Alessandria

Cambio ai vertici di Solvay, al posto di Bigini arriva Diotto

Andrea Diotto, 43 anni, dal 1° settembre è il nuovo direttore dello stabilimento Solvay di Spinetta Marengo. Lavora nel gruppo da diciassette anni, di cui gli ultimi 8 proprio a Spinetta. "Il mio obiettivo è quello di continuare a fare crescere questo sito"

ALESSANDRIA - Ci tiene alle sue radici alessandrine/piemontesi Andrea Diotto, nuovo direttore stabilimento Solvay di Spinetta Marengo. “Mio padre è di Ponti – dice – e ad Alessandria ho fatto le selezioni per il servizio di leva nella Polizia di Stato”.
Dal 1° settembre è subentrato a Stefano Bigini chiamato ad assumere il ruolo internazionale di direttore di Tecnologie di Processo e Digital Manufacturing della multinazionale, nel centro ricerca di Bollate, dopo 10 anni di direzione a Spinetta.
Una carriera tutta interna quella del neo direttore Diotto, 43 anni, coniugato e padre di due bimbi, Bianca, 4 anni e Filippo, 2.
Dopo una laurea ad ingegneria Chimica al Politecnico di Torino e una laurea parallela all'Inp di Grenoble, è entrato a far parte del gruppo Solvay nel 2001 proprio a Spinetta. “Dopo 8 mesi mi fu prospettata l'ipotesi di un trasferimento negli Stati Uniti, per due o tre anni. Ci restai 9 anni”.
Chiede poi di tornare in Italia, a Spinetta, dove torna a lavorare nel 2012 come Production Unit Manager dapprima dell’Area Elastomeri e successivamente dell’Area Fluidi.

“Tutti mi chiedevano se ero pazzo a voler tornare in Italia, proprio nel bel mezzo della crisi. Ma per me l'America è Spinetta”, dice. Perchè lo stabilimento alessandrino “è il fiore all'occhiello” del gruppo, non solo in Italia. “Qui ci sono processi produttivi unici al mondo. Basti pensare che a Spinetta lavora un terzo di tutti gli ingegneri Solvay, che ha venti stabilimenti nel mondo”, dice Diotto.
“Per me è un onore dirigere lo Stabilimento di Spinetta”, aggiunge. “Il mio obiettivo è quello di continuare a far crescere il sito di Spinetta Marengo, che è tra i più rilevanti ed innovativi del Gruppo Solvay sempre con la giusta attenzione agli aspetti di sostenibilità e integrazione nel territorio e alla crescita degli oltre 600 dipendenti Solvay che vi lavorano. Gli oltre 1.000 addetti, diretti ed indiretti, che operano nel sito e la loro eccezionale professionalità, sono per me garanzia del fatto che riusciremo a vincere le sfide che ci aspettano nel prossimo futuro”.
5/10/2018







blog comments powered by Disqus


Gig Economy: lo studio del fenomeno in provincia

Alessandria | Lunedì 22 ottobre il convegno con la presentazione dei dati del progetto di ricerca realizzato dalla Uil con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria e in collaborazione con l’Università del Piemonte Orientale. Nell'economia dei lavoretti non esistono prestazioni continuative con posto fisso, contratto a tempo indeterminato e nemmeno determinato, ma si lavora quando c’è richiesta

In piazza Malaspina inaugurato il nuovo mercato agricolo

Tortona | Gli acquirenti potranno trovare una vasta gamma di prodotti tra cui pane artigianale e prodotti da forno, riso, frutta e ortaggi di stagione, marmellate e composte, salumi, miele, erbe aromatiche essiccate, formaggi caprini e vaccini e vino

Gambero Rosso, la guida dei vini premia sette aziende del territorio

Novi Ligure | Sono ben sette i vini del basso alessandrino premiati con il massimo punteggio dalla guida "Vini d'Italia" di Gambero Rosso, tra Novi, Gavi, Ovada e Tortona

Malattia e infortuni delle assistenti familiari

Economia e Lavoro | La malattia e la relativa indennità per i lavoratori domestici è regolata nel Contratto Collettivo di Lavoro Nazionale (CCLN) che, in qualità di dipendenti privati a tutti gli effetti di legge, devono rispettare le regole generali per le visite fiscali e le fasce orarie di reperibilità

Mense: "vogliamo un contratto di 4 ore". Adesione allo sciopero del 30%, eccetto Valenza

Lavoro | Una adesione allo sciopero del 30% circa dei lavoratori tra addetti alla refezione scolastica, operatori del centro cottura e al trasporto dei pasti che non ha fermato il servizio mensa. A Valenza la mancata adesione ha permesso il normale svolgimento del servizio. Sotto palazzo Rosso invece presidio a suon di fischietti e tamburi a rivendicare "4 ore di lavoro" senza le quali si fatica ad arrivare a fine mese....