Economia

Cia: Gian Piero Ameglio rieletto presidente provinciale

Si apre il secondo mandato di presidenza provinciale per Gian Piero Ameglio, agricoltore e allevatore, rieletto all'unanimitÓ alla guida della rappresentanza agricola della Cia di Alessandria

 PROVINCIA - Si apre il secondo mandato di presidenza provinciale per Gian Piero Ameglio, agricoltore e allevatore, rieletto all'unanimità alla guida della rappresentanza agricola della Cia di Alessandria. L'Assemblea elettiva si è svolta nella giornata di venerdì 12 gennaio, alle ore 14 a Palazzo Monferrato, alla presenza del presidente nazionale Cia Dino Scanavino, degli agricoltori associati e dei vari delegati.

Commenta Ameglio: "Ringrazio i soci Cia che hanno confermato la loro fiducia nel mio incarico, che andrà nella direzione della prosecuzione dell'impegno verso la risoluzione dei principali problemi del mondo agricolo, due su tutti la gestione della fauna selvatica e lo snellimento burocratico, ma anche verso le opportunità che nascono sul territorio, come la collaborazione con l'Università del Piemonte Orientale, il consolidamento dei rapporti istituzionali, lo sviluppo di economie di rete e di sinergie aziendali tra associati. La Cia è un'Organizzazione viva e dinamica, staremo al passo coi tempi assecondando le esigenze, le iniziative e le segnalazioni che arrivano dai nostri imprenditori associati. Si apre un nuovo periodo dove il territorio e le nostre attività agricole saranno valorizzati e innovati, mantenendo comunque saldi i valori della tradizione".

Secondo lo Statuto della Confederazione, il Presidente deve essere un imprenditore agricolo e non dipendente del sistema CIA, rimane in carica per quattro anni e per non più di due mandati pieni e consecutivi. Tra le sue funzioni: rappresenta il sistema CIA; convoca e presiede la Giunta, la Direzione, presiede i lavori dell’Assemblea della Provincia CIA; è il rappresentante legale della Cia provinciale; firma e sottoscrive gli atti di straordinaria gestione ed amministrazione; assume, in via d’urgenza, delibere di competenza della Giunta, che sottopone poi a ratifica alla stessa. Gian Piero Ameglio resterà in carica per il quadriennio 2018/2021.
 

14/01/2018







blog comments powered by Disqus


Mense: da lunedý "tutti a tavola". E per i lavoratori (e i loro contratti)?

Alessandria | Il servizio di refezione scolastica parte lunedý 24 settembre: a fare il punto sulla questione "mense" che ha (sur)riscaldato i mesi estivi Ŕ l'assessore Straneo in occasione della presentazione del Documento unico di programmazione 2019-2021. A chiedere informazioni sulla possibilitÓ di riduzione delle tariffe Ŕ il M5S. E sul fronte occupazionale? "Quasi tutti i contratti arrivati a buon fine, per alcuni con migliorie rispetto alle indicazioni iniziali"

Il rilancio dell'edilizia passa dai "vantaggi" ottenuti con il rinnovo del contratto

UILinforma | Ecco quali sono le novitÓ e i vantaggi per i lavoratori del settore edile, apportati dal rinnovo del contratto nazionale di questa estate. A fare il punto della situazione durante il Consiglio regionale della Feneal Uil Ŕ stato il segretario nazionale, Vito Panzanella. Un quadro della situazione "drammatica" che sta vivendo la provincia Ŕ stato delineato invece dal segretario provinciale Paolo Tolu

Nuova vita per l'area di Bosco Piano grazie a Giovanni e Diletta

Borghetto Borbera | Giovanni Moro e Diletta Leale hanno presentato un progetto per la valorizzazione turistica dell'area di Bosco Piano a Borghetto Borbera, che ha ricevuto l'ok della Regione Piemonte e che si Ŕ aggiudicato un finanziamento grazie a un bando del Gal Giarolo Leader

Capannoni: nell'Ovadese 120 mila metri rimasti inutilizzati

Ovada | Secondi i dati, la cifra esatta si attesta sui 120 mila metri quadrati. Oltre al centro zona, anche gli edifici sfitti presenti nei Comuni di Tagliolo, Belforte, Capriata, Silvano e Castelletto completano una mappa in costante evoluzione

Cit, nuovi orari e confusione: la protesta arriva in municipio

Novi Ligure | Diversi utenti del Consorzio dei trasporti pubblici sono andati a protestare direttamente in municipio, a Novi Ligure, per i disservizi legati ai nuovi orari degli autobus. Anche i dipendenti del Cit sono sul piede di guerra e attendono l'incontro di lunedý in prefettura