Finanziamenti Europei

Dall'Europa un sostegno ai costi di transazione per il finanziamento delle imprese sociali

La sovvenzione è rivolta a intermediari finanziari che effettuano investimenti a lungo termine in capitale di rischio in operazioni di taglia inferiore a 500 000 EUR sotto forma di finanziamenti equity, quasi-equity o ibridi (cfr. il glossario nell'allegato II) a imprese sociali nei paesi partecipanti a EaSI7

FINANZIAMENTI EUROPEI - Il programma europeo per l'occupazione e l'innovazione sociale (EaSI) 2014-20202 è uno strumento di finanziamento a livello europeo gestito direttamente dalla Commissione europea che concorre all'attuazione della strategia Europa 2020 fornendo un sostegno finanziario per la realizzazione degli obiettivi dell'Unione per quanto riguarda la promozione di un elevato livello di occupazione sostenibile e di qualità, la garanzia di un'adeguata e dignitosa protezione sociale, la lotta contro l'esclusione sociale e la povertà e il miglioramento delle condizioni di lavoro.

Il programma EaSI, nell'insieme dei suoi assi e delle sue azioni, si propone di:
a) prestare un'attenzione particolare ai gruppi vulnerabili, quali i giovani;
b) promuovere la parità tra uomini e donne;
c) combattere le discriminazioni fondate sul sesso, la razza o l'origine etnica, la religione o le convinzioni personali, la disabilità, l'età o le tendenze sessuali;
d) promuovere un elevato livello di occupazione sostenibile e di qualità, garantire una protezione sociale adeguata e dignitosa, combattere la disoccupazione a lungo termine e lottare contro la povertà e l'esclusione sociale.

Di conseguenza, in fase di progettazione, attuazione e rendicontazione dell'attività, i beneficiari devono affrontare le suddette questioni e nella relazione finale di attività dovranno fornire dettagli sui progressi e sui risultati conseguiti nella realizzazione degli obiettivi summenzionati.

Obiettivo

L'obiettivo dell'invito è di testare un programma di sostegno ai costi di transazione sotto forma di sovvenzione da aggiungere agli strumenti finanziari come mezzo per affrontare lo squilibrio di dimensioni necessarie e sostenibili delle operazioni. Più specificamente, esso mira a incentivare gli investimenti in capitale di rischio inferiori a 500 000 EUR, che altrimenti non verrebbero effettuati.
La sovvenzione è rivolta a intermediari finanziari che effettuano investimenti a lungo termine in capitale di rischio in operazioni di taglia inferiore a 500 000 EUR sotto forma di finanziamenti equity, quasi-equity o ibridi (cfr. il glossario nell'allegato II) a imprese sociali nei paesi partecipanti a EaSI7. Scopo della sovvenzione è ridurre i costi di transazione per tali operazioni di investimento contenute e contribuire così a superare un fallimento di mercato nell'ambito del mercato dei finanziamenti alle imprese sociali.

Tipologia di azioni ammesse a finanziamento
Nel quadro del presente invito a presentare proposte, possono essere finanziate attività relative alla preparazione, conclusione e seguito di investimenti a lungo termine in capitale di rischio in imprese sociali.
Tali attività possono includere:
 i viaggi per incontrare i (potenziali) beneficiari dell'investimento;
 l'esame e la selezione delle domande di investimento;
 la preparazione degli atti giuridici, eventualmente con la consulenza di un legale;
 l'esercizio della dovuta diligenza, inclusa la valutazione del (potenziale) impatto;
 la messa a punto di quanto necessario per assicurare prontezza degli investimenti, capacità di ridimensionamento o sostegno alla ristrutturazione aziendale;
 il coinvolgimento di altri investitori;
 la gestione degli investimenti e il monitoraggio dell'impatto sociale.
Gli investimenti a lungo termine in capitale di rischio possono essere effettuati sotto forma di finanziamenti equity, quasi-equity o ibridi (cfr. il glossario nell'allegato II) per un massimo di EUR 500 000 a investimento.
Per quanto riguarda i beneficiari dell'investimento, si applicano le seguenti condizioni:
 i beneficiari dell'investimento selezionati devono essere imprese sociali ai sensi del regolamento EaSI (cfr. il glossario nell'allegato II per la definizione e l'allegato III per i requisiti dettagliati);
 le imprese sociali devono essere istituite / in fase di istituzione e attive in uno o più paesi partecipanti a EaSI (cfr. la sezione 6.1);
 le imprese sociali devono avere un fatturato annuo che non supera i 30 milioni di EUR, oppure un totale di bilancio annuo che non supera i 30 milioni di EUR e non devono essere a loro volta organismi di investimento collettivi.

Il sostegno ai costi di transazione richiesto non deve superare il 10 % del bilancio totale destinato agli investimenti in imprese sociali.

Per essere ammissibile, il richiedente (singolo o principale e partner) deve essere:
1. un fondo di investimento, un fondo di fondi, una società veicolo, in qualsiasi forma, istituiti o in fase di istituzione.
In tal caso, sono previste due opzioni:
 può presentare domanda il soggetto di diritto del fondo di investimento, del fondo di fondi o della società veicolo;
 oppure, può presentare domanda il (futuro) gestore del fondo di investimento, del fondo di fondi o della società veicolo (istituiti o in fase di istituzione).
Per evitare dubbi, il (futuro) gestore deve già essere un soggetto di diritto istituito e registrato al momento della presentazione della domanda;
2. un organismo di (co)investimento in qualsiasi forma (inclusi conti gestiti e altri tipi di accordi contrattuali) istituito o in fase di istituzione.
In tal caso, devono presentare domanda o il (futuro) gestore dell'organismo di (co)investimento / dei conti gestiti, oppure le parti (consorziate) dei (futuri) accordi contrattuali.
Il (futuro) gestore o le parti dei (futuri) accordi contrattuali devono già essere soggetti di diritto istituiti e registrati al momento della presentazione della domanda;
3. una fondazione.

Termine per la presentazione delle proposte
15/04/2018

Titolo - Programma per l'occupazione e l'innovazione sociale (2014-2020) – Programma EaSI
Sostegno ai costi di transazione per il finanziamento delle imprese sociali
INVITO A PRESENTARE PROPOSTE VP/2017/013

link al bando in originale
http://ec.europa.eu/social/main.jsp?catId=629&langId=en&callId=518&furtherCalls=yes
per info:
Lamoro scarl
Via Leopardi, 4 14100 Asti
info@lamoro.it
0141 532516
 
20/12/2017







blog comments powered by Disqus


Lercaro: vertice sindaci - sindacati

Ovada | Come assicurare continuità alla Casa di riposo. La Cisl prosegue con la proposta di farne punto di riferimento per la non autosufficienza in attesa di dettagliare meglio

Politica e protezionismo spaventano gli industriali: "Che farà il Governo?"

Alessandria | Luci ed ombre sulle previsioni delle industrie piemontesi. In provincia la situazione, per certi versi, non è così negativa. Ma tutti temono i dazi e le conseguenti ripercussioni sull'export - unica grande speranza delle produzioni -, in attesa che il Governo palesi la linea che vorrà seguire

Nuove autostrade per aiutare la logistica, il piano di Confindustria

Alessandria | La logistica pare essere l'unica carta vincente per la provincia di Alessandria. Confindustria ha incontrato i consiglieri regionali e i parlamentari (non tutti) per parlare del polo della Valle Scrivia, di nuove uscite autostradali, della cassa integrazione in scadenza. E pure dell'alluvione del '94

Pensioni: mese di luglio e la quattordicesima

Provincia | Per i pensionati italiani la rata della pensione di luglio è più ricca delle altre mensilità perché, da circa dieci anni, in questo mese l’Inps, oltre alla cifra ordinaria, riconosce anche la somma aggiuntiva, meglio conosciuta come “quattordicesima” mensilità dei pensionati

Unica offerta per la Borsalino: dieci milioni da Philippe Camperio

Alessandria | Un solo interessato, lo svizzero Camperio che fin dall'inizio gli aveva messo gli occhi addosso, affittando il marchio. Il fallimento si conclude sette mesi dopo: fatti salvi improbabili colpi di scena il cappellificio passerà completamente (brand e stabilimento) alla Haeres Equita