Gavi

San Giacomo, in un libro tutta la storia dell'antica chiesa romanica

Un edificio che da sempre è nel cuore di tutti i gaviesi, un gioiello artistico che spicca per la sua bellezza e che racconta una parte importante della storia del territorio: la chiesa di San Giacomo, a Gavi, è ora protagonista anche di un approfondito studio realizzato da Valentina Filemio

GAVI – Un edificio che da sempre è nel cuore di tutti i gaviesi, un gioiello artistico che spicca per la sua bellezza e che racconta una parte importante della storia del territorio: la chiesa di San Giacomo, a Gavi, è ora protagonista anche di un approfondito studio realizzato da Valentina Filemio [nella foto] che sarà presentato domani, sabato 13 ottobre, presso la sede del Consorzio del Gavi in corte Zerbo (ore 17.00, a seguire visita alla chiesa).

“Gavi – San Giacomo Maggiore”, il volume scritto da Valentina Filemio per le Edizioni dell’Orso, non è però un libro qualsiasi, per almeno tre motivi. Il primo, perché Valentina Filemio, autentica esperta di quell’arte romanica che caratterizza appieno l’attuale aspetto della chiesa di San Giacomo, ha saputo cogliere appieno caratteristiche e particolarità dell’apparato architettonico e scultoreo di questo gioiello dell’arte romanica, ad esempio trovando le molteplici influenze culturali vicine e lontane, comprese quelle della Borgogna medievale, a cui fecero riferimento gli anonimi autori dei capitelli.

Il secondo, perché il libro è dedicato alla chiesa che, di fatto, costituisce la principale attrazione monumentale del borgo di Gavi, non solo per il suo valore intrinseco (storico e artistico) di edificio romanico che in gran parte mostra ancora il suo aspetto originale, ma anche per la facile accessibilità (come collocazione e come orari di apertura) che garantisce a tutti, credenti e non credenti, di poterla ammirare come merita.

Il terzo, perché San Giacomo presenta tuttora l’aspetto che nel medioevo l’intero borgo di Gavi offriva agli occhi del visitatore che, mercante, pellegrino o altro che fosse, vi giungeva arrivando dalla pianura o dal valico della Bocchetta. Un aspetto che, in qualche caso, riaffiora da sotto le facciate dipinte di epoca più recente, e che dà il senso dell’importanza di Gavi, costruita in pietra squadrata in blocchi grandi, legati da poca malta: una tecnica economicamente dispendiosa ma di grande impatto visivo, quasi che Genova, dominatrice di Gavi, volesse dare ad amici e nemici un segno visibile della propria opulenza.
12/10/2018







blog comments powered by Disqus


A Cultura e Sviluppo una serata dedicata a Fabrizio De André

Alessandria | A vent'anni dalla scomparsa del cantautore genovese, giovedì 21 febbraio il giornalista Enzo Gentile presenterà il libro “Amico Faber” e il gruppo musicale Le Quattro Chitarre di Genova offrirà al pubblico il concerto" Come l’amore rosso" con le canzoni più significative del repertorio di De André, costruito in 35 anni di carriera

Teatro Marenco, lavori in dirittura d'arrivo: porte aperte dal 3 aprile

Novi Ligure | Dal 3 aprile saranno organizzate visite guidate al teatro Marenco di Novi Ligure per mostrare ai cittadini l'esito dei lavori di restauro, durati circa tre anni e mezzo

“Le donne vengono da Venere gli uomini da Marte”: al Teatro Alessandrino Debora Villa

Alessandria | A portare in scena l’adattamento teatrale, una esilarante terapia di gruppo collettiva, del libro più celebre dello psicologo statunitense John Gray per la prima volta in assoluto una donna. Appuntamento giovedì 21 febbraio al Teatro Alessandrino

“Romeo e Giulietta, l'amore è saltimbanco”: la tragedia shakesperiana al Teatro Sociale

Valenza | Giovedì 21 febbraio un classico reso contemporaneo dalla compagnia Stivalaccio Teatro: a farla da padrone è l’arte della recitazione, dell’improvvisazione, della capacità di cogliere gli umori del pubblico per assecondarlo e stupirlo in un percorso esilarante pieno di colpi di scena

“Amore baciami (anche se non sono Duke Ellington)”: lo swing a 'Red Note'

Alessandria | Giovedì 21 febbraio si terrà il concerto di Lorenzo Minguzzi Quartet: un repertorio di brani che appartengono ad un trentennio della canzone italiana, dagli anni ’30, appunto, fino agli anni ’60, sono state scelte composizioni in cui si sente l’influenza afro-americana