Economia e lavoro

Entro sei mesi la nascita della Camera di Commercio di Alessandria-Asti

A via la stagione degli accorpamenti: la nuova Camera avrà la sede legale ad Alessandria e sedi operative ad Alessandria e Asti. Il commissario ad acta nominato dal Ministro per l’accorpamento è il segretario generale della Camera alessandrina Roberto Livraghi

ECONOMIA - Un decreto firmato dal ministro Carlo Calenda il 16 febbraio e registrato alla fine del mese scorso, in questi giorni in pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, ha rimesso in moto il cammino di riforma delle Camere di commercio italiane. Come è ormai chiarito da tempo (ma adesso siamo proprio all’ufficialità) uno dei diciotto accorpamenti previsti dalla riforma riguarda le Camere di Alessandria e di Asti, destinate a dar vita entro il prossimo mese di settembre a un nuovo ente. La nuova Camera di Commercio avrà la sede legale ad Alessandria e si avvarrà delle due sedi operative di Alessandria e di Asti.

Qualche giorno prima delle elezioni, il Governo uscente ha voluto ripartire da dove si era fermato dopo la sentenza della Corte Costituzionale di novembre 2017, che aveva evidenziato una carenza nella norma di avvio degli accorpamenti, mentre alcune Regioni avevano presentato ricorsi su vari aspetti del progetto. Tutti questi problemi sono stati superati, confermando la volontà del Governo di portare a conclusione la riforma in tempi brevi e senza altre indecisioni.

Il 1° marzo scorso il commissario ad acta nominato dal Ministro per l’accorpamento, il segretario generale della Camera alessandrina Roberto Livraghi, ha pubblicato il bando che ha avviato le procedure di formazione del consiglio del nuovo ente. Il consiglio resterà in carica per il quinquennio 2018-2023. Il bando è presente sia nell’albo camerale della Camera di commercio di Alessandria che nei siti delle due Camere di Commercio. Da quel momento sono scattati i 40 giorni di tempo che le associazioni di categoria delle province di Alessandria e Asti hanno a disposizione per fornire i dati dei propri iscritti e altre indicazioni utili a calcolarne la rappresentatività. In questo stesso lasso temporale, ovvero fino al 10 aprile, è anche possibile per le associazioni decidere se e con chi apparentarsi per partecipare all’assegnazione dei seggi in Consiglio. Poi il commissario, dopo i necessari controlli, il 10 maggio trasmetterà questa documentazione in Regione ed entro la metà di settembre il presidente della Giunta regionale dovrà aver nominato i 33 componenti del consiglio della nuova Camera di commercio Alessandria-Asti.

“Ha inizio davvero una nuova stagione - ha dichiarato il presidente Gian Paolo Coscia - in cui siamo chiamati a costruire qualcosa di veramente efficace e nuovo. Non ho condiviso tutti i passaggi di questa riforma, che le Camere hanno subito più che aver contribuito a definire. Ma al tempo stesso, in pochi anni lo scenario aggressivo nei confronti dei nostri enti è fortemente cambiato e ora ci possiamo interrogare serenamente con le rappresentanze di categoria e gli altri corpi intermedi su quali siano le scelte più utili per sostenere una prima, timida ripresa che l’economia del Paese sembra attraversare e che si affaccia qua e là anche dalle nostre parti. La sfida di dar vita a un’unica economia locale che, senza dimenticare le particolarità dei due ambiti provinciali, possa muoversi in termini di sistema, è una prova davvero impegnativa e piena di incognite”.

Nella stessa data del 1° marzo il Commissario ad acta ha anche approvato la norma statutaria, consistente in un unico articolo, il primo del futuro statuto della nuova Camera di Commercio: la norma fissa il numero dei membri del Consiglio e ne stabilisce il peso settoriale, suddiviso tra Agricoltura, Artigianato, Commercio, Industria, Cooperative, Servizi alle imprese, Trasporti, Turismo, Credito e Assicurazioni, Liberi professionisti, Organizzazioni dei lavoratori e Associazioni dei Consumatori.

“Si tratta – ha dichiarato Roberto Livraghi – di un passaggio di rilevanza storica. Dopo 155 anni di esistenza la Camera di Commercio di Alessandria vive un cambiamento radicale. L’ultimo commissario, Cristoforo Ponzano, era stato nominato dal Governo quasi cent’anni fa, nel 1924, per curare la trasformazione della Camera di Commercio ed Arti in Consiglio Provinciale dell’Economia. Durante i vent’anni di organizzazione corporativa era anche stato deciso – nel 1935 – il distacco della Camera di Asti a seguito della costituzione della nuova provincia. Adesso il territorio viene riunificato in un momento particolare, caratterizzato da una grande confusione istituzionale, perché il destino delle Province è sempre sub judice. Sembra già importante che, perlomeno, il disegno di riforma delle Camere piemontesi coincida con quello delle “aree vaste” voluto dalla Regione Piemonte”.

Come detto, le procedure previste dal decreto, a norma di legge, si devono concludere entro 180 giorni dalla data di pubblicazione dello stesso. Nel frattempo, gli organi delle Camere di Commercio di Alessandria e di Asti continueranno a esercitare normalmente tutte le loro funzioni fino al giorno dell’insediamento del consiglio della nuova Camera di commercio.
13/03/2018







blog comments powered by Disqus


La nebbia blocca i ladri, Ascom 'spinge' sul sistema antintrusione

Alessandria | Ascom offre convenzione per i propri associati in fatto di sicurezza e vigilanza. Tra i dispositivi più efficaci, il nebbiogeno, particolarmente adatto per i commercianti

Poste, rebus sulle assunzioni e stabilizzazioni

Provincia | In provincia di Alessandria mancano almeno trenta porta lettere, ma l'azienda, dicono i sindacati, non ha intenzione di procedere con nuove assunzioni o di stabilizzare i precari. Cgil, Cisl e Uil chiedono come Poste Italiane intenda garantire gli standard qualitativi del servizio

Il Monferrato doc Nebbiolo è realtà

Provincia | Sono 600 gli ettari potenzialmente destinabili a Monferrato doc Nebbiolo e oltre 500 le aziende interessate da questa possibilità legislativa

Iperdì, i lavoratori scendono in strada: "A rischio mille famiglie"

Novi Ligure | I dipendenti del supermercato Iperdì di Novi Ligure sono scesi in strada questa mattina. Con la crisi del gruppo Cga Generalmarket ci sono un migliaio di posti di lavoro a rischio

Iperdì, manifestano i dipendenti. Intanto si apre un tavolo nazionale

Novi Ligure | Si preparano a manifestare i lavoratori dell'Iperdì di Novi Ligure rimasti senza stipendio. La crisi dell'azienda intanto è arrivata anche al Mise. Fabrizio Gallo (M5s): "Bene l'apertura del tavolo nazionale, c'era il rischio che la trattativa rimanesse confinata alla Lombardia"