Acqui Terme

Undici pietre d'inciampo per ricordare i deportati nei lager

Il prossimo 15 gennaio, con partenza da piazza Levi alle 14 sarà realizzata la posa di 11 “Pietre di Inciampo” a ricordo di altrettanti cittadini e cittadine di fede ebraica che, prelevati a forza dalle loro abitazioni tra il dicembre 1943 e la primavera del 1944, furono deportati nei campi di concentramento di Auschwitz, di Mauthausen e di Dacau

ACQUI TERME - Dopo Alessandria e Novi, e prima di Piasco(Cn), l'artista tedesco Gunter Demnig poserà undici 'sampietrini' con i nomi dei deportati acquesi, in ricordo delle vittime delle deportazioni naziste. Sono le pietre d'inciampo un'iniziativa proprio di Demnig che gira in tutte le città d'Europa per depositare in modo definitivo, tra le pietre di strade e piazze, i nomi di chi perì nella shoah. 

Ad Acqui Terme, il prossimo 15 gennaio, con partenza da piazza Levi alle 14 sarà realizzata la posa di 11 “Pietre di Inciampo” a ricordo di altrettanti cittadini e cittadine di fede ebraica che, prelevati a forza dalle loro abitazioni tra il dicembre 1943 e la primavera del 1944, furono deportati nei campi di concentramento di Auschwitz, di Mauthausen e di Dacau. E non fecero più ritorno. 

"Le ‘Pietre di Inciampo’ sono un invito tangibile a riflettere, ricordare e non dimenticare", ha sottolineato l’Assessore alla Cultura Alessandra Terzolo. "Questi undici sampietrini dedicati ai nostri concittadini vittima dell’Olocausto rappresentano un monito, affinché non succeda mai più".

L’installazione delle “Pietre" fa parte di un più ampio calendario dedicato alla Giornata della Memoria di fine gennaio.

La posa prevede sette momenti di riflessione. Da Piazza Levi, sede del Palazzo municipale donato nel 1909 ad Acqui dal cittadino di religione ebraica Abram Levi si andranno a toccare i luoghi in cui intere famiglie sono state distrutte dalla follia delle deportazioni. L’itinerario si concluderà in via Saracco, in prossimità dei portici antistanti l’ingresso di quella che fu la locale Sinagoga.
 
12/01/2018







blog comments powered by Disqus


Peter Larsen Dance Studio: saggio finale al Teatro Alessandrino

Alessandria | Lunedì 18 giugno “Luce”: l’illuminazione in tutte le sue forme è il tema che lega le creazioni coreografiche portate in scena e danzate dagli allievi

Lions Club, viaggio nel cuore dello swing in una serata a scopo benefico

Pozzolo Formigaro | Cotton Club è il nome di un famosissimo locale di New York, ad Harlem, dove le più famose orchestre degli anni Venti e Trenta del 1900 iniziarono a suonare un nuovo genere musicale chiamato swing. In occasione della manifestazione organizzata dal locale Lions Club e inserita nel calendario degli appuntamenti estivi del paese, il castello di Pozzolo Formigaro si trasformerà nel mitico locale per farvi rivivere le emozioni del Cotton Club

Gaudenzio Ferrari tra Vercelli, Novara e Varallo, una mostra “all’antica” che segue la storia

Cultura | Organizzata in senso cronologico, si tratta dell’esposizione dedicata allo straordinario pittore che oggi diremmo piemontese, architetto, plastificatore, musicista e poeta, che si dipana dalle prime prove fino alle ultime, prodotte a Milano per gli Sforza.

"La natura è viva" nei dipinti di Vivian esposti in municipio

Arquata Scrivia | Verrà inaugurata nell'atrio del palazzo comunale di Arquata Scrivia la selezione di dipinti di Vivian Re Caretti. La mostra "La natura viva", che sarà visitabile fino al 29 giugno, è stata curata dal figlio, Peter Rosa, un medico specializzato in malattie infettive, spinto dal desiderio di ricordare la madre scomparsa nel 2015 e dare giusto risalto al suo estro artistico

“Penna d’oca”: torna a vivere un antico quaderno manoscritto

Alessandria | Un quaderno che riunisce gli scritti di un gruppo di artisti e intellettuali alessandrini negli anni dal 1940 fino al 1945. Una testimonianza unica, che ora diventa patrimonio della città e oggetto di studio grazie a una donazione del Lions Club Alessandria Host alla Biblioteca Civica “Francesca Calvo” di Alessandria. Il libro è stato realizzato dal giornalista Alberto Ballerino