Economia e lavoro

Bando per il rafforzamento di attività imprenditoriali che producono effetti socialmente desiderabili

L’obiettivo principale è quello di finanziare progetti di innovazione sociale in ambiti connessi al benessere dei cittadini e allo sviluppo dei territori. Domande dal 15 ottobre

ECONOMIA E LAVORO - P.O.R. “Competitività regionale e occupazione” F.E.S.R. 2014‐2020. Obiettivo tematico III.3 ‐ Competitività dei sistemi produttivi. Obiettivo specifico III.3c.7 ‐ Diffusione e rafforzamento delle attività economiche a contenuto sociale. Azione III.3c.7.1

Il Bando intende sostenere interventi di innovazione sociale concentrandosi sulla crescita di nuove iniziative imprenditoriali di ampio impatto sociale, oltre che sulla scalabilità e l’eventuale replicabilità delle stesse, intesa come il ricorso a soluzioni già efficacemente sperimentate altrove in contesti che richiedano un intervento simile.

L’obiettivo principale è quello di finanziare progetti di innovazione sociale in ambiti connessi al benessere dei cittadini e allo sviluppo dei territori. Il Bando vuole fornire un ulteriore stimolo alla soluzione di problemi sociali attraverso sistemi e soluzioni capaci di migliorare la salute, l’inclusione sociale e il benessere dei cittadini. A tal fine, è rilevante il contributo delle imprese che realizzino progetti capaci di integrare l’intervento pubblico con soluzioni economicamente e socialmente più sostenibili.

Sono previste due linee di intervento:
A) sostegno a progetti di rilevanti dimensioni in ambito sanitario e socio‐assistenziale: servizi e beni pubblici altrimenti non assicurati dal sistema imprenditoriale for profit, anche attraverso il ricorso a soluzioni e strumenti di policy innovativi, capaci di moltiplicare gli effetti e gli impatti delle iniziative poste in essere dal sistema regionale;
B) sostegno a progettualità di piccolo taglio che producono effetti socialmente desiderabili in ambito culturale, educativo, assistenziale, sanitario, formativo e occupazionale prioritariamente a vantaggio di soggetti deboli.

Le attività e le funzioni relative alla gestione economico‐finanziaria del presente Bando e del procedimento di concessione, erogazione ed eventuale revoca dell’agevolazione sono affidate a Finpiemonte S.p.A.
L’agevolazione consiste in un prestito agevolato fino a copertura del 100% delle spese ammissibili, così composto: 70 o 80% con fondi regionali, a tasso zero (fino ad un massimo di € 1.000.000); 30 o 20% con fondi bancari, a tasso convenzionato.

Tipologie di attività
Linea A
I progetti dovranno avere le seguenti caratteristiche:
elementi qualificanti e distinguibili di innovazione sociale
capacità di offrire soluzioni alternative in relazione a bisogni specifici
ambito di intervento: salute e benessere, sanitario e socio‐assistenziale
valore economico del progetto: almeno 500.000 euro.

Linea B
I progetti dovranno avere le seguenti caratteristiche:
elementi qualificanti e distinguibili di innovazione sociale
capacità di offrire soluzioni alternative in relazione a bisogni specifici
ambito di intervento: culturale, educativo, assistenziale, sanitario, formativo e occupazionale prioritariamente a vantaggio di soggetti deboli. La soglia indicata è da intendersi riferita ai costi ammessi a finanziamento a seguito dell’istruttoria
valore economico del progetto: da un minimo di 30.000 euro a un massimo di 100.000 euro.

Destinatari
PMI no-profit in forma singola o associata; micro e piccole imprese, profit e no-profit, in forma singola o associata.

Dotazione finanziaria disponibile
La dotazione finanziaria complessiva ammonta a euro 5.000.000,00
Nello specifico la somma stanziata è ripartita nelle due linee di intervento sopra descritte come segue:
Euro 4.000.000,00 per i progetti di cui alla Linea A
Euro 1.000.000,00 per i progetti di cui alla Linea B.

Scadenza Bando
Il Bando prevede quale procedura valutativa il “procedimento a sportello” di cui all’art. 5 del D.Lgs. n. 123/1998.
È possibile presentare le domande a partire dal 15/10/2018. Le domande vengono valutate in ordine cronologico.

Costi ammissibili
Sono ammissibili i seguenti costi: costi del personale, impianti, macchinari e attrezzature; spese per servizi di consulenza e servizi equivalenti, competenze tecniche, brevetti, know how.
Solo per la Linea B: sono incluse anche le spese non ordinarie per le consulenze strettamente connesse alla realizzazione del progetto di tipo fiscale e legale, servizi di accompagnamento, capacity building e audit, promozione di networking tra imprese e soggetti portatori di servizi e competenze.

link al bando in originale
Per info:
LAMORO scarl
via Leopardi, 4 – 14100 Asti
0141 532516
info@lamoro.it
2/10/2018







blog comments powered by Disqus


Inaugurata la filiale Ubi Banca di Tortona

Tortona | "Digitalizzazione e consulenza innovativa a servizio della clientela". Nell’ambito del piano di riorganizzazione del modello distributivo dell’istituto di credito, è stata presentata la nuova filiale, già aperta al pubblico. La Banca punta sull’integrazione tra canale fisico tradizionale e sistemi digitali avanzati.

Nuove speranze per chi cerca lavoro: a Serravalle apre il Santachiara

Serravalle Scrivia | C'è una nuova speranza per chi è in cerca di un lavoro. Ma anche per chi, al contrario, il lavoro lo offre ma non riesce a trovare il dipendente giusto o i fondi necessari per assumere. E' l'istituto Santachiara che ha aperto una sede anche a Serravalle Scrivia

Requisiti per Quota 100 e Opzione donna

Lavoro | Per ottenere la pensione anticipata con i requisiti di "Quota 100" sono necessari, sia per gli uomini che per le donne, 62 anni di età e aver maturato 38 anni di contributi, solo così è possibile raggiungere quota 100. Per quanto riguarda "Opzione donna", tutte le donne possono accedere alla pensione interamente calcolata con il sistema contributivo se in possesso dI determinati requisiti

Nuovi contributi ai comuni per la rimozione dell’amianto

Economia | L'assessore regionale all'Ambiente Valmaggia: “a breve potremo pubblicare il bando per finanziare interventi per oltre 2 milioni di euro”

Reddito di cittadinanza, "si rischia il caos se non arrivano direttive operative"

Economia | Di reddito di cittadinanza si parla ormai da mesi. Il provvedimento che lo introduce è stato approvato ed è ormai legge ma mancano direttive operative. Gli addetti ai Caf, ai centri per l'impiego e alle poste brancolano ancora nel buio. “In tanti ci chiedono informazioni, ma al momento non abbiamo altre indicazioni oltre a quelle descritte nel sito del ministero”