Ovada

Gestione Acqua: ingresso a Ovada, Cassano e Strevi

Gestirà acquedotto, fognatura e depurazione delle acque. A Ovada prevista l'apertura di uno sportello. L'azienda si occuperà anche dell'acquedotto di Madonna delle Rocchette. Quattro assunzioni

OVADA - Il testimone passa da Ireti a Gestione Acqua spa. Cambio della guardia a Ovada con l’apertura del 2018 nella gestione del servizio idrico integrato (acquedotto, fognatura, depurazione delle acque). Da ieri l’azienda si occupa anche dell'acquedotto di Madonna delle Rocchette che serve cinque Comuni (Mornese, Montaldeo, San Cristoforo, Castelletto d’Orba e Parodi Ligure), oggetto a fine ottobre dell’emergenza per una presenza di metalli eccessiva. Gestione Acqua passa a gestire il servizio idrico integrato anche a Strevi e Cassano Spinola, “un’acquisizione di competenze – fanno sapere i vertici – importante per trovare ulteriori sinergie tra i 71 comuni attualmente gestiti dalla società del Gruppo Acos”.  la popolazione servita nel territorio aumenterà di 15 mila abitanti, inoltre, saranno erogati 1 milione e mezzo di metri cubi in più di acqua. Previste quattro nuove assunzioni.

“L’ulteriore accorpamento dei Comuni serviti da Gestione Acqua S.p.A comporterà, - dice l’ingegner Vittorio Risso, direttore di Gestione Acqua S.p.A.- senza dubbio, un maggior impegno da parte della nostra Azienda, impegno che rispecchia, per altro, le direttive dell’Ato 6 di arrivare ad un unico gestore del servizio idrico integrato. Non mancherà anche lo sforzo finanziario attraverso investimenti che andranno a migliorare gli impianti e le reti di approvvigionamento. In questo quadro va anche inserita l’acquisizione di Madonna delle Rocchette e del Comune di Cassano Spinola dove l’Azienda espletava già il servizio di depurazione”.

E’ prevista l’apertura ad Ovada di uno sportello per gli utenti. Per eventuali segnalazioni e informazioni sono attivi i seguenti numeri verde 800338400 – 800220330. Indirizzo mail info@gestioneacqua.it

2/01/2018







blog comments powered by Disqus


Koster, Solero Scarl e Euroimpresa: “noi sciacalli? La nostra è l'unica proposta che può salvare Aral, creditori e lavoratori”

Alessandria | Le tre ditte creditrici di Aral si “difendono” dalle accuse di “sciacalli” per le azioni di pignoramento messe in atto e spiegano la loro proposta “impattante e inusuale” ma che è l'unica che può salvare Aral, i creditori e anche tutti i posti di lavoro con una "conversione tra quote e capitale“. Mentre l'offerta di affitto di ramo d'azienda è “antieconomica” con perdite da 100 mila euro al mese e senza speranza per i creditori di recuperare il 50%

“Aral non paga il fornitore, da mesi 17 lavoratori senza stipendio”

Alessandria | Sciopero e presidio dei lavoratori di Ressia Trasporti e Rst, fornitori di Aral: “da almeno due mesi non ricevono lo stipendio, hanno crediti non saldati per centinaia di migliaia di euro nei confronti di Aral”

"Integrazione" tra Azienda Ospedaliera e Asl Al "per offrire servizi migliori e rispondere alle esigenze"

Economia e Lavoro | L'allineamento di vedute dei due nuovi direttori di Azienda Ospedaliera, Giacomo Centini, e Asl Al, Antonio Brambilla passa attraverso la parola e l'azione di "integrazione" tra le due realtà. Una integrazione che deve portare a supportare l'alta specialità in tutte le realtà locali, attraverso la digitalizzazione, la riduzione di tempi nelle liste di attesa. Ma che deve passare anche attraverso una “riorganizzazione” che stimoli e aiuti a “ fare rete”

Basta morti sul lavoro, sindacati e Prefettura pensano ad un protocollo

Provincia | Un centinaio i manifestanti dei sindacati Cgil, Cisl e Uil davanti alla Prefettura di Alessandria in occasione dello sciopero di quattro ore proclamato per chiedere misure di sicurezza sui luoghi di lavoro. Quattro gli incidenti da inizio anno in Provincia. L'ultimo alla Sli di Vignole dove ha perso la vita un giovane di 22 anni

Il “caso” Kme discusso davanti al ministero dello Sviluppo Economico

Lavoro | Sindacati e azienda sono stati convocati il prossimo 22 giugno dal ministero dello Sviluppo Economico per esaminare il piano industriale sul futuro del gruppo industriale in Italia. I sindacati chiedono garanzie sugli ammortizzatori sociali