Economia

È attiva l’APe Sociale scuola 2018

Il Miur (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca) ha reso disponibile “l’APe Sociale Scuola 2018” per la cessazione dal servizio dal 1 settembre 2018 per il personale docente, personale ATA e dirigente scolastico. Ecco chi sono i lavoratori del comparto scuola che hanno diritto a richiedere l’APe Sociale

 ECONOMIA - Con nota n. 7673 dell’8 febbraio 2018 il Miur (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca) ha reso disponibile “l’APe Sociale Scuola 2018” per la cessazione dal servizio dal 1 settembre 2018 per il personale docente, personale ATA e dirigente scolastico. Attualmente i lavoratori del comparto scuola che hanno diritto a richiedere l’APe Sociale sono:
  • lavoratori che assistono, al momento della richiesta e da almeno 6 mesi, il coniuge o un parente di primo grado convivente con handicap grave, ai sensi della Legge 104 (la legge di Bilancio 2018 ha esteso questa possibilità anche a chi assiste un familiare di secondo grado convivente con handicap grave) per questa categoria di lavoratori l’APe Sociale richiede un minimo di 30 anni di contributi;
  • lavoratori che possiedono un’invalidità uguale o superiore al 74%, anche per questa categoria di lavoratori è richiesto un minimo di 30 anni di contributi;
  • professori di scuola pre-primaria (scuola dell’infanzia, asili nido) che abbiano esercitato l’attività gravosa per almeno 6 anni nell’ultimo settennio, per questa categoria di lavoratori è richiesto un minimo di 36 anni di contributi.
L’Inps ha precisato che nel requisito contributivo utile all’APe Sociale, pari a 30 o 36 anni, possono essere inclusi i contributi per il lavoro all’estero in Paesi europei o convenzionati con l’Italia purchè il lavoratore ne chieda la totalizzazione. Per gli interessati è prevista la permanenza in servizio sino al 31 agosto 2018, dovranno restare in servizio anche coloro che hanno maturato i requisiti per l’Ape sociale dal maggio 2017. Probabilmente la permanenza in servizio fino al 31 agosto 2019 sarà per coloro che maturano i requisiti per l’APe Sociale nel 2018.

Come presentare la domanda APe Sociale scuola 2018? Chi ha già presentato domanda all’Inps di certificazione dei requisiti per l’APe Sociale e ha ricevuto risposta positiva per avere diritto all’anticipo pensionistico deve inviare domanda cartacea di cessazione dal servizio all’istituzione scolastica di riferimento, se docente o personale ATA, all’USR di riferimento se dirigente scolastico.

Si precisa che l’APe Sociale è un assegno mensile, a carico dello Stato, che può essere richiesto a partire dai 63 anni di età e che sostiene il lavoratore fino al perfezionamento del requisito di età per la pensione di vecchiaia (dal 2018 pari a 66 anni e 7 mesi, dal 2019 pari a 67 anni). L’assegno è uguale alla futura pensione, ma non può superare 1.500,00 euro mensili e può essere percepito per una durata massima di 3 anni e 7 mesi. Possono accedere all’APe Sociale i lavoratori che, al momento della domanda abbiano già compiuto 63 anni e che siano, o siano stati, iscritti all’assicurazione generale obbligatoria, alle forme sostitutive ed esclusive della stessa, o alla gestione separata Inps, purchè cessino l’attività lavorativa e non siano già titolari di pensione diretta. I beneficiari dell’APe Sociale devono possedere almeno 30 anni di contributi, se invalidi dal 74% in su, caregiver o disoccupati, 36 anni se appartenenti alla categoria degli addetti ai lavori gravosi. Le donne possono avere per ogni figlio uno sconto di un anno sino a un massimo di 2.

Nella provincia di Alessandria sono presenti i seguenti sportelli del Patronato ACLI presso cui è possibile rivolgersi per ulteriori informazioni:

Sede Provinciale di ALESSANDRIA
Via Faà di Bruno 79 -15121 Alessandria
Tel. 0131/25.10.91

Sede Zonale di CASALE MONFERRATO

Via Mameli, 65 -15033 Casale Monferrato
Tel. 0142/41.87.11 - Cell. 366.54.93.82

Sede Zonale di TORTONA
Via Emilia 244 -15057 Tortona
Tel. 0131/81.21.91 - Cell. 333.29.94.285

Sede Zonale di NOVI LIGURE
Via P. Isola 54/56 -15067 Novi Ligure
Tel. 0143/74.66.97 - Cell. 331.57.46.362

Segretariato Sociale di VALENZA
c/o Comunità Parrocchiale
Via Pellizari 1 -15048 Valenza
Tel. 0131/94.34.04 – Cell. 392.70.51.519

Segretariato Sociale di ACQUI TERME
Via Nizza 60/B - 15011 Acqui Terme
Tel. 349.97.54.687
10/03/2018







blog comments powered by Disqus


Mense: "critiche sulla quantità e qualità del servizio ". Ma è un periodo di "transizione"...

Alessandria | Il confronto con Cgil e Uil, i consiglieri comunali, l'amministrazione comunale e le aziende che operano nel servizio c'è stato in commissione consiliare. Dalla direttrice di esecuzione del Comune la conferma "di segnalazioni su quantità e qualità del servizio, o ritardo nella consegna pasti". Le iscrizioni sono in calo dell'11%. Ma dalle aziende rassicurazioni sul controllo e sull'attenzione per la "qualità degli alimenti e delle derrate"

Licenziamento senza un motivo, che tipo di indennizzo?

Economia e Lavoro | Cosa può fare un lavoratore quando viene licenziato senza un motivo, ovvero in caso di licenziamento illegittimo? Quali passi fare per opporsi al licenziamento e soprattutto ha diritto a un indennizzo?

Idee-are: idee di ricerca e innovazione

Fondazione SociAL | Il contributo massimo erogabile per ogni idea di ricerca selezionata e che si svilupperà in un progetto, è di 70.000 euro oneri fiscali inclusi. La presentazione delle proposte avverrà in due fasi. Nella prima fase, con scadenza alle ore 12 del 31 gennaio 2019

Il miele migliore? Per Aspromiele è ancora quello di Corrado e Gabriele

Novi Ligure | Medaglia d'oro al convegno annuale Aspromiele per il miele d'acacia di Corrado Cassano e Gabriele Masucco, che nel 2017 avevano vinto il primo premio assoluto. Premi anche per diversi apicoltori di Novi, Bosio, Castelletto, Fresonara, Gavi, Grondona, Molare, Pozzolo e Voltaggio

Terzo Valico, Toninelli annuncia: andrà avanti

Grandi opere | Il ministro per le Infrastrutture Danilo Toninelli il Terzo Valico “non può che andare avanti”. Un eventuale recesso costerebbe circa 1,2 miliardi di Euro, a fronte di 1.5 miliardi già spesi, su un costo compressivo di 6,2. “Sarebbe uno spreco di risorse pubbliche”. Ma avverte: binari devono arrivare fin dentro il porto di Genova e bisogna poi rendere pienamente operativo lo snodo retroportuale di Alessandria