Acqui Terme

Ad “Acqui in palcoscenico” la danza dalla Spagna

Domenica 22 luglio al Teatro Verdi appuntamento con il XXV festival internazionale di danza. Il programma inizia con una parte dedicata alla chitarra flamenca da concerto, per poi concentrarsi sul “cante y baile” e concludersi con il Fin de Fiesta, in cui l’improvvisazione e il divertimento si fondono in un finale travolgente ed appassionato

ACQUI TERME - Dopo il successo dei primi spettacoli che ne hanno segnato l’apertura, il Festival prosegue con i prossimi appuntamenti che presentano le danze di alcune nazioni. Due quelle presenti prossimamente sul palcoscenico del Teatro Verdi: il 22 luglio, la Spagna dove la danza è da sempre testimone internazionale della penisola iberica e il 4 agosto l’Argentina con il Tango.

Domenica 22 luglio, della Compagnia Flamenco Libre, va in scena Aires de triana, uno spettacolo basato essenzialmente sull’arte flamenca che si respira principalmente in Andalusia.  In ogni città di questa regione della Spagna esistono differenti tradizioni ed usanze, pertanto varie forme di Flamenco caratteristiche. Gli stili di Sevilla Cordoba, Malaga, Granada hanno radici antiche e profonde, il programma inizia con una parte dedicata alla chitarra flamenca da concerto, che ricorda lo stile di Nino Ricardo, massimo esponente sevillano, per poi concentrarsi sul “cante y baile” in un crescendo forte e dinamico che ha come protagonista la Sevillana, la danza più tipica e diffusa, che prende il nome della grande città. La serata si conclude con il Fin de Fiesta, che è la parte più ritmica ed energica dello spettacolo, in cui l’improvvisazione ed il divertimento si fondono in un finale travolgente ed appassionato, arricchito dalla presenza di alcuni frammenti di poesia tratti da testi dei più grandi poeti spagnoli. Da segnalare la partecipazione straordinaria di Jose Greco e la chitarra straordinaria di Juan Lorenzo.

Il 4 agosto, della Compagnia argentina Buenos Aires Tango, va in scena Tango fatal, una serata nata da  una idea e dallac oreografia  di Guillermo Berzins, con la direzione musicale di Oksana Peceny Dolenc. Tra i danzatori ricordiamo oltre alla presenza di Guillermo Berzins, talento nascente della nuova generazione di ‘tangueri’ che, nonostante la giovane età, ha riscosso un grande successo in molte parti del mondo e, accanto a  Marijana Tanaskovi, costituisce la coppia di primi ballerini, capo di un nutrito manipolo di danzatori. Tra gli solisti citiamo Martin Acosta Sponda & Chiara Greco, Saša Živković & Diletta Milocco,Samuele Fragiacomo & Sara Paoli. Di non minore attrattiva l’Orchestra Corazon de Tango, che completa lo spettacolo con la musica, ancora una volta 'eseguita dal vivo': violino Oksana Peceny Dolenc, pianoforte Jan Sever, bandoneon Andraz Frece, chitarra Matic Dolenc, contrabasso Ziga Trilar.

Posto unico, non numerato euro 15, ridotto 10.
19/07/2018







blog comments powered by Disqus


“Esistere per resistere”: a Cultura e Sviluppo la Serata Benedicta

Alessandria | Giovedì 21 marzo un quadro della situazione sullo stato dei lavori per la realizzazione del Centro di documentazione, sul fondo documentario di don Gian Piero Armano e sulla collocazione della Benedicta nella “rete della memoria”. Nella seconda parte “Resistenza pop”, il teatro canzone di Gian Piero Alloisio

Re Artù o Lancillotto? Il video-documentario sul ciclo arturiano conservato alle Sale d’Arte

Alessandria | Venerdì 22 marzo nelle Sale Storiche della Biblioteca Civica il video-documentario dedicato agli affreschi del ciclo arturiano di cui l’Amministrazione Comunale è custode

Il capolavoro di Bartolomé Bermejo nel volume di un giovane storico dell'arte alessandrino

Cultura | “Il Trittico della Vergine di Montserrat”, un viaggio tra immagini e parole nel capolavoro del pittore spagnolo a cura di Marco Casamurata. L'opera si trova nella Cattedrale di Acqui Terme

La programmazione al Megaplex Stardust

Cinema | Da giovedì 21 marzo Scappo a casa, Instant family, Peppermint - l'angelo della vendetta, A un metro da te, Escape room, Un viaggio a quattro zampe, Momenti di trascurabile felicità, Captain Marvel

“Martirio di san Pietro”, il gioiello di Vasari si presenta dopo il restauro

Bosco Marengo | E' un gioiello dell'arte cinquecentesca il "Martirio di san Pietro da Verona" di Giorgio Vasari appena finito di restaurare. L'opera sarà presentata al pubblico al complesso monumentale di Santa Croce, a Bosco Marengo