Finanziamenti Europei

Dall'UE un fondo per sostenere progetti per l'integrazione

Il bando è rivolto a enti pubblici e a enti non-profit, nonché a organizzazioni internazionali. La misura scade a marzo 2018

FINANZIAMENTI EUROPEI - Nell’ambito del Fondo Asilo, migrazione e integrazione (FAMI) è stato pubblicato il bando 2017 per il sostegno a progetti nel campo dell'integrazione di cittadini di Paesi terzi.
Potranno essere finanziati progetti transnazionali riguardanti le seguenti priorità (ciascuna proposta deve focalizzarsi su una sola priorità):

Priorità 1. Sensibilizzazione sul contributo dei migranti alle società dell’UE (budget disponibile: 5.000.000 euro)
Obiettivi:
- sostenere progetti mirati ad evidenziare il contributo positivo che i migranti possono apportare alle nostre società;
- comunicare fatti reali/veritieri sull’integrazione dei migranti;
- combattere gli stereotipi che riguardano i cittadini di Paesi terzi;
- contribuire a dare voce ai cittadini di Paesi terzi nel dibattito pubblico riguardante la migrazione e l’integrazione.

Priorità 2. Community building a livello locale per l’integrazione, anche attraverso attività di volontariato (budget disponibile: 5.000.000 euro)
Obiettivi:
- sostenere attività per la creazione di comunità volte a favorire l’integrazione dei cittadini di Paesi terzi a livello locale;
- promuovere scambi a livello locale tra cittadini di Paesi terzi e cittadini dei Paesi ospitanti;
- creare partnership e promuovere la cooperazione tra tutti gli attori coinvolti nella promozione dell’integrazione a livello di comunità.
I progetti in questo ambito possono includere una componente di volontariato che impegni sia cittadini UE che di Paesi terzi. In questo senso possono essere realizzate sinergie anche con il Corpo europeo di Solidarietà.

Priorità 3. Sostegno pre-partenza e post-arrivo per le persone bisognose di protezione internazionale che vengono reinsediate da un Paese terzo, anche attraverso attività di volontariato (budget disponibile: 3.430.000 euro)
Obiettivi:
- sostenere attività pre-partenza mirate a preparare i cittadini di Paesi terzi alla vita nel nuovo Paese ospitante e alla gestione delle aspettative;
- sostenere attività post-arrivo, soprattutto basate sulle attività pre-partenza, che garantiscano la prima accoglienza e consentano l’effettiva integrazione delle persone reinsediate;
- sostenere lo sviluppo di capacità nelle comunità di accoglienza, anche attraverso la promozione di una cooperazione strutturata fra attori nazionali, regionali e locali (autorità pubbliche, ONG, organizzazioni dei rifugiati, istituzioni religiose, reti di volontariato, scuole, università, fornitori di servizi, potenziali datori di lavoro).

Priorità 4. Promuovere la rapida integrazione dei cittadini di Paesi terzi nel mercato del lavoro attraverso la cooperazione rafforzata e la mobilitazione dei datori di lavoro e delle parti economiche e sociali (budget disponibile: 8.000.000 euro)
Obiettivi:
- promuovere l’integrazione nel mercato del lavoro di cittadini di Paesi terzi, creando partenariati transnazionali con tutti gli attori interessati - in particolare parti economiche e sociali, datori di lavoro, servizi per l’impiego, autorità locali e nazionali - per favorire lo sviluppo di strumenti, metodologie, capacity building e lo scambio di esperienze;
- sensibilizzare sulle condizioni necessarie per una rapida ed efficace integrazione nel mercato del lavoro di cittadini di Paesi terzi, nonché sui suoi benefici in termini economici e sociali e mobilitare i datori di lavoro e gli altri attori chiave perché divengano attivi su questo tema.

Priorità 5.
Integrazione delle vittime della tratta (budget disponibile: 3.570.000 euro)
Obiettivi:
- assicurare che le vittime ricevano assistenza e sostegno adeguati non appena vi sono ragionevoli elementi per ritenere che la persona sia vittima della tratta;
- garantire misure di assistenza e sostegno specifiche per donne e bambini, anche tenendo conto dei bisogni specifici delle vittime;
- garantire l’integrazione dei cittadini di Paesi terzi vittime di tratta nella società di accoglienza, tenendo conto della prospettiva delle vittime e nell’ottica di trovare una soluzione duratura.

Il bando è rivolto a enti pubblici (autorità locali, servizi pubblici per l’impiego, servizi per la gioventù, istituti di istruzione) e a enti non-profit stabiliti in uno degli Stati UE (escluso Danimarca in quanto unico Paese UE che non partecipa al Fondo), nonché a organizzazioni internazionali.

I progetti devono essere realizzati da una partnership costituita da almeno 3 organismi ammissibili stabiliti in almeno 2 diversi Stati UE. Unicamente per i progetti relativi alla priorità 5 il partenariato minimo richiesto è di 2 partner di 2 diversi Stati UE.

I progetti proposti potranno essere cofinanziati fino al 90% dei loro costi totali ammissibili. La sovvenzione richiesta deve essere compresa tra 450mila e 1milione di euro per i progetti relativi alle prime quattro priorità, tra 200mila e 500mila euro per i progetti focalizzati sulla priorità 5.

La scadenza per presentare proposte è il 1° marzo 2018.

Titolo - Fondo Asilo, migrazione e integrazione: Bando AMIF-2017-AG-INTE - Progetti transnazionali per l’integrazione di cittadini di Paesi terzi

link al bando in originale
https://ec.europa.eu/home-affairs/content/call-proposals-area-integration-third-country-nationals-2017-amif-2017-ag-inte_en
per info:
Lamoro scarl
Via Leopardi, 4 14100 Asti
info@lamoro.it
0141 532516
 
9/01/2018







blog comments powered by Disqus


Lercaro: vertice sindaci - sindacati

Ovada | Come assicurare continuità alla Casa di riposo. La Cisl prosegue con la proposta di farne punto di riferimento per la non autosufficienza in attesa di dettagliare meglio

Politica e protezionismo spaventano gli industriali: "Che farà il Governo?"

Alessandria | Luci ed ombre sulle previsioni delle industrie piemontesi. In provincia la situazione, per certi versi, non è così negativa. Ma tutti temono i dazi e le conseguenti ripercussioni sull'export - unica grande speranza delle produzioni -, in attesa che il Governo palesi la linea che vorrà seguire

Nuove autostrade per aiutare la logistica, il piano di Confindustria

Alessandria | La logistica pare essere l'unica carta vincente per la provincia di Alessandria. Confindustria ha incontrato i consiglieri regionali e i parlamentari (non tutti) per parlare del polo della Valle Scrivia, di nuove uscite autostradali, della cassa integrazione in scadenza. E pure dell'alluvione del '94

Pensioni: mese di luglio e la quattordicesima

Provincia | Per i pensionati italiani la rata della pensione di luglio è più ricca delle altre mensilità perché, da circa dieci anni, in questo mese l’Inps, oltre alla cifra ordinaria, riconosce anche la somma aggiuntiva, meglio conosciuta come “quattordicesima” mensilità dei pensionati

Unica offerta per la Borsalino: dieci milioni da Philippe Camperio

Alessandria | Un solo interessato, lo svizzero Camperio che fin dall'inizio gli aveva messo gli occhi addosso, affittando il marchio. Il fallimento si conclude sette mesi dopo: fatti salvi improbabili colpi di scena il cappellificio passerà completamente (brand e stabilimento) alla Haeres Equita