. Il programma inizia con una parte dedicata alla chitarra flamenca da concerto, per poi concentrarsi sul “cante y baile” e concludersi con il Fin de Fiesta, in cui l’improvvisazione e il divertimento si fondono in un finale travolgente ed appassionato

ACQUI TERME - Dopo il successo dei primi spettacoli che ne hanno segnato l’apertura, il Festival prosegue con i prossimi appuntamenti che presentano le danze di alcune nazioni. Due quelle presenti prossimamente sul palcoscenico del Teatro Verdi: il 22 luglio, la Spagna dove la danza è da sempre testimone internazionale della penisola iberica e il 4 agosto l’Argentina con il Tango.

Domenica 22 luglio, della Compagnia Flamenco Libre, va in scena Aires de triana, uno spettacolo basato essenzialmente sull’arte flamenca che si respira principalmente in Andalusia.  In ogni città di questa regione della Spagna esistono differenti tradizioni ed usanze, pertanto varie forme di Flamenco caratteristiche. Gli stili di Sevilla Cordoba, Malaga, Granada hanno radici antiche e profonde, il programma inizia con una parte dedicata alla chitarra flamenca da concerto, che ricorda lo stile di Nino Ricardo, massimo esponente sevillano, per poi concentrarsi sul “cante y baile” in un crescendo forte e dinamico che ha come protagonista la Sevillana, la danza più tipica e diffusa, che prende il nome della grande città. La serata si conclude con il Fin de Fiesta, che è la parte più ritmica ed energica dello spettacolo, in cui l’improvvisazione ed il divertimento si fondono in un finale travolgente ed appassionato, arricchito dalla presenza di alcuni frammenti di poesia tratti da testi dei più grandi poeti spagnoli. Da segnalare la partecipazione straordinaria di Jose Greco e la chitarra straordinaria di Juan Lorenzo.

Il 4 agosto, della Compagnia argentina Buenos Aires Tango, va in scena Tango fatal, una serata nata da  una idea e dallac oreografia  di Guillermo Berzins, con la direzione musicale di Oksana Peceny Dolenc. Tra i danzatori ricordiamo oltre alla presenza di Guillermo Berzins, talento nascente della nuova generazione di ‘tangueri’ che, nonostante la giovane età, ha riscosso un grande successo in molte parti del mondo e, accanto a  Marijana Tanaskovi, costituisce la coppia di primi ballerini, capo di un nutrito manipolo di danzatori. Tra gli solisti citiamo Martin Acosta Sponda & Chiara Greco, Saša Živković & Diletta Milocco,Samuele Fragiacomo & Sara Paoli. Di non minore attrattiva l’Orchestra Corazon de Tango, che completa lo spettacolo con la musica, ancora una volta 'eseguita dal vivo': violino Oksana Peceny Dolenc, pianoforte Jan Sever, bandoneon Andraz Frece, chitarra Matic Dolenc, contrabasso Ziga Trilar.

Posto unico, non numerato euro 15, ridotto 10.
19/07/2018







blog comments powered by Disqus


Cultura e Sviluppo Community: "si migliora insieme"

Alessandria | Giovedì 18 ottobre l'evento di presentazione delle attività dell’associazione e di ascolto delle idee del territorio. L'incontro sarà anche l'occasione per presentare il cambio generazionale al vertice dell’Associazione stessa: Giorgio Guala passerà il testimone al nipote Francesco

Premio Ferrero: ecco i vincitori

Cinema | Premi ai giovani critici per il saggio sul cinema di Xavier Dolan, la recensione di “Dogman” e il videosaggio “Beyond the Screen#nofilter”

Grand Drifter, l'equilbrista degli stati d'animo all'album d'esordio

Musica | Uscito venerdì 12 'Lost spring songs', album di debutto di Grand Drifter (al secolo Andrea Calvo) è prodotto, tra gli altri, da Paolo Enrico Archetti Maestri degli Yo Yo Mundi. 'Immagino che le mie canzoni siano prese da un disco inedito dimenticato e riscoperto a posteriori" dice Calvo del suo album

''Destino'': una storia ovadese nell'ultimo romanzo di Raffaella Romagnolo

Rocca Grimalda  | L’ultimo libro della scrittrice ovadese Raffaella Romagnolo, pubblicato il 2 ottobre scorso con Rizzoli, è stato presentato sabato scorso presso la Saoms di Rocca Grimalda

Amori e amicizie dei "Ragazzi della Pieve" raccontati da Saracco in un libro

Novi Ligure | "Fare un viaggio nel tempo. Ricordare, oltre che rivivere, gli anni della mia giovinezza con gli amici è stato come fare un bagno di salute. Mi ha fatto sentire più giovane, e sentirsi più giovani non guasta mai". Questa la risposta alla domanda sulle motivazioni che hanno spinto Salvatore Saracco, per tutti Moloc, a scrivere il volume "I ragazzi della Pieve" che verrà presentato a Novi