Alessandria

Cambio ai vertici di Solvay, al posto di Bigini arriva Diotto

Andrea Diotto, 43 anni, dal 1° settembre è il nuovo direttore dello stabilimento Solvay di Spinetta Marengo. Lavora nel gruppo da diciassette anni, di cui gli ultimi 8 proprio a Spinetta. "Il mio obiettivo è quello di continuare a fare crescere questo sito"

ALESSANDRIA - Ci tiene alle sue radici alessandrine/piemontesi Andrea Diotto, nuovo direttore stabilimento Solvay di Spinetta Marengo. “Mio padre è di Ponti – dice – e ad Alessandria ho fatto le selezioni per il servizio di leva nella Polizia di Stato”.
Dal 1° settembre è subentrato a Stefano Bigini chiamato ad assumere il ruolo internazionale di direttore di Tecnologie di Processo e Digital Manufacturing della multinazionale, nel centro ricerca di Bollate, dopo 10 anni di direzione a Spinetta.
Una carriera tutta interna quella del neo direttore Diotto, 43 anni, coniugato e padre di due bimbi, Bianca, 4 anni e Filippo, 2.
Dopo una laurea ad ingegneria Chimica al Politecnico di Torino e una laurea parallela all'Inp di Grenoble, è entrato a far parte del gruppo Solvay nel 2001 proprio a Spinetta. “Dopo 8 mesi mi fu prospettata l'ipotesi di un trasferimento negli Stati Uniti, per due o tre anni. Ci restai 9 anni”.
Chiede poi di tornare in Italia, a Spinetta, dove torna a lavorare nel 2012 come Production Unit Manager dapprima dell’Area Elastomeri e successivamente dell’Area Fluidi.

“Tutti mi chiedevano se ero pazzo a voler tornare in Italia, proprio nel bel mezzo della crisi. Ma per me l'America è Spinetta”, dice. Perchè lo stabilimento alessandrino “è il fiore all'occhiello” del gruppo, non solo in Italia. “Qui ci sono processi produttivi unici al mondo. Basti pensare che a Spinetta lavora un terzo di tutti gli ingegneri Solvay, che ha venti stabilimenti nel mondo”, dice Diotto.
“Per me è un onore dirigere lo Stabilimento di Spinetta”, aggiunge. “Il mio obiettivo è quello di continuare a far crescere il sito di Spinetta Marengo, che è tra i più rilevanti ed innovativi del Gruppo Solvay sempre con la giusta attenzione agli aspetti di sostenibilità e integrazione nel territorio e alla crescita degli oltre 600 dipendenti Solvay che vi lavorano. Gli oltre 1.000 addetti, diretti ed indiretti, che operano nel sito e la loro eccezionale professionalità, sono per me garanzia del fatto che riusciremo a vincere le sfide che ci aspettano nel prossimo futuro”.
5/10/2018







blog comments powered by Disqus


Nuove speranze per chi cerca lavoro: a Serravalle apre il Santachiara

Serravalle Scrivia | C'è una nuova speranza per chi è in cerca di un lavoro. Ma anche per chi, al contrario, il lavoro lo offre ma non riesce a trovare il dipendente giusto o i fondi necessari per assumere. E' l'istituto Santachiara che ha aperto una sede anche a Serravalle Scrivia

Requisiti per Quota 100 e Opzione donna

Lavoro | Per ottenere la pensione anticipata con i requisiti di "Quota 100" sono necessari, sia per gli uomini che per le donne, 62 anni di età e aver maturato 38 anni di contributi, solo così è possibile raggiungere quota 100. Per quanto riguarda "Opzione donna", tutte le donne possono accedere alla pensione interamente calcolata con il sistema contributivo se in possesso dI determinati requisiti

Nuovi contributi ai comuni per la rimozione dell’amianto

Economia | L'assessore regionale all'Ambiente Valmaggia: “a breve potremo pubblicare il bando per finanziare interventi per oltre 2 milioni di euro”

Reddito di cittadinanza, "si rischia il caos se non arrivano direttive operative"

Economia | Di reddito di cittadinanza si parla ormai da mesi. Il provvedimento che lo introduce è stato approvato ed è ormai legge ma mancano direttive operative. Gli addetti ai Caf, ai centri per l'impiego e alle poste brancolano ancora nel buio. “In tanti ci chiedono informazioni, ma al momento non abbiamo altre indicazioni oltre a quelle descritte nel sito del ministero”

Confapi, Cgil, Cisl e Uil siglano l'accordo sulle molestie e la violenza nei luoghi di lavoro

Lavoro | I firmatari sottoscrivono che la dignità delle lavoratrici e dei lavoratori non può essere violata da atti o comportamenti che si configurino come molestie o violenze e che le stesse azioni debbano essere denunciate perchè inaccettabili