Ovada

Commercio: incentivi dal Comune per i nuovi negozi?

In attesa dell’aggiornamento al 31 dicembre 2017 si lavora per individuare una possibile via di sostegno ai negozi della città.La proposta è arrivata dopo una serie di consultazioni con i rappresentati delle associazioni di categoria: artigiani e negozianti.

OVADA - I numeri degli ultimi anni solo in parte spiegano il travaglio del commercio al dettaglio locale che si dibatte in una crisi di sistema senza precedenti. In attesa dell’aggiornamento al 31 dicembre 2017 si lavora per individuare una possibile via di sostegno ai negozi della città. L’impulso è arrivato nella seconda serata dedicata all’approvazione del bilancio comunale. “E’ necessario investire – ha spiegato il consigliere di maggioranza, Silvana Repetto in prima persona commerciante in via San Paolo -. Il Comune pensi a contributi a fondo perduto per premiare gli investimenti fatti sulle attività o a sgravi sulle tasse”. La proposta è arrivata dopo una serie di consultazioni con i rappresentati delle associazioni di categoria: artigiani e negozianti. Primo problema: come evitare che spazi appetibili, anche all’interno del centro storico, rimangano sfitti contribuendo a peggiorare l’immagine della città.

“Troviamo una formula – ha proseguito Repetto - per incentivare gli artigiani a fare di questi locali vetrine della loro produzione. Iniziative simili sono apprezzate. Diversi anni fa il contributo per rifare le insegne aveva funzionato, ora si potrebbe pensare a qualcosa di analogo per le vetrine ”. “Stiamo verificando – spiega Giacomo Pastorino, vice sindaco con delega alle attività produttive – quale sia la strada migliore da seguire. In ogni caso sarà un provvedimento utile per tutta la città, non esclusivamente legato a un’area o al centro storico”. Allo studio c’è il bando pubblico proposto qualche tempo fa dal Comune di Novi Ligure che concede un contributo di 3 mila euro a chi è intenzionato ad aprire un’attività entro la conclusione del 2018. Sono ammesse al bando novese attività di pubblico esercizio riconducibile alla tradizione culinaria locale, produzioni alimentari tipiche artigianali riconducibili alla tradizione italiana, lavorazioni artistiche. Un’altra azione potrebbe essere fatta sui bar e i ristoranti. “In questo caso – ha proposto Repetto – perché non intervenire sui costi dei dehors, abbassando la spesa in cambio di spazi più curati e uniformi?”. Fumo negli occhi secondo parte dell’opposizione che anche giovedì scorso ha puntato il dito contro l’inerzia degli ultimi anni. “Se parliamo di ristrutturazione – ha spiegato il consigliere Giorgio Bricola, Patto per Ovada” – non si può non notare che dei dodici progetti inseriti nel piano triennale solo due sono esecutivi. E molti stanziamenti sono fermi, in attesa di realizzare lavori. E intanto le nuove Aie sono deserte, con una sola pizzeria e due case abitate. Per il centro storico è crisi nera: ristrutturare piazza Garibaldi nel 2019 deve essere una priorità”.

 

 

14/02/2018







blog comments powered by Disqus


Confindustria: vince il pessimismo all'ombra della crisi

Economia | La prima indagine congiunturale 2019 di Confindustria apre l'anno all'insegna del pessimismo. Si teme un calo di ordinativi, compensati solo in parte dall'export. Stabili investimenti ed occupazione. Su Pernigotti: "auspichiamo una svolta positiva anche se la proprietà ha dimostrato rigidità"

Sciopero trasporti: i servizi garantiti da Amag Mobilità

Alessandria | Lunedì 21 gennaio lo sciopero di 4 ore. Gli autobus del servizio urbano si fermeranno al capolinea più vicino alle 10 e riprenderanno il servizio alle 14

“Alimentare, Watson!”: Cambalache lancia un nuovo progetto di inclusione sociale

Alessandria | Un polo alimentare e opportunità di formazione e lavoro per migranti, persone con disabilità e disoccupati over 50. Gli ambiti scelti sono la panificazione, quello del miele e dell’ortofrutta

La "nuova" Aedes di patron Roveda sbarca a Piazza Affari

Economia | Una "nuova" Aedes Siiq è sbarcata in Borsa: la settimana scorsa a Milano si è tenuta la cerimonia della campanella con l'apertura delle contrattazioni per la società dell'imprenditore valborberino Giuseppe Roveda

Saldi, l'Outlet punta a raggiungere quota mezzo milione di visitatori

Serravalle Scrivia | Outlet verso quota mezzo milione. Nel centro commerciale di Serravalle Scrivia durante la prima settimana di sono passate 322 mila persone. Con il prossimo weekend,si punta a raggiungere le 500 mila presenze