Acqui Terme

Undici pietre d'inciampo per ricordare i deportati nei lager

Il prossimo 15 gennaio, con partenza da piazza Levi alle 14 sarà realizzata la posa di 11 “Pietre di Inciampo” a ricordo di altrettanti cittadini e cittadine di fede ebraica che, prelevati a forza dalle loro abitazioni tra il dicembre 1943 e la primavera del 1944, furono deportati nei campi di concentramento di Auschwitz, di Mauthausen e di Dacau

ACQUI TERME - Dopo Alessandria e Novi, e prima di Piasco(Cn), l'artista tedesco Gunter Demnig poserà undici 'sampietrini' con i nomi dei deportati acquesi, in ricordo delle vittime delle deportazioni naziste. Sono le pietre d'inciampo un'iniziativa proprio di Demnig che gira in tutte le città d'Europa per depositare in modo definitivo, tra le pietre di strade e piazze, i nomi di chi perì nella shoah. 

Ad Acqui Terme, il prossimo 15 gennaio, con partenza da piazza Levi alle 14 sarà realizzata la posa di 11 “Pietre di Inciampo” a ricordo di altrettanti cittadini e cittadine di fede ebraica che, prelevati a forza dalle loro abitazioni tra il dicembre 1943 e la primavera del 1944, furono deportati nei campi di concentramento di Auschwitz, di Mauthausen e di Dacau. E non fecero più ritorno. 

"Le ‘Pietre di Inciampo’ sono un invito tangibile a riflettere, ricordare e non dimenticare", ha sottolineato l’Assessore alla Cultura Alessandra Terzolo. "Questi undici sampietrini dedicati ai nostri concittadini vittima dell’Olocausto rappresentano un monito, affinché non succeda mai più".

L’installazione delle “Pietre" fa parte di un più ampio calendario dedicato alla Giornata della Memoria di fine gennaio.

La posa prevede sette momenti di riflessione. Da Piazza Levi, sede del Palazzo municipale donato nel 1909 ad Acqui dal cittadino di religione ebraica Abram Levi si andranno a toccare i luoghi in cui intere famiglie sono state distrutte dalla follia delle deportazioni. L’itinerario si concluderà in via Saracco, in prossimità dei portici antistanti l’ingresso di quella che fu la locale Sinagoga.
 
12/01/2018







blog comments powered by Disqus


Torna a casa il primo quadro 'sociale' di Pellizza da Volpedo

Alessandria | Di proprietà del Comune di Alessandria, l'Annegato viene prestato spesso a musei e mostre. E' uno dei primi esempi di pittura di matrice sociale divisionista del pittore di Volpedo. In esposizione straordinaria insieme ad uno studio sul Quarto Stato

The Harlem Gospel al Teatro Alessandrino

Alessandria | Martedì 18 dicembre un gospel d’eccezione, intenso e dinamico per di più finalizzato a creare melodie armoniche e “vive”

Al Circolo del Cinema “Ovunque proteggimi”

Alessandria | Martedì 18 dicembre, in collaborazione con il circolo sardo Su Nuraghe, la proiezione del film di Bonifacio Angus: conflitto tra il ritrovarsi al margine della società e il perbenismo diffuso, tra il disagio mentale e la rigida razionalità che giudica e chiude ogni spazio per la differenza

Un film alessandrino sulla vita di San Francesco

Alessandria | Promosso dal Centro di cultura della “Cattolica”, con Teatro Insieme e il Collegio Santa Chiara martedì 18 dicembre la proiezione alla Sala Iris. Seguirà la recita della Novena di Natale e una cena autogestita

Extra Christmas Alessandria con Queenmania e Katia Ricciarelli al Palatenda

Alessandria | Queen Mania e Katia Ricciarelli saranno venerdì 21 dicembre all'Alegas Teatro Tenda