Cultura

Concorso internazionale di poesia “Città di Acqui Terme”: oltre mille le opere inviate

Il Concorso di poesia è suddiviso in sei diverse sezioni e comprende opere di autori giovanissimi che frequentano le scuole primaria, secondaria inferiore e superiore, di adulti a tema libero, a tema e la sezione libro edito. La premiazione a settembre ad Acqui Terme con la lectio magistralis e il Premio alla Carriera a Luciano Canfora

CULTURA – L’edizione 2018 del Concorso Internazionale di Poesia Città di Acqui Terme segna due importanti traguardi per l’Associazione Archicultura che organizza e promuove l’evento. Quest’anno ricorrono, infatti, i primi dieci anni di attività di questo sodalizio e l’anniversario è coronato da un successo di grande rilievo: per la prima volta è stata superata la soglia delle 1.000 opere pervenute alla Segreteria del Premio. I dati sono stati presentati nel corso della conferenza stampa che si è svolta nella sede della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria che sostiene l’Associazione fin dalle prime edizioni del premio e ne condivide la soddisfazione per i meritati risultati.

“Il nostro plauso – ha dichiarato Pier Angelo Taverna, presidente della Fondazione - va a Serena Panaro, presidente dell’Associazione Archicultura e a tutti i suoi collaboratori, un gruppo di giovani acquesi molto preparati e motivati. A loro va il merito di aver ideato questo Concorso che si è sviluppato di anno in anno, in un continuo crescendo, fino a raggiungere un pubblico internazionale d’oltreoceano. La serietà e l’importanza del Premio sono testimoniati anche dalle prestigiose giurie che stanno valutando le opere e dai numerosi ospiti – poeti, giornalisti, critici letterari – che, all’inizio di settembre, animeranno la ridente città termale in occasione della proclamazione dei vincitori. Sarà un momento di promozione del territorio cui gli organizzatori del Concorso hanno sempre riservato grande attenzione dimostrando lungimiranza e spirito imprenditoriale”.

Il Concorso di poesia è suddiviso in sei diverse sezioni e comprende opere di autori giovanissimi che frequentano le scuole primaria, secondaria inferiore e superiore, di adulti a tema libero, a tema e la sezione libro edito. È stato bandito nel dicembre dello scorso anno e ha richiamato partecipanti provenienti da tutta Italia, ma anche da altri Paesi come Irlanda, Spagna, Regno Unito e Brasile. Per ciascuna sezione è stata predisposta un’apposita giuria, formata da docenti, professori delle Università di Genova, Torino, Lugano, Siena e del Piemonte Orientale, poeti e critici letterari cui si è affiancata una giuria di giornalisti, presieduta da Alberto Sinigaglia, presidente dell’Ordine dei Giornalisti del Piemonte, giornalista de La Stampa e fondatore di Tuttolibri. I lavori delle giurie sono iniziati nel mese di giugno e sono tuttora in corso, con diversi incontri e valutazioni dei testi.

Ad oggi sono stati resi noti i primi dati relativi ai premiati e ai menzionati delle sezioni riservate agli autori più giovani, fermo restando che la classifica finale verrà resa nota solo ed esclusivamente durante la serata di premiazione.

Nella sezione A sono risultati vincitori (in ordine alfabetico): “Nebbia” di Irene Alfieri (Modena), “Il volo dei ricordi” di Lorenzo Mario Bagnato (Acqui Terme), “Un silenzio naturale” di Maddalena di Marzio (Acqui Terme). I menzionati della stessa sezione sono: “La luna sul mare” di Silvia Gosa (Modena) e “O tu, vento di tempesta” di Martina Perlingeri (Modena). Vincitori della sezione B sono “Alla vista innocente” di Michelle Cerri (Cossato), “La bellezza” di Beatrice Gai (Rivarolo Canavese), “In viaggio” di Francesca Mercatalli (Cilavegna); le menzioni sono state assegnate a “La serenità scompare” di Greta Bordino (Neive) e a “La vita” di Giulia Pernarella (Monte San Biagio). I premi assegnati dalla giuria della sezione C sono andati a “Con gli occhi gonfi” di Leonardo Donà (Verona), a “Film francese” di Guido Giuliano (Torino) e a “Vedute norvegesi” di Alice Sbrogiò (Cernusco sul Naviglio), la menzione di merito a “Stelle mai spente” di Petra Massaro (Sassoferrato).

Per quanto riguarda le sezioni degli adulti, invece, ad oggi si sono riunite solo la giuria preselettiva, che ha operato una prima selezione dei testi della sezione D portando da 530 a 104 i testi in concorso, e la giuria della sezione F (libro edito), che ha stabilito una rosa di dieci finalisti: “Anello di prova” (Raffaelli editore) di Lucia Brandoli, “Madre del respiro” (Moretti e Vitali) di Gabriella Cinti, “Storia della filosofia a sonetti” (SuiGeneris) di Francesco Deiana, “Scala dei giuramenti” (Newton Compton) di Maura Del Serra, “La meraviglia” (Puntoacapo) di Ivan Fedeli, “Mattoni a vista” (Puntoacapo) di Raffaele Floris, “Corvi con la museruola” (Lietocolle) di Sergio Gallo, “L’abitudine degli occhi” (Passigli) di Monica Martinelli, “Canzoniere adriatico. 1984-2014” (Puntoacapo) di Giuseppe Piersigilli, “Ruah” (Ensemble edizioni) di Davide Zizza. La giuria ha operato un’ulteriore selezione tra i finalisti decretando vincitore della sez. F “Scala dei Giuramenti” di Maura Del Serra e ha attribuito una menzione di merito a “Canzoniere adriatico. 1984-2014” di Giuseppe Piersigilli.

La fase finale del premio è prevista per il mese di settembre, con un programma molto ricco che si snoderà nei giorni di sabato 1 e domenica 2.  Gli eventi in programma sabato si svolgeranno al Grand Hotel Nuove Terme di Acqui: al mattino si terrà il convegno Metti Socrate in prima pagina. Il giornalismo culturale oggi in Italia. Le esperienze di Corriere, Stampa e Sole 24 Ore, incontro con Luciano Canfora, saggista, filologo e una delle grandi firme del giornalismo culturale italiano, organizzato in collaborazione con l’Ordine dei Giornalisti. Interverranno Alberto Sinigaglia (La Stampa), Lara Ricci (Il Sole 24 Ore), Chiara Fenoglio (Il Corriere della Sera) e Giulio Sardi (L’Ancora). Nel pomeriggio Luciano Canfora terrà la lectio magistralis pubblica Unioni europee nella storia del Novecento, cui seguirà la consegna del Premio alla Carriera.

Alle 21.30 avrà luogo la cerimonia di premiazione dei poeti. La partecipazione al convegno, alla lectio magistralis e alla premiazione della sera è rivolto a tutti gli interessati.

Domenica 2 settembre i premiati visiteranno la Fondazione Pavese e i luoghi pavesiani. Il programma è stato ideato per promuovere la conoscenza del territorio, nei suoi aspetti sia eminentemente culturali, che per le peculiarità dei suoi vigneti, cornice indispensabile per una comprensione reale e profonda della Città, inscindibilmente legata alle tradizioni e fonte di una spinta continua all’interazione e al miglioramento.

In occasione del Concorso di Poesia, come già avvenuto lo scorso anno, la città di Acqui ospiterà, sotto i portici di via XX Settembre, il festival culturale con l’allestimento di stand di case editrici e associazioni culturali. Saranno organizzate numerose presentazioni di libri, letture poetiche, laboratori teatrali con ospiti di primo piano come Nadia Scappini e Alessandro Quasimodo, che leggerà le poesie del padre. Il festival è un momento di incontro e di scambio tra le differenti realtà del territorio e non solo. Gli eventi si terranno presso la Sala Belle Èpoque del Grand Hotel Nuove Terme e presso l’atrio della Scuola Primaria Saracco.

Oltre al fondamentale contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, il Premio si avvale del supporto della Fondazione Cassa di Risparmio di Torino e dell’Istituto Nazionale Tributaristi, del patrocinio della Regione Piemonte, della Provincia di Alessandria, del Comune di Acqui Terme e dell’Ordine dei Giornalisti del Piemonte e della collaborazione dell’Istituto Comprensivo Saracco-Bella di Acqui.

Le giurie
Sezione A (autori di età corrispondente alla frequenza della Scuola Primaria) - la giuria è composta dagli insegnanti Graziella Buffa, Lidia Florian, Paola Rossi, Pier Giorgio Mignone, Silvana Orsi;
Sezione B (autori di età corrispondente alla frequenza della Scuola Secondaria Inferiore) - professoresse Giovanna Rosotto, Giuliana Albertelli, Lorella Allemanni, Silvana Ferraris e Teresa Caviglia;
Sezione C (autori di età corrispondente alla frequenza della Scuola Secondaria Superiore) - professori Angelo Arata, Enrico Berta, Giuseppe Pallavicini, Guido Rosso e Mario Timossi.
Tali giurie sono state presiedute dal Prof. Ferruccio Bianchi, già Preside dei Licei acquesi e autore di libri di didattica.
Sezione D (adulti a tema libero) – professori Carlo Prosperi, Franco Contorbia, Luigi Surdich, Stefano Verdino, Emiliano Busselli (poeta);
Sezione E (sezione a tema) – professori Aldino Leoni, Arturo Vercellino, Franco Vazzoler, Cecilia Gibellini, Alessandro Fo (poeta ed illustre latinista);
Sezione F (libro edito) – professori Giacomo Jori, Cecilia Ghelli, Tiziano Rossi (poeta e scrittore).
Giuria di giornalisti: il critico e giornalista de “Il Messaggero” Renato Minore, il giornalista de “L’Ancora” Giulio Sardi, i poeti Beppe Mariano e Loris Maria Marchetti. presidente Alberto Sinigaglia.
19/07/2018







blog comments powered by Disqus


Cultura e Sviluppo Community: "si migliora insieme"

Alessandria | Giovedì 18 ottobre l'evento di presentazione delle attività dell’associazione e di ascolto delle idee del territorio. L'incontro sarà anche l'occasione per presentare il cambio generazionale al vertice dell’Associazione stessa: Giorgio Guala passerà il testimone al nipote Francesco

Premio Ferrero: ecco i vincitori

Cinema | Premi ai giovani critici per il saggio sul cinema di Xavier Dolan, la recensione di “Dogman” e il videosaggio “Beyond the Screen#nofilter”

Grand Drifter, l'equilbrista degli stati d'animo all'album d'esordio

Musica | Uscito venerdì 12 'Lost spring songs', album di debutto di Grand Drifter (al secolo Andrea Calvo) è prodotto, tra gli altri, da Paolo Enrico Archetti Maestri degli Yo Yo Mundi. 'Immagino che le mie canzoni siano prese da un disco inedito dimenticato e riscoperto a posteriori" dice Calvo del suo album

''Destino'': una storia ovadese nell'ultimo romanzo di Raffaella Romagnolo

Rocca Grimalda  | L’ultimo libro della scrittrice ovadese Raffaella Romagnolo, pubblicato il 2 ottobre scorso con Rizzoli, è stato presentato sabato scorso presso la Saoms di Rocca Grimalda

Amori e amicizie dei "Ragazzi della Pieve" raccontati da Saracco in un libro

Novi Ligure | "Fare un viaggio nel tempo. Ricordare, oltre che rivivere, gli anni della mia giovinezza con gli amici è stato come fare un bagno di salute. Mi ha fatto sentire più giovane, e sentirsi più giovani non guasta mai". Questa la risposta alla domanda sulle motivazioni che hanno spinto Salvatore Saracco, per tutti Moloc, a scrivere il volume "I ragazzi della Pieve" che verrà presentato a Novi