Lavoro

Concorso infermieri: "tutti possono partecipare. E' un diritto inalienabile"

E' la Cisl Funzione Pubblica Alessandria e Asti a mettere i "puntini sulle i" dopo aver ricevuto diverse segnalazioni di infermieri, quasi tutti già impiegati nel settore privato-socioassistenziale-cooperative, per sapere se è corretto che il proprio datore di lavoro ostacoli la partecipazione al concorso pubblico indetto a Casale Monferrato il 2 marzo. " la partecipazione a un concorso è un diritto inalienabile di cui nessuno può privarli"

 LAVORO - "La partecipazione a un concorso pubblico è un diritto inalienabile di cui nessuno può privare i lavoratori". Queste le parole, a sentenza, della Cisl Funzione Pubblica Alessandria e Asti dopo che fanno riferimento alle segnalazioni ricevute dal sindacato da parte della categoria professionale degli infermieri.

Sembra infatti che moltissimi infermieri, quasi esclusivamente già impiegati nel settore privato-socioassistenziale-cooperative, abbiamo contattato il sindacato per sapere se è corretto che il proprio datore di lavoro ostacoli la partecipazione al concorso pubblico per l’ assunzione di Infermieri per l’ASL di Alessandria, l’ASL di Asti e l’Azienda Ospedaliera di Alessandria, che avrà luogo il 2 marzo a Casale Monferrato. Che si prepara ad un assalto di oltre 2000 candidati, dove al termine delle prove scritte e di quella orale, sarà creata una "graduatoria" alla quale le aziende sanitarie potranno attingere anche nei prossimi anni. 

L'invito della Cisl Fp è quindi per tutti gli interessati a non rinunciare a questo diritto, mettendosi a disposizione per consulenza nella richiesta al proprio datore di lavoro "affinché nessuno quel giorno rinunci a partecipare al concorso pubblico, che significherebbe perdere una opportunità per il futuro per tanti infermieri della nostra provincia".

Per maggiori informazioni o consulenze è possibile rivolgersi alla Cisl nella sede di Alessandria in via Tripoli 14 o nella sede di Asti in via XX Settembre 10. Oppure scrivere alla mail fp.alessandria.asti@cisl.it
17/02/2019







blog comments powered by Disqus


Dalla piemontese Laica agli indiani Chandaria: ecco chi vuole Pernigotti

Novi Ligure | Dalla Laica di Arona al fondo della famiglia indiana Chandaria: sono 13 le manifestazioni di interesse arrivate, di cui 5 ritenute serie. Ma i turchi non vogliono vendere il marchio. E Di Maio annuncia la "terza" Legge Pernigotti

Produzione industriale in provincia: con +2,8% è il miglior dato in Piemonte

Economia | Nel quarto trimestre 2018 è stata la media industria a trainare, in particolare l'industria chimica. Bassi gli investimenti senza sfruttare gli incentivi a disposizione. Poca innovazione e ricerca e sviluppo interna all'azienda

Auto elettriche, nuova colonnina sul Lungo Tanaro

Alessandria | L'apparecchio installato al distributore del metano di Amag. Il presidente Paolo Arrobbio: “La mobilità elettrica è il futuro del trasporto su gomma, soprattutto a livello urbano, poiché consente di abbinare risparmio e rispetto dell’ambiente”

Saamo, prosegue il muro contro muro: è scontro anche sul weekend

Ovada  | Resta tesa la situazione di Saamo, la società di trasporto pubblico dei Comuni dell’Ovadese da tempo in crisi di liquidità, che vede i sindacati decisi a ottenere dalla proprietà garanzie per tutelare i diritti dei lavoratori in caso l’azienda fosse venduta

Pernigotti, l'advisor cerca aziende interessate ma la proprietà vende la gelateria

Novi Ligure | Tre aziende sono interessate alla reindustrializzazione dello stabilimento di Novi Ligure, sia nel comparto cioccolato che in quello della gelateria. Ma la proprietà della Pernigotti va verso la vendita separata