Provincia

Decolla l'export alessandrino: +18% rispetto al 2016

Il dato dei primi nove mesi 2017 rispetto ai primi nove mesi del 2016 è +18,3%, pari a 800 milioni di export in più. Il dato è superiore alla media regionale (+8,9%) e nazionale (+7,3%)

PROVINCIA - Nei primi nove mesi del 2017 il valore delle esportazioni alessandrine ha raggiunto quota 4,9 miliardi di euro, confermando la formidabile crescita già radicata nei primi sei mesi dell’anno. Il dato dei primi nove mesi 2017 rispetto ai primi nove mesi del 2016 è +18,3%, pari a 800 milioni di export in più. Il dato è superiore alla media regionale (+8,9%) e nazionale (+7,3%).

La prima esportazione alessandrina, gioielleria e pietre preziose, registra un valore di 1,6 miliardi di euro (circa 1/3 dell’export manifatturiero totale); l’export di questa produzione è in crescita del 37% rispetto ai primi nove mesi del 2016: oltre 400 milioni di euro di esportazione in più. Il saldo della bilancia commerciale estero è positivo: + 2 miliardi di euro. La nostra provincia esporta per il 97% prodotti delle attività manifatturiere, e principalmente: gioielleria e pietre preziose, prodotti chimici, prodotti della siderurgia, metalli di base preziosi, articoli in materie plastiche (queste voci compongono quasi il 60% dell’export manifatturiero – cfr. tabella 1). Svizzera, Francia e Germania restano i principali mercati (insieme accolgono oltre il 50% dell’export provinciale). 























“Primi in Piemonte”, commenta Gian Paolo Coscia, Presidente della Camera di Commercio di Alessandria. “Un dato che a fine anno consolida gli ottimi risultati dei primi sei mesi del 2017, divenendo, auspichiamo, un augurio per il 2018 e una promessa di prosecuzione di impegno e serio lavoro. Un grazie alle nostre aziende, che non hanno mai smesso di credere e di lavorare a testa bassa, in questi anni difficili e pieni di cambiamenti”.
23/12/2017







blog comments powered by Disqus


Koster, Solero Scarl e Euroimpresa: “noi sciacalli? La nostra è l'unica proposta che può salvare Aral, creditori e lavoratori”

Alessandria | Le tre ditte creditrici di Aral si “difendono” dalle accuse di “sciacalli” per le azioni di pignoramento messe in atto e spiegano la loro proposta “impattante e inusuale” ma che è l'unica che può salvare Aral, i creditori e anche tutti i posti di lavoro con una "conversione tra quote e capitale“. Mentre l'offerta di affitto di ramo d'azienda è “antieconomica” con perdite da 100 mila euro al mese e senza speranza per i creditori di recuperare il 50%

“Aral non paga il fornitore, da mesi 17 lavoratori senza stipendio”

Alessandria | Sciopero e presidio dei lavoratori di Ressia Trasporti e Rst, fornitori di Aral: “da almeno due mesi non ricevono lo stipendio, hanno crediti non saldati per centinaia di migliaia di euro nei confronti di Aral”

"Integrazione" tra Azienda Ospedaliera e Asl Al "per offrire servizi migliori e rispondere alle esigenze"

Economia e Lavoro | L'allineamento di vedute dei due nuovi direttori di Azienda Ospedaliera, Giacomo Centini, e Asl Al, Antonio Brambilla passa attraverso la parola e l'azione di "integrazione" tra le due realtà. Una integrazione che deve portare a supportare l'alta specialità in tutte le realtà locali, attraverso la digitalizzazione, la riduzione di tempi nelle liste di attesa. Ma che deve passare anche attraverso una “riorganizzazione” che stimoli e aiuti a “ fare rete”

Basta morti sul lavoro, sindacati e Prefettura pensano ad un protocollo

Provincia | Un centinaio i manifestanti dei sindacati Cgil, Cisl e Uil davanti alla Prefettura di Alessandria in occasione dello sciopero di quattro ore proclamato per chiedere misure di sicurezza sui luoghi di lavoro. Quattro gli incidenti da inizio anno in Provincia. L'ultimo alla Sli di Vignole dove ha perso la vita un giovane di 22 anni

Il “caso” Kme discusso davanti al ministero dello Sviluppo Economico

Lavoro | Sindacati e azienda sono stati convocati il prossimo 22 giugno dal ministero dello Sviluppo Economico per esaminare il piano industriale sul futuro del gruppo industriale in Italia. I sindacati chiedono garanzie sugli ammortizzatori sociali