Gavi

San Giacomo, in un libro tutta la storia dell'antica chiesa romanica

Un edificio che da sempre è nel cuore di tutti i gaviesi, un gioiello artistico che spicca per la sua bellezza e che racconta una parte importante della storia del territorio: la chiesa di San Giacomo, a Gavi, è ora protagonista anche di un approfondito studio realizzato da Valentina Filemio

GAVI – Un edificio che da sempre è nel cuore di tutti i gaviesi, un gioiello artistico che spicca per la sua bellezza e che racconta una parte importante della storia del territorio: la chiesa di San Giacomo, a Gavi, è ora protagonista anche di un approfondito studio realizzato da Valentina Filemio [nella foto] che sarà presentato domani, sabato 13 ottobre, presso la sede del Consorzio del Gavi in corte Zerbo (ore 17.00, a seguire visita alla chiesa).

“Gavi – San Giacomo Maggiore”, il volume scritto da Valentina Filemio per le Edizioni dell’Orso, non è però un libro qualsiasi, per almeno tre motivi. Il primo, perché Valentina Filemio, autentica esperta di quell’arte romanica che caratterizza appieno l’attuale aspetto della chiesa di San Giacomo, ha saputo cogliere appieno caratteristiche e particolarità dell’apparato architettonico e scultoreo di questo gioiello dell’arte romanica, ad esempio trovando le molteplici influenze culturali vicine e lontane, comprese quelle della Borgogna medievale, a cui fecero riferimento gli anonimi autori dei capitelli.

Il secondo, perché il libro è dedicato alla chiesa che, di fatto, costituisce la principale attrazione monumentale del borgo di Gavi, non solo per il suo valore intrinseco (storico e artistico) di edificio romanico che in gran parte mostra ancora il suo aspetto originale, ma anche per la facile accessibilità (come collocazione e come orari di apertura) che garantisce a tutti, credenti e non credenti, di poterla ammirare come merita.

Il terzo, perché San Giacomo presenta tuttora l’aspetto che nel medioevo l’intero borgo di Gavi offriva agli occhi del visitatore che, mercante, pellegrino o altro che fosse, vi giungeva arrivando dalla pianura o dal valico della Bocchetta. Un aspetto che, in qualche caso, riaffiora da sotto le facciate dipinte di epoca più recente, e che dà il senso dell’importanza di Gavi, costruita in pietra squadrata in blocchi grandi, legati da poca malta: una tecnica economicamente dispendiosa ma di grande impatto visivo, quasi che Genova, dominatrice di Gavi, volesse dare ad amici e nemici un segno visibile della propria opulenza.
12/10/2018







blog comments powered by Disqus


Alessandria Scolpita: "alla scoperta dell'identità culturale originale del territorio

Alessandria | Dal 14 dicembre a Palazzo Monferrato la possibilità di conoscere il patrimonio artistico figurativo prodotto sul territorio dell’Alessandrino tra Gotico e Rinascimento con l’esposizione di statue lignee policrome, a confronto con tavole dipinte e oggetti di oreficeria

I presepi dei maestri campani si spostano in via dei Martiri fino a martedì 18

Alessandria | L’esposizione dei presepi dei maestri artigiani di via San Gregorio Armeno viene prolungata fino a martedì 18, con lo spostamento della location da Palazzo Monferrato a via dei Martiri 20

Natale Alessandrino: gli appuntamenti del fine settimana

Alessandria | Sabato l'esibizione itinerante per le vie del centro della Banda Orchestra Dixie Band. Domenica la sfilata dei Babbi Natale in Harley Davidson e il Concerto di Natale nella chiesa di Santo Stefano

Lions Borghetto, a quattro studenti le borse di studio in ricordo di Calcagnino

Arquata Scrivia | Quattro studenti dei plessi di Vignole Borbera, Arquata Scrivia e Rocchetta Ligure sono stati premiati con le borse di studio messe in palio dai Lions di Borghetto e dalla famiglia Grosso-Calcagnino

Sant'Andrea, oltre 6 mila firme nel censimento Fai. Ma l'impegno continua

Novi Ligure | Per la chiesa di Sant'Andrea a Novi Ligure raccolte 6.500 firme. Ma l'impegno dei volontari prosegue, dice Andrea Scotto: alla Pieve, con le visite per scoprire la simbologia dell'affresco di Boxilio, e con il dvd di Enzo De Cicco e Gianluigi Bailo, in cui Laura Moro e Laura Simonassi raccontano la Collegiata