Lavoro

Il “caso” Kme discusso davanti al ministero dello Sviluppo Economico

Sindacati e azienda sono stati convocati il prossimo 22 giugno dal ministero dello Sviluppo Economico per esaminare il piano industriale sul futuro del gruppo industriale in Italia. I sindacati chiedono garanzie sugli ammortizzatori sociali

LAVORO – Il futuro di Kme Italia sarà all'esame del Mise, ministero dello Sviluppo Economico, il prossimo 22 giugno. Per quella data, infatti, i vertici dell'azienda e i sindacati sono chiamati a confrontarsi sul piano industriale già illustrato, a grandi linee,alle organizzazioni sindacali.
Tra gli altri temi all'ordine del giorno ci sono gli ammortizzatori sociali. Stanno infatti per scadere quelli attualmente in vigore e i sindacati chiedono che vengano”riconosciuti specifici ammortizzatori sociali per accompagnare la fase di rilancio, in modo che vengano garantiti i livelli occupazionali”.
“Crediamo sia importante poter discutere in sede ministeriale delle prospettive diKme e dell'integrità del gruppo in Italia”, dice il coordinamento di Fiom Cgil per Kme.

Il gruppo metalmeccanico che opera nel settore di rame e ottone “rientra tra gli importanti conglomerati industriali nazionali e deve risentire dell'attenzione anche da parte del governo al fine di garantire una prospettiva certa e le missioni produttive di tutti gli stabilimenti”.
Kme ha uno stabilimento a Serravalle Scrivia, dove sono presenti le lavorazioni di rame e ottone, sebbene i due settori produttivi facciano riferimento a due diverse società, facenti parte però dello stesso gruppo. Sono circa 600 i dipendenti. Lo stabilimento di Serravalle ha conosciuto diversi periodi storici, riposizionamenti e ristrutturazioni ma è sempre stato uno dei punti di riferimento del gruppo in Italia.
20/06/2018







blog comments powered by Disqus


Lercaro: vertice sindaci - sindacati

Ovada | Come assicurare continuità alla Casa di riposo. La Cisl prosegue con la proposta di farne punto di riferimento per la non autosufficienza in attesa di dettagliare meglio

Politica e protezionismo spaventano gli industriali: "Che farà il Governo?"

Alessandria | Luci ed ombre sulle previsioni delle industrie piemontesi. In provincia la situazione, per certi versi, non è così negativa. Ma tutti temono i dazi e le conseguenti ripercussioni sull'export - unica grande speranza delle produzioni -, in attesa che il Governo palesi la linea che vorrà seguire

Nuove autostrade per aiutare la logistica, il piano di Confindustria

Alessandria | La logistica pare essere l'unica carta vincente per la provincia di Alessandria. Confindustria ha incontrato i consiglieri regionali e i parlamentari (non tutti) per parlare del polo della Valle Scrivia, di nuove uscite autostradali, della cassa integrazione in scadenza. E pure dell'alluvione del '94

Pensioni: mese di luglio e la quattordicesima

Provincia | Per i pensionati italiani la rata della pensione di luglio è più ricca delle altre mensilità perché, da circa dieci anni, in questo mese l’Inps, oltre alla cifra ordinaria, riconosce anche la somma aggiuntiva, meglio conosciuta come “quattordicesima” mensilità dei pensionati

Unica offerta per la Borsalino: dieci milioni da Philippe Camperio

Alessandria | Un solo interessato, lo svizzero Camperio che fin dall'inizio gli aveva messo gli occhi addosso, affittando il marchio. Il fallimento si conclude sette mesi dopo: fatti salvi improbabili colpi di scena il cappellificio passerà completamente (brand e stabilimento) alla Haeres Equita