Cultura

"Molloy", a palazzo Ducale gli autoscatti di Giorgio Musinu

"Molloy" è il titolo della mostra che verrà inaugurata a palazzo Ducale a Genova: protagonisti saranno gli autoscatti in bianco e nero di Giorgio Musinu, fotografo nato nel capoluogo ligure, ma legato da qualche tempo a Stazzano

CULTURA  - Giovedì 11 gennaio alle ore 18.00 nella Sala Dogana di Palazzo Ducale a Genova verrà inaugurata la mostra "Molloy", progetto fotografico di Giorgio Musinu.

“Molloy” è una storia senza Storia in cui l'osservatore è lasciato con un indizio nell'opacità del nostro mondo. Molloy è la ricerca di un mistero, l'inseguimento di un'ossessione. Molloy prende spunto dall'omonimo romanzo di Samuel Beckett. Di quel romanzo questo lavoro riprende le atmosfere e la sospensione del senso proprio della nostra epoca. Il dramma si svolge in una tensione congelata e destinata a divenire memoria di un evento che non avrà mai luogo.

Molloy consiste di un filmato in Super8 e una serie di autoscatti con l'ausilio di telecomandi e temporizzatori, realizzati in svariate location fatiscenti e in stato di abbandono totale. Lo spettatore è invitato a inoltrarsi in questo "mondo" surreale ed estraneo alla vita di tutti i giorni, in compagnia del medesimo personaggio e della sua cinepresa.

Giorgio Musinu è nato a Genova ma da qualche anno risiede a Stazzano. Inizia il suo percorso fotografico studiando fotografia a Genova e frequentando attualmente il master di alta formazione sull’immagine contemporanea di Fondazione Fotografia Modena.

Le sue opere non fanno riferimento a una forma riconoscibile ma si avvicinano a una vasta scala di argomenti su più livelli. Con il rifiuto di una verità oggettiva e narrazioni culturali globali, l’interpretazione diviene personale, poliedrica e metaforica. L’autore crea opere in cui l’evento reale deve ancora avere luogo o semplicemente è terminato: momenti suggestivi di atmosfera con il dramma che si svolge in una tensione congelata destinata a divenire memoria di un evento che non avrà mai luogo.

La mostra sarà visitabile fino al 28 gennaio, dal martedì alla domenica dalle 15.00 alle 20.00. Ingresso libero.
9/01/2018
Lucia Camussi - l.camussi@ilnovese.info







blog comments powered by Disqus


Conservatorio: al via il Progetto Propedeutica e la Scuola di Musica per adulti

Alessandria | L’offerta formativa rivolta agli alunni di scuola primaria e lo speciale percorso formativo rivolto agli adulti. Per gli allievi esterni la possibilità di frequentare singoli corsi individuali, di gruppo o collettivi

Cultura e Sviluppo Community: "si migliora insieme"

Alessandria | Giovedì 18 ottobre l'evento di presentazione delle attività dell’associazione e di ascolto delle idee del territorio. L'incontro sarà anche l'occasione per presentare il cambio generazionale al vertice dell’Associazione stessa: Giorgio Guala passerà il testimone al nipote Francesco

Al Salotto del Mandrogno si parla di mezzi di trasporto

Alessandria | Martedì 16 ottobre la nuova stagione e la nuova sede, il centro di incontro Galimberti. Si inizia con l’automobile, per parlare di (eventuali) chiusure al traffico e di corse e poi spazio alla musica

Virginia Marini, una primadonna alessandrina

Alessandria | Zonta Club e Amici del Vinci ricordano Virginia Marini. Relatori d’eccezione Franco Ferrari, autore di un libro sulla straordinaria vita dell’attrice e Roberto Livraghi, uno dei maggiori conoscitori della storia della nostra città e delle sue eccellenze. Gli interventi saranno intervallati dalle letture di Fulvia Maldini

Novi e Tortona, gemellaggio in musica nel nome di Marenco e Perosi

Novi Ligure | Novi e Tortona unite nel segno della musica: le due città saranno gemellate dai concerti della "Maratona musicale Marenco Perosi", punto d'incontro tra i due festival dedicati ai compositori Romualdo Marenco e Lorenzo Perosi