Alessandria

A Solvay il “premio dei premi” per l'innovazione

Lo stabilimento di Spinetta Marengo è stato determinante per il gruppo nell'ottenimento del riconoscimento istituito dalla presidenza del Consiglio dei Ministri. Qui si applica un sistema di produzione digitale, con il monitoraggio degli impianti tramite una app. Bigini : “puntiamo ad una crescita nei prossimi 20 anni”

ALESSANDRIA – Solvay Special Polymers è fra i vincitori del “Premio dei Premi”, riconoscimento istituito dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri su mandato del Presidente della Repubblica.
Lo stabilimento di Spinetta Marengo ha avuto un ruolo determinate nell'assegnazione del premio. Il nucleo di valutazione ha fatto visita, infatti, sia nello stabilimento di Bollate, “testa” del gruppo, e in quello di Spinetta dove viene applicato il nuovo modello organizzativo nel sistema di produzione.
Il premio è stato istituito da Confindustria come riconoscimento per l'innovazione. I parametri di cui la commissione di valutazione ha tenuto conto sono: innovazione di prodotto, dei processi produttivi, nei processi organizzativi, nella sostenibilità.
“Solvay è una delle aziende italiane che depositano il maggior numero di brevetti: una media fra settanta e ottanta all’anno”, ha spiegato il direttore di stabilimento Stefano Bigini (nella foto con il presidente Confindustia Luigi Buzzi). Dal punto di vista del prodotto, “il portafogli viene rinnovato del 30% ogni cinque anni”.

Lo stabilimento di Spinetta, ha spiegato, ha fatto la sua parte per quanto riguarda soprattutto il processo organizzativo: “utilizziamo un sistema di produzione e trasformazione digitale. Gli operatori utilizzano una applicazione su tablet in grado di monitorare gli impianti, segnalando, ad esempio, gli interventi di manutenzione da effettuare”. Il sistema sarà a breve importato anche negli stabilimenti francesi e statunitensi dove una equipe partirà proprio da Alessandria per seguire e supportare il personale americano.
Sul fronte dell'ambiente, poi, Solvay è impegnata nell'applicazione del protocollo di Parigi per la riduzione entro il 2025 del 40%dei gas serra.
“Il 2017 chiude positivamente, con una crescita del 10% del fatturato – annuncia il direttore – Lo stabilimento di Spinetta ha prodotto una cifra d'affari di mezzo miliardo di euro (su due miliardi a livello di gruppo, ndr). Gli ultimi investimenti, come il rinnovo della rete elettrica ad alta tensione e la centrale a cogenerazione, ci permettono di guardare alla crescita del polo nei prossimi 20 anni”.
“E’ un riconoscimento prestigioso e ci rende orgogliosi – commenta Luigi Buzzi, Presidente di Confindustria Alessandria – attribuito ad un’azienda del nostro territorio, attiva con lo stabilimento di punta del Gruppo Solvay a Spinetta Marengo, che investe con successo nell’innovazione d’eccellenza nel settore dei polimeri ed altamente competitiva in campo mondiale”.
22/12/2017







blog comments powered by Disqus


Industria, la provincia 'regge', ma la politica non dà certezze per guardare lontano

Alessandria | L'industria alessandrina ha sempre puntato molto sull'export, ma negli ultimi mesi si sta registrando un rallentamento degli ordini. Per Confindustria Alessandria incide l'incertezza geopolitica. Previsioni comunque positive, anche se assunzioni estive non ce ne saranno

Caffè Marini: aperto il nuovo bando. C'è tempo fino a fine mese

Alessandria | L'Aspal ha pubblicato sul proprio sito il nuovo bando per l'affidamento della gestione del Caffè Marini: canone a 2 mila euro al mese ma per nove anni (anzichè per sei). C'è tempo fino al 30 luglio alle ore 12

Cementir, lo stabilimento è salvo

Arquata Scrivia | Al momento non è prevista la chiusura dello stabilimento Cementir di Arquata. E' quanto ha assicurato la nuova proprietà,Italcementi, al tavolo riunito dal Prefetto. Tre dei quattro impiegati in mobilità saranno riassorbiti dal gruppo

Bando “Piattaforma Tecnologica Bioeconomia” per l'agroalimentare e la chimica verde

Economia  | L’iniziativa è rivolta a raggruppamenti e aggregazioni di piccole e medie imprese, grandi imprese, organismi di ricerca pubblici o privati del Piemonte che, sul territorio piemontese, intendano sviluppare in forma collaborativa, progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale sul tema

Lercaro: vertice sindaci - sindacati

Ovada | Come assicurare continuità alla Casa di riposo. La Cisl prosegue con la proposta di farne punto di riferimento per la non autosufficienza in attesa di dettagliare meglio