Economia

Cementir acquistata da Italcementi. Saranno mantenuti i due siti di Novi e Arquata?

E' ormai ufficiale l'acquisizione da parte di Italcementi del gruppo Cementir. L'operazione era stata avviata verso la fine del 2017, ma si attendeva il via libera da parte dell'antitrust, arrivato a novembre. Lunedì il perfezionamento dell'operazione. In provincia sono due i siti, quello di Novi e quello di Arquata. I sindacati attendono il piano industriale per capire se verranno mantenuti entrambe

ECONOMIA - La notizia arriva con una nota ufficiale dal gruppo Italcementi. E' ormai ufficiale l'acquisizione da parte di Italcementi del gruppo Cementir. L'operazione era stata avviata verso la fine del 2017, ma si attendeva il via libera da parte dell'antitrust, arrivato a novembre. Ieri ilperfezionamento dell'operazione.
«Italcementi ha perfezionato l’acquisizione di tutte le attività italiane di Cementir Holding, consistenti in una struttura industriale formata da 5 cementerie a ciclo completo e 2 centri di macinazione, oltre che un network di terminal e impianti di calcestruzzo attivi sul territorio nazionale. La transazione si è conclusa a fronte di un corrispettivo di 315 milioni di euro (enterprise value, cash and debt free)», si legge nella nota ufficiale.
«La giornata di oggi segna una tappa storica per la nostra società - afferma Roberto Callieri, amministratore delegato di Italcementi -. Per la prima volta dopo molti anni, torniamo a crescere in Italia, consolidando ancora di più la nostra leadership nel mercato italiano dei materiali per le costruzioni e riaffermando il ruolo di primo piano di Italcementi nel panorama industriale nazionale», prosegue.
In provincia, Italcementi ha il sui sito di macinazione a Novi. Cementir ad Arquata Scrivia: la vicinanza dei due stabilimenti, che impiegano complessivamente una cinquantina di addetti, mette il allerta i sindacati.

«A breve ci sarà un incontro a livello nazionale in cui ci attendiamo che vengano illustrati i piani industriali per ogni singolo stabilimento», spiega Rocco Politi, segretario provinciale di Fillea Cgil. «La presenza di due impianti simili, sebbene quello di Novi sia più moderno rispetto a quello di Arquata, porta a chiederci che ne sarà della manodopera, se resteranno attivi entrambe i siti e se ci saranno le garanzie per il mantenimento dei livelli occupazionali attuali».
Entrano a far parte del gruppo Italcementi anche gli impianti di betonaggio Betontir, ex Cementir, nei cantieri del terzo valico dei Giovi di Radimenro e Castagnola.
Nella comunicazione ufficiale dell'acquisizione non c'è alcun cenno alla forza lavoro. Intanto, i dipendenti ex Cementir che erano stati dichiarati in esubero lo scorso anno, sono stati assorbiti direttamente da Cociv, consorzio per la progettazione e realizzazione del Terzo Valico. Nello stabilimento di Arquata e nei due centri di betonaggio, ne sono rimasti in forze circa venticinque. Con il finanziamento degli ultimi due lotti dell'opera e il riaffido delle gare sospese dopo l'inchiesta sui presunti appalti pilotati, i lavori per il maxi tunnel ferroviario dovrebbero riprendere a pieno regime. Italcementi e Cementir avevano ottenuto commesse per la fornitura di calcestruzzo. «Saremo vigili – conclude Politi – in attesa delle convocazioni ufficiali».
Ottimista il gruppo industriale: «A soli 18 mesi dall’ingresso di Italcementi in HeidelbergCement Group, questo nuovo investimento conferma la fiducia del Gruppo nel nostro Paese e nella nostra società. Il nostro obbiettivo - conclude Callieri - è chiaro: accelerare il ritorno, già iniziato nel 2016, alla redditività e sostenibilità del business, con una chiara ambizione sia finanziaria, sia temporale. Un percorso da attuare attraverso le necessarie sinergie, da coniugare con le nuove opportunità di mercato per i nostri prodotti, quelli tradizionali come quelli innovativi».
3/01/2018







blog comments powered by Disqus


Koster, Solero Scarl e Euroimpresa: “noi sciacalli? La nostra è l'unica proposta che può salvare Aral, creditori e lavoratori”

Alessandria | Le tre ditte creditrici di Aral si “difendono” dalle accuse di “sciacalli” per le azioni di pignoramento messe in atto e spiegano la loro proposta “impattante e inusuale” ma che è l'unica che può salvare Aral, i creditori e anche tutti i posti di lavoro con una "conversione tra quote e capitale“. Mentre l'offerta di affitto di ramo d'azienda è “antieconomica” con perdite da 100 mila euro al mese e senza speranza per i creditori di recuperare il 50%

“Aral non paga il fornitore, da mesi 17 lavoratori senza stipendio”

Alessandria | Sciopero e presidio dei lavoratori di Ressia Trasporti e Rst, fornitori di Aral: “da almeno due mesi non ricevono lo stipendio, hanno crediti non saldati per centinaia di migliaia di euro nei confronti di Aral”

"Integrazione" tra Azienda Ospedaliera e Asl Al "per offrire servizi migliori e rispondere alle esigenze"

Economia e Lavoro | L'allineamento di vedute dei due nuovi direttori di Azienda Ospedaliera, Giacomo Centini, e Asl Al, Antonio Brambilla passa attraverso la parola e l'azione di "integrazione" tra le due realtà. Una integrazione che deve portare a supportare l'alta specialità in tutte le realtà locali, attraverso la digitalizzazione, la riduzione di tempi nelle liste di attesa. Ma che deve passare anche attraverso una “riorganizzazione” che stimoli e aiuti a “ fare rete”

Basta morti sul lavoro, sindacati e Prefettura pensano ad un protocollo

Provincia | Un centinaio i manifestanti dei sindacati Cgil, Cisl e Uil davanti alla Prefettura di Alessandria in occasione dello sciopero di quattro ore proclamato per chiedere misure di sicurezza sui luoghi di lavoro. Quattro gli incidenti da inizio anno in Provincia. L'ultimo alla Sli di Vignole dove ha perso la vita un giovane di 22 anni

Il “caso” Kme discusso davanti al ministero dello Sviluppo Economico

Lavoro | Sindacati e azienda sono stati convocati il prossimo 22 giugno dal ministero dello Sviluppo Economico per esaminare il piano industriale sul futuro del gruppo industriale in Italia. I sindacati chiedono garanzie sugli ammortizzatori sociali