Alessandria

Avviso pubblico per la co-progettazione di 30 tirocini formativi per disoccupati

Un progetto per offrire a cittadini al momento senza lavoro, in particolare ai genitori appartenenti a nuclei monoparentali e giovani disoccupati, un’occasione di avvicinamento al mondo del lavoro, investendo sulle loro capacità e sulle loro potenzialità e propensione a (ri)mettersi in gioco. Domande entro il 1° ottobre

ALESSANDRIA - Il Comune ha pubblicato un avviso pubblico per l’individuazione di soggetti del Terzo settore disponibili alla co-progettazione per la realizzazione di almeno 30 tirocini formativi, volti all’inserimento/reinserimento lavorativo di adulti disoccupati. Con il progetto Al lavoro... chi ben (ri)comincia... l’Amministrazione Comunale intende offrire a cittadini al momento senza lavoro, in particolare ai genitori appartenenti a nuclei monoparentali e giovani disoccupati, un’occasione di avvicinamento al mondo del lavoro, investendo sulle loro capacità e sulle loro potenzialità e propensione a (ri)mettersi in gioco.

L’avviso è rivolto a tutti i soggetti del Terzo Settore (enti, associazioni, consorzi regolarmente accreditati dalla Regione Piemonte in materia) che in forma singola o di raggruppamento temporaneo, siano interessati a collaborare con l’Amministrazione comunale. I tirocini dovranno avere luogo in imprese, aziende e diverse realtà idonee del territorio nelle zone limitrofe ove più facilmente risultano reperibili le strutture di inserimento (comprese le aziende agricole), preferibilmente all’interno dell’area di competenza del Centro per l’Impiego di Alessandria, e devono prevedere una indennità di partecipazione non inferiore a 500 euro mensili. L’attività di co-progettazione dovrà essere avviata entro il mese di ottobre 2018.

Gli interessati dovranno presentare la domanda di partecipazione, con la documentazione allegata, entro e non oltre le ore 12 del giorno 1°ottobre 2018 all’Ufficio Protocollo Generale del Comune di Alessandria, a mano o a mezzo postale. Le richieste saranno valutate da una Commissione nominata dall’Amministrazione.
L’Avviso pubblico è consultabile sul sito internet del Comune di Alessandria.

“Con questo progetto il Comune ha stanziato oltre 130 mila euro per portare avanti un percorso di co-progettazione con soggetti del Terzo Settore, volto a fornire un’opportunità ad adulti, in particolare genitori di nuclei familiari monoparentali – ha commentato l’assessore alle Politiche Sociali Piervittorio Ciccaglioni -. Il nostro obiettivo è creare una rete di percorsi formativi atti al superamento della difficile condizione di disoccupazione con il potenziamento e lo sviluppo delle singole competenze favorendo il reimpiego in aziende, società, cooperative e altre realtà del territorio idonee, interessate e disponibili ad inserire la persona disoccupata fornendole adeguati strumenti conoscitivi. Si creeranno, anche, figure specifiche competenti e idonee a proporsi successivamente nel mercato del lavoro, oltre che in attività dipendenti, anche autonomamente, magari in ambiti occupazionali emergenti come la cura degli animali domestici e la coltivazione della terra. Gli animali, come i piccoli appezzamenti di terra, possono infatti essere posseduti anche da persone anziane, che hanno difficoltà crescenti ad accompagnare fuori o ad assolvere altri compiti necessari al benessere del proprio animale, che sovente rappresenta un’importante fonte di compagnia e di valore aggiunto alla qualità della vita. Alla conclusione del percorso formativo e di tirocinio - ha continuato l’assessore Ciccaglioni - le persone coinvolte oltre a cercare occupazione negli esercizi volti alla cura degli animali domestici, alla vendita di prodotti, alla toelettatura potranno così proporsi come accompagnatori o addetti alla cura dell’animale domestico posseduto da anziani o da persone che temporaneamente per i motivi più diversi non possono occuparsi completamente del loro amico a quattro zampe, ma vogliono ed hanno le condizioni essenziali per tenerlo con sé. Analogamente chi ha avrà appreso rudimenti fondamentali per la coltivazione della terra, preferibilmente dell’orto, con metodi naturali, potrà cercare lavoro nelle aziende agricole o proporsi autonomamente quale soggetto capace di coadiuvare la persona anziana o comunque la persona che possiede un appezzamento di terreno che desidera coltivarlo con il supporto di persona qualificata”.
21/09/2018







blog comments powered by Disqus


Gig Economy: lo studio del fenomeno in provincia

Alessandria | Lunedì 22 ottobre il convegno con la presentazione dei dati del progetto di ricerca realizzato dalla Uil con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria e in collaborazione con l’Università del Piemonte Orientale. Nell'economia dei lavoretti non esistono prestazioni continuative con posto fisso, contratto a tempo indeterminato e nemmeno determinato, ma si lavora quando c’è richiesta

In piazza Malaspina inaugurato il nuovo mercato agricolo

Tortona | Gli acquirenti potranno trovare una vasta gamma di prodotti tra cui pane artigianale e prodotti da forno, riso, frutta e ortaggi di stagione, marmellate e composte, salumi, miele, erbe aromatiche essiccate, formaggi caprini e vaccini e vino

Gambero Rosso, la guida dei vini premia sette aziende del territorio

Novi Ligure | Sono ben sette i vini del basso alessandrino premiati con il massimo punteggio dalla guida "Vini d'Italia" di Gambero Rosso, tra Novi, Gavi, Ovada e Tortona

Malattia e infortuni delle assistenti familiari

Economia e Lavoro | La malattia e la relativa indennità per i lavoratori domestici è regolata nel Contratto Collettivo di Lavoro Nazionale (CCLN) che, in qualità di dipendenti privati a tutti gli effetti di legge, devono rispettare le regole generali per le visite fiscali e le fasce orarie di reperibilità

Mense: "vogliamo un contratto di 4 ore". Adesione allo sciopero del 30%, eccetto Valenza

Lavoro | Una adesione allo sciopero del 30% circa dei lavoratori tra addetti alla refezione scolastica, operatori del centro cottura e al trasporto dei pasti che non ha fermato il servizio mensa. A Valenza la mancata adesione ha permesso il normale svolgimento del servizio. Sotto palazzo Rosso invece presidio a suon di fischietti e tamburi a rivendicare "4 ore di lavoro" senza le quali si fatica ad arrivare a fine mese....