Acqui Terme

Undici pietre d'inciampo per ricordare i deportati nei lager

Il prossimo 15 gennaio, con partenza da piazza Levi alle 14 sarà realizzata la posa di 11 “Pietre di Inciampo” a ricordo di altrettanti cittadini e cittadine di fede ebraica che, prelevati a forza dalle loro abitazioni tra il dicembre 1943 e la primavera del 1944, furono deportati nei campi di concentramento di Auschwitz, di Mauthausen e di Dacau

ACQUI TERME - Dopo Alessandria e Novi, e prima di Piasco(Cn), l'artista tedesco Gunter Demnig poserà undici 'sampietrini' con i nomi dei deportati acquesi, in ricordo delle vittime delle deportazioni naziste. Sono le pietre d'inciampo un'iniziativa proprio di Demnig che gira in tutte le città d'Europa per depositare in modo definitivo, tra le pietre di strade e piazze, i nomi di chi perì nella shoah. 

Ad Acqui Terme, il prossimo 15 gennaio, con partenza da piazza Levi alle 14 sarà realizzata la posa di 11 “Pietre di Inciampo” a ricordo di altrettanti cittadini e cittadine di fede ebraica che, prelevati a forza dalle loro abitazioni tra il dicembre 1943 e la primavera del 1944, furono deportati nei campi di concentramento di Auschwitz, di Mauthausen e di Dacau. E non fecero più ritorno. 

"Le ‘Pietre di Inciampo’ sono un invito tangibile a riflettere, ricordare e non dimenticare", ha sottolineato l’Assessore alla Cultura Alessandra Terzolo. "Questi undici sampietrini dedicati ai nostri concittadini vittima dell’Olocausto rappresentano un monito, affinché non succeda mai più".

L’installazione delle “Pietre" fa parte di un più ampio calendario dedicato alla Giornata della Memoria di fine gennaio.

La posa prevede sette momenti di riflessione. Da Piazza Levi, sede del Palazzo municipale donato nel 1909 ad Acqui dal cittadino di religione ebraica Abram Levi si andranno a toccare i luoghi in cui intere famiglie sono state distrutte dalla follia delle deportazioni. L’itinerario si concluderà in via Saracco, in prossimità dei portici antistanti l’ingresso di quella che fu la locale Sinagoga.
 
12/01/2018







blog comments powered by Disqus


"Poèmes d’Harpe": concerto per Chagall

Alessandria | Domenica 21 gennaio nelle sale storiche della Biblioteca Sara Terzano, titolare della Cattedra di Arpa del Conservatorio Vivaldi, suonerà pagine originali per arpa e brani scritti ed arrangiati per l’occasione conducendo il pubblico in quell’atmosfera tra il Sogno ed il Fantastico proprie del famoso pittore

Capitale italiana della Cultura 2020: Casale tra le "magnifiche dieci"

Casale Monferrato |  Agrigento, Bitonto, Macerata, Merano, Nuoro, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Treviso. E anche Casale Monferrato, unica città piemontese che è rimasta in lizza tra le finaliste per diventare Capitale italiana della Cultura 2020. L’assegnazione del titolo di "Capitale italiana della cultura 2020" si terrà a Roma, il 16 febbraio, alla presenza del ministro Dario Franceschini

Un selfie con la bici di Coppi

Alessandria | Mercoledì 17 gennaio sarà in tutto il mondo la giornata dedicata al selfie nei musei. AcdB Museo, il museo alessandrino dedicato alla storia del ciclismo ha deciso di proporre ai propri visitatori un’occasione particolare di autoscatto e condivisione con la specialissima Bianchi di Fausto Coppi usata nel Tour de France 1949

Un duo pianoforte-arpa ai Mercoledì del Conservatorio

Alessandria | Mercoledì 17 gennaio all'Auditorium Pittaluga “I telai magici”: Sara Terzano e Silvia Leggio con brani di Debussy, Ravel e Salzedo

A Cultura e Sviluppo conferenza e concerto per il Giorno della Memoria

Alessandria | "Potevano non sapere? Il Mondo Libero era a conoscenza della 'soluzione finale'?" Gian Piero Armano e Agostino Pietrasanta ne parleranno giovedì 18 gennaio a Cultura e Sviluppo. Seguirà lo spettacolo "Ricordare rende liberi, parole e musica dal lager" con il gruppo I Suoni Ribelli