Alessandria

Cambio ai vertici di Solvay, al posto di Bigini arriva Diotto

Andrea Diotto, 43 anni, dal 1° settembre è il nuovo direttore dello stabilimento Solvay di Spinetta Marengo. Lavora nel gruppo da diciassette anni, di cui gli ultimi 8 proprio a Spinetta. "Il mio obiettivo è quello di continuare a fare crescere questo sito"

ALESSANDRIA - Ci tiene alle sue radici alessandrine/piemontesi Andrea Diotto, nuovo direttore stabilimento Solvay di Spinetta Marengo. “Mio padre è di Ponti – dice – e ad Alessandria ho fatto le selezioni per il servizio di leva nella Polizia di Stato”.
Dal 1° settembre è subentrato a Stefano Bigini chiamato ad assumere il ruolo internazionale di direttore di Tecnologie di Processo e Digital Manufacturing della multinazionale, nel centro ricerca di Bollate, dopo 10 anni di direzione a Spinetta.
Una carriera tutta interna quella del neo direttore Diotto, 43 anni, coniugato e padre di due bimbi, Bianca, 4 anni e Filippo, 2.
Dopo una laurea ad ingegneria Chimica al Politecnico di Torino e una laurea parallela all'Inp di Grenoble, è entrato a far parte del gruppo Solvay nel 2001 proprio a Spinetta. “Dopo 8 mesi mi fu prospettata l'ipotesi di un trasferimento negli Stati Uniti, per due o tre anni. Ci restai 9 anni”.
Chiede poi di tornare in Italia, a Spinetta, dove torna a lavorare nel 2012 come Production Unit Manager dapprima dell’Area Elastomeri e successivamente dell’Area Fluidi.

“Tutti mi chiedevano se ero pazzo a voler tornare in Italia, proprio nel bel mezzo della crisi. Ma per me l'America è Spinetta”, dice. Perchè lo stabilimento alessandrino “è il fiore all'occhiello” del gruppo, non solo in Italia. “Qui ci sono processi produttivi unici al mondo. Basti pensare che a Spinetta lavora un terzo di tutti gli ingegneri Solvay, che ha venti stabilimenti nel mondo”, dice Diotto.
“Per me è un onore dirigere lo Stabilimento di Spinetta”, aggiunge. “Il mio obiettivo è quello di continuare a far crescere il sito di Spinetta Marengo, che è tra i più rilevanti ed innovativi del Gruppo Solvay sempre con la giusta attenzione agli aspetti di sostenibilità e integrazione nel territorio e alla crescita degli oltre 600 dipendenti Solvay che vi lavorano. Gli oltre 1.000 addetti, diretti ed indiretti, che operano nel sito e la loro eccezionale professionalità, sono per me garanzia del fatto che riusciremo a vincere le sfide che ci aspettano nel prossimo futuro”.
5/10/2018







blog comments powered by Disqus


Mancati rinnovi alla Campari, il sindacato: "Scartati quelli senza diploma"

Novi Ligure | Salgono a 21 i precari a cui non è stato rinnovato il contratto alla Campari di Novi Ligure. Per l'azienda le assunzioni erano legate ai picchi di produzione stagionale. Il sindacato: "Hanno scelto in base al titolo di studio"

Pernigotti, arriva l'advisor ma l'azienda riconferma la cessazione

Novi Ligure | Il nome dell'advisor per la Pernigotti ora c'è ma con le festività avrà poco tempo per lavorare alla reindustrializzazione della fabbrica di Novi Ligure. Per di più, l'azienda ha riconfermato la richiesta di cassa integrazione per cessazione

Terzo Valico, via libera al quinto lotto: vale 1,5 miliardi di euro

Grandi opere | Rete Ferroviaria Italiana ha consegnato una nuova tranche di lavori al Consorzio Cociv, General Contractor incaricato della progettazione e realizzazione. Oggi, mercoledì, si inaugura anche il ponte della Maddalena, tra Gavi e Carrosio. Era pronto da circa un anno

Saamo: saldati gli stipendi di novembre

Ovada  | Nell’incontro in prefettura, chiesto dai sindacati, la società si è impegnata a pagare le tredicesime entro giovedì e mantenere, per quanto possibile, la regolarità dei pagamenti nei prossimi mesi

Messa di Natale, il vescovo celebra alla Pernigotti

Novi Ligure | Non sarà in Duomo a Tortona la messa di Natale celebrata dal vescovo, bensì alla Pernigotti di Novi Ligure. "Una presenza che vuole essere un seguito del piccolo gesto che la nostra Diocesi ha avviato aprendo il conto bancario in favore dei lavoratori", ha detto monsignor Viola