Gavi

Da torri di guardia a residenze nobiliari: il Fai apre le porte delle tenute più belle

In occasione della Giornata d'Autunno del Fai, la delegazione novese aprirà a Gavi la villa Centuriona e la Giustiniana. A Francavilla sarà aperta la tenuta Bisio

GAVI – Tutto pronto per la Giornata d’Autunno del Fai, che nel nostro territorio si svolgerà dopodomani, domenica 14 ottobre. La delegazione Fai novese aprirà a Gavi la villa Centuriona, lungo la strada per Carrosio. Sulla strada tra Francavilla e Gavi saranno aperte le tenute Bisio e Giustiniana.

Il percorso studiato dal Fai interessa tre edifici che ben rappresentano l’unione tra patrimonio storico-culturale e produzione agricola. Immersi nel paesaggio vitivinicolo collinare del basso Piemonte, questi antichi insediamenti integrano architettura e paesaggio, agricoltura ed enogastronomia.

Il complesso di Bisio, grangia cistercense del monastero di Sestri Ponente nel medioevo, dal Quattrocento è un feudo dei Guasco i cui discendenti ancora lo posseggono. Una piccola galleria di ritratti degli antenati e una stanza che raccoglie numerose mappe dei possedimenti della famiglia sono il cuore storico della dimora che è collegata a una preziosa cappella per le celebrazioni religiose. 

La Giustiniana è una villa tardo settecentesca fatta costruire dai nobili genovesi Giustiniani nel sito in cui, nell’alto medioevo, sorgeva una grangia monastica benedettina i cui resti sono ancora oggi rintracciabili nell’antica torre di guardia, nella cappella e in alcune stanze del complesso.

Ultimo edificio visitabile grazie al Fai sarà la Centuriona. La villa si staglia lungo l’antica strada di collegamento che da Novi conduceva a Genova, nel tratto tra Gavi e Carrosio. La favorevole posizione dell’edificio, dal quale si può controllare il tracciato sottostante, ha fatto pensare a una sua antica funzione di torre di guardia. La sua edificazione risale alla seconda metà del Cinquecento.

Le visite guidate saranno condotte dai volontari del Fai e dagli Apprendisti Ciceroni del liceo Amaldi di Novi Ligure. La tenute Bisio, Giustiniana e Centuriona saranno visitabili domenica 14 ottobre dalle 10.30 alle 18.30 (ultimo ingresso ore 18.00). Per i soli iscritti Fai, inoltre, alla Centuriona sarà possibile accedere alla parte destinata a rimessaggio della preziosa collezione di carrozze d’epoca, fino ad oggi chiusa al pubblico. Risalenti in buona parte ad un periodo compreso tra la fine del Settecento e l’inizio del Novecento, le carrozze ospitate negli spazi della Centuriona sono circa cinquanta.

La visita ai beni aperti dal Fai sarà anche l’occasione per poter passeggiare tra le vie del centro di Gavi dove gli esercizi commerciali saranno aperti, mentre a Francavilla si potrà visitare la biblioteca comunale (con la sua particolare sezione dedicata alla famiglia Kennedy) e il centro di documentazione di storia locale. Infine a Novi Ligure le vie saranno animate dalle iniziative e dagli stand dedicati all’arte del cioccolato con i tre giorni del Chocoday (da venerdì 12 a domenica 14).
12/10/2018







blog comments powered by Disqus


“850+1 anni: Alessandria, come sarebbe se...”: il primo spettacolo d’improvvisazione sulla città

Alessandria | Domenica 17 febbraio al Chiostro di Santa Maria di Castello il primo appuntamento della rassegna Borgo del Teatro, collezione inverno – primavera con la Compagnia ImproPositivi. Prima dello spettacolo la pubblicità a teatro, la presentazione delle attività commerciali e associazionistiche del quartiere di Borgo Rovereto

A Fubine Ridens arriva il cabaret

Fubine Monferrato | Sabato 16 febbraio al Teatro dei Batù I due di quinta, che debuttano a Fubine con uno spettacolo tutto nuovo. Con loro sul palco i Valter Ego

Il viaggio cinematografico del film "Un posto sicuro"

Cinema | Il regista Francesco Ghiaccio : “il film è davvero di tutti, era scritto che tutta questa storia dovesse finire così. Anzi non è ancora finita, manca il lieto fine che tutti si aspettano: la cura al mesotelioma per cancellare per sempre la paura e il dolore, lasciando l’esempio di una città che ha lottato senza rancore, con una rabbia sana, come degli eroi”

"L’Amore nel fuoco della Guerra": Stefano Zecchi presenta il suo libro in Biblioteca

Alessandria | Mercoledì 19 febbraio il professore di Estetica all'Università di Milano racconta una delle pagine più eroiche e terribili della storia italiana del ‘900 per far conoscere un’altra scomoda verità sulla questione giuliano-dalmata

Tagliolo: lo scrittore Bruno Morchio presenta il suo ultimo romanzo in Biblioteca

Tagliolo Monferrato  | Lo scrittore e psicologo, noto esponente del filone del “noir italiano” racconta una storia in cui il suo investigatore rivive una vicenda di trent’anni prima che pareva oramai superato.