Novi Ligure

I segreti degli stabilimenti manifatturieri si scoprono con "Fabbriche aperte"

Quanto č complesso produrre gli oggetti che utilizziamo quotidianamente? Per due giorni sarą possibile scoprire il funzionamento di una impresa manifatturiera grazie a "Fabbriche aperte", Coinvolti 16 stabilimenti in provincia, anche a Novi Ligure, Basaluzzo, Serravalle Scrivia e Borghetto Borbera

NOVI LIGURE – Cosa c’è dietro le quinte di una fabbrica? Quanto è complesso produrre gli oggetti che utilizziamo quotidianamente e che diamo per scontati? Venerdì 26 e sabato 27 ottobre sarà possibile scoprire il funzionamento di una impresa manifatturiera grazie a “Piemonte fabbriche aperte”, la manifestazione organizzata dalla Regione in collaborazione con ben 137 stabilimenti industriali, 16 dei quali in provincia di Alessandria.

Nella zona del novese, sarà ad esempio possibile visitare la Specialacciai di Novi Ligure, la BundyRefrigeration di Borghetto Borbera, la Kme di Serravalle Scrivia, la Pca Prodotti Chimici Alimentari e la Prisma Impianti di Basaluzzo. Nel tortonese, porte aperte alle Cantine Volpi di Tortona, alla Huhtamaki Flexibles di Carbonara Scrivia, al Parco Scientifico e Tecnologico e alla Proplast di Rivalta Scrivia. La Eltek di Casale, la Euromac Costruzioni Meccaniche di Villanova, la distilleria Mazzetti di Altavilla, la Sandenvendo di Coniolo e la Zerbinati di Borgo San Martino sono invece le aziende coinvolte nel Monferrato casalese. Infine, a Spinetta Marengo, sarà possibile visitare la Michelin e la Solvay Specialty Polymers.

“Piemonte fabbriche aperte” è alla sua seconda edizione: all’esordio, lo scorso anno, la manifestazione aveva fatto registrare più di 5 mila partecipanti. L’ingresso alle diverse aziende è gratuito, ma è obbligatorio prenotarsi sul sito sito www.piemontefabbricheaperte.it: qui si potrà consultare l’elenco delle imprese disponibili, una breve descrizione delle rispettive attività manifatturiere, le informazioni di tipo logistico e le richieste particolari per poter effettuare la visita. In alcuni casi, ad esempio è sufficiente indicare il proprio nominativo, in altri è necessaria anche un’età minima per i partecipanti.

«La tradizione manifatturiera – ha dichiarato l’assessore regionale alle Attività produttive, Giuseppina De Santis – è una delle ricchezze del nostro territorio. Ci portiamo dietro questo grande retaggio di competenze e dobbiamo dire grazie alle imprese e alle persone che ci lavorano, perché sono loro che creano reddito, lavoro e opportunità di crescita. Dalla nostra manifattura arrivano opportunità per tutti e questa operazione ha il significato di costruire l’occasione in cui una comunità può acquisirne coscienza».
22/10/2018







blog comments powered by Disqus


Di Mario: "Dobbiamo trovare un percorso per salvare Pernigotti"

Novi Ligure | "Dobbiamo trovare un percorso per salvare questo marchio storico". Lo ha detto il vicepremier Luigi Di Maio, rispondendo alla Camera al question time del capogruppo di LeU Federico Fornaro sulla Pernigotti di Novi Ligure

Pernigotti, la Regione valuta l'acquisizione di marchio e fabbrica

Novi Ligure | Sarą la Regione Piemonte a salvare la Pernigotti? Il consiglio regionale ha approvato un ordine del giorno che contempla "la possibilitą di acquisire dalla Toksoz il marchio Pernigotti, i suoi brevetti e lo stabilimento di Novi Ligure"

Pernigotti, con tricolore e Costituzione l'appello degli operai a Mattarella

Novi Ligure | Gli operai della Pernigotti hanno manifestato in stazione a Novi Ligure, dove sorgono le 12 installazioni dedicate ai principi fondamentali della Costituzione, e hanno letto un appello al presidente Mattarella

Potenziati i collegamenti ferroviari merci da e per il porto di Genova

Rivalta Scrivia | Mercitalia Rai ha attivato dieci ulteriori treni merci a settimana per il trasporto di container marittimi fra il porto di Genova e l'Interporto di Rivalta Scrivia, l'Interporto di Padova e Milano Smistamento

"Gił le mani dalla Pernigotti": una cittą compatta a difesa della fabbrica

Novi Ligure | Muliere chiede che i Toksoz vendano fabbrica e marchio a imprenditori italiani e garantisce che nell'area dello stabilimento "non ci saranno speculazioni". I sindacati si preparano per portare a Roma tutti i dipendenti. Malpassi: "Due anni di 'cassa' per ristrutturazione, non accettiamo la cessazione"