Novi Ligure

Fallimenti in diminuzione: ma l'economia paga ancora la crisi

Diminuisce il numero dei fallimenti in provincia di Alessandria. L'anno scorso erano stati 134, nel 2017 "solo" 91. Novi Ligure, con i suoi 11 fallimenti, si pone a metà della poco invidiabile classifica sui centri più colpiti. Imprese fallite anche ad Arquata Scrivia, Borghetto Borbera, Gavi, Sardigliano, Stazzano e Vignole

NOVI LIGURE – Diminuisce il numero dei fallimenti in provincia di Alessandria. L’anno scorso erano stati 134, nel 2017 “solo” 91. Il picco era stato raggiunto nel 2015, con 146 fallimenti dichiarati. Una piccola inversione di tendenza, ma siamo ancora lontani dai tempi precedenti alla crisi economica (dieci anni fa i fallimenti erano stati 23). Un segnale in chiaroscuro, dunque: l’economia alessandrina va verso il consolidamento, ma a passo lentissimo, e forse a far diminuire il numero dei fallimenti è stata anche la desertificazione del tessuto produttivo avvenuta dal 2008 a oggi. A dichiarare il fallimento sono soprattutto le ditte di minori dimensioni: è stata la piccola e media impresa a pagare di più il costo della crisi.

Novi Ligure, con i suoi 11 fallimenti, si pone a metà della poco invidiabile classifica sui centri più colpiti, elaborata dalla Camera di Commercio. Le dichiarazioni di fallimento hanno colpito soprattutto Alessandria (22) e Tortona (18), di meno Casale Monferrato (10), Valenza (3) e Ovada (1). A Novi Ligure sono state dichiarate fallite Alfim srl, Amico Camper, Arti e Progetti srl, Bergamin sas di Andrea Bergamin & C., Forme d’interni sas di Roberto Milanese & C., Baglietto sas di Francesco Baglietto & C., Postitaly 2.1 srl, Raimondo Giuseppe Paolo (impresa individuale), Sic Lazaro Italy srl, Tipografia Sociale snc di Boveri & C., Trans Maverick srl.

Altri fallimenti ad Arquata Scrivia (Oliva Fruit sas di Giacomo Oliva), Borghetto Borbera (Inerwood srl), Gavi (Dameri srl), Sardigliano (Brancato Autotrasporti snc di Serafino e Mario Brancato), Stazzano (Slc srl) e Vignole Borbera (Ri.Ri Italia).
29/12/2017







blog comments powered by Disqus


Koster, Solero Scarl e Euroimpresa: “noi sciacalli? La nostra è l'unica proposta che può salvare Aral, creditori e lavoratori”

Alessandria | Le tre ditte creditrici di Aral si “difendono” dalle accuse di “sciacalli” per le azioni di pignoramento messe in atto e spiegano la loro proposta “impattante e inusuale” ma che è l'unica che può salvare Aral, i creditori e anche tutti i posti di lavoro con una "conversione tra quote e capitale“. Mentre l'offerta di affitto di ramo d'azienda è “antieconomica” con perdite da 100 mila euro al mese e senza speranza per i creditori di recuperare il 50%

“Aral non paga il fornitore, da mesi 17 lavoratori senza stipendio”

Alessandria | Sciopero e presidio dei lavoratori di Ressia Trasporti e Rst, fornitori di Aral: “da almeno due mesi non ricevono lo stipendio, hanno crediti non saldati per centinaia di migliaia di euro nei confronti di Aral”

"Integrazione" tra Azienda Ospedaliera e Asl Al "per offrire servizi migliori e rispondere alle esigenze"

Economia e Lavoro | L'allineamento di vedute dei due nuovi direttori di Azienda Ospedaliera, Giacomo Centini, e Asl Al, Antonio Brambilla passa attraverso la parola e l'azione di "integrazione" tra le due realtà. Una integrazione che deve portare a supportare l'alta specialità in tutte le realtà locali, attraverso la digitalizzazione, la riduzione di tempi nelle liste di attesa. Ma che deve passare anche attraverso una “riorganizzazione” che stimoli e aiuti a “ fare rete”

Basta morti sul lavoro, sindacati e Prefettura pensano ad un protocollo

Provincia | Un centinaio i manifestanti dei sindacati Cgil, Cisl e Uil davanti alla Prefettura di Alessandria in occasione dello sciopero di quattro ore proclamato per chiedere misure di sicurezza sui luoghi di lavoro. Quattro gli incidenti da inizio anno in Provincia. L'ultimo alla Sli di Vignole dove ha perso la vita un giovane di 22 anni

Il “caso” Kme discusso davanti al ministero dello Sviluppo Economico

Lavoro | Sindacati e azienda sono stati convocati il prossimo 22 giugno dal ministero dello Sviluppo Economico per esaminare il piano industriale sul futuro del gruppo industriale in Italia. I sindacati chiedono garanzie sugli ammortizzatori sociali