Gavi

San Giacomo, in un libro tutta la storia dell'antica chiesa romanica

Un edificio che da sempre è nel cuore di tutti i gaviesi, un gioiello artistico che spicca per la sua bellezza e che racconta una parte importante della storia del territorio: la chiesa di San Giacomo, a Gavi, è ora protagonista anche di un approfondito studio realizzato da Valentina Filemio

GAVI – Un edificio che da sempre è nel cuore di tutti i gaviesi, un gioiello artistico che spicca per la sua bellezza e che racconta una parte importante della storia del territorio: la chiesa di San Giacomo, a Gavi, è ora protagonista anche di un approfondito studio realizzato da Valentina Filemio [nella foto] che sarà presentato domani, sabato 13 ottobre, presso la sede del Consorzio del Gavi in corte Zerbo (ore 17.00, a seguire visita alla chiesa).

“Gavi – San Giacomo Maggiore”, il volume scritto da Valentina Filemio per le Edizioni dell’Orso, non è però un libro qualsiasi, per almeno tre motivi. Il primo, perché Valentina Filemio, autentica esperta di quell’arte romanica che caratterizza appieno l’attuale aspetto della chiesa di San Giacomo, ha saputo cogliere appieno caratteristiche e particolarità dell’apparato architettonico e scultoreo di questo gioiello dell’arte romanica, ad esempio trovando le molteplici influenze culturali vicine e lontane, comprese quelle della Borgogna medievale, a cui fecero riferimento gli anonimi autori dei capitelli.

Il secondo, perché il libro è dedicato alla chiesa che, di fatto, costituisce la principale attrazione monumentale del borgo di Gavi, non solo per il suo valore intrinseco (storico e artistico) di edificio romanico che in gran parte mostra ancora il suo aspetto originale, ma anche per la facile accessibilità (come collocazione e come orari di apertura) che garantisce a tutti, credenti e non credenti, di poterla ammirare come merita.

Il terzo, perché San Giacomo presenta tuttora l’aspetto che nel medioevo l’intero borgo di Gavi offriva agli occhi del visitatore che, mercante, pellegrino o altro che fosse, vi giungeva arrivando dalla pianura o dal valico della Bocchetta. Un aspetto che, in qualche caso, riaffiora da sotto le facciate dipinte di epoca più recente, e che dà il senso dell’importanza di Gavi, costruita in pietra squadrata in blocchi grandi, legati da poca malta: una tecnica economicamente dispendiosa ma di grande impatto visivo, quasi che Genova, dominatrice di Gavi, volesse dare ad amici e nemici un segno visibile della propria opulenza.
12/10/2018







blog comments powered by Disqus


Al Macallè cinema anche la domenica mattina per la nuova stagione

Alessandria | Tra le novità del cinema le maratone e le matinèe. Si inizia con John Carpenter mercoledì 31 ottobre. Per la musica Taryn Donath Quartet, Paolo Bonfanti, Sydney Ellis, Wilko Johnson, Ray Gelato e The Good Fellas

Cesare Panizza presenta la biografia di Chiaromonte all'Isral

Alessandria | Mercoledì 17 ottobre la presentazione del volume "Nicola Chiaromonte, una biografia" di Cesare Panizza, vincitore del premio Acqui Storia 2018 per la sezione scientifica

La radio va a teatro... il volume di West in una serata amarcord

Alessandria | Ci saranno i dj dell'epoca, vecchi filmati, momenti di vita radiofonica trasportata sul palco della Sala Ferrero, venerdì 19 ottobre. Una 'rimpatriata' sotto il segno del rock e dello spirito delle radio libere

Cultura e Sviluppo Community: "si migliora insieme"

Alessandria | Giovedì 18 ottobre l'evento di presentazione delle attività dell’associazione e di ascolto delle idee del territorio. L'incontro sarà anche l'occasione per presentare il cambio generazionale al vertice dell’Associazione stessa: Giorgio Guala passerà il testimone al nipote Francesco

"Colmata" dei pifferi a Cosola, tradizione che si rinnova

Cabella Ligure | A Capanne di Cosola 19ª edizione della Curmà di Pinfri, il grande raduno dei suonatori tradizionali delle valli delle Quattro Province, che vede ogni anno riunirsi ballerini e cultori delle musiche di tradizione provenienti dalla val Borbera, dalle valli vicine e da località più distanti